Condividi la notizia

Le Interviste del Direttore

"Un Grande Rinascimento per la Pubblica Amministrazione"

Angelo Rughetti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, annuncia gli obiettivi della riforma per la P.A.

  • Ruolo unico della Dirigenza e carriera a termine

  • Licenziamento del Dirigente privo di incarico

  • Valutazione dei risultati non del singolo ma del gruppo

  • Retribuzione di risultato subordinata all’andamento dell’economia

  • Trasparenza e semplificazione attraverso gli open-data

  • Una sola scuola nazionale della Pubblica Amministrazione

  • Gestione manageriale dei poli museali

  • Le incompatibilità dei Giudici Amministrativi

  • Apertura del Governo all’ascolto di cittadini e dipendenti pubblici

 

1) Quali novità il Governo intenderà approvare nel prossimo mese di giugno in materia di personale?

Il Governo ha proposto in una lettera indirizzata a tutti i dipendenti pubblici, a firma Presidente del Consiglio e Ministro Madia, ben 44 punti di proposte per la riforma della Pubblica Amministrazione da discutere e considerare alla luce delle risposte che arriveranno alla Presidenza del Consiglio da parte dei diretti interessati che nella Pa lavorano. Il Consiglio dei Ministri che si terrà, come da indicazioni del Premier Renzi il 13 giugno, terrà conto di queste proposte e le integrerà all’azione di Governo. La riforma che vareremo sarà fatta con i dipendenti pubblici e non contro gli stessi, come più volte è accaduto negli anni scorsi.

2) Come cambierà la Dirigenza pubblica?

Le ipotesi considerate dal Governo ed ora al vaglio dei dipendenti pubblici vertono sull’introduzione del ruolo unico della dirigenza e sull’abolizione delle fasce della stessa dirigenza. La carriera potrebbe essere basata su incarichi a termine ed è prevista la possibilità del licenziamento del dirigente che rimane privo di incarico oltre un termine che la stessa legge stabilirà. 

3) In particolare, verrà anche rivisto il sistema di valutazione del dirigente pubblico? Si andrà verso una valutazione reale dei risultati?

Certo. La valutazione dei risultati sarà fatta seriamente, dovrà tener conto del risultato di tutto un gruppo di lavoro, di un ufficio e non sarà più legata al risultato conseguito dal singolo. Si procederà per obiettivi certi e per lavoro di staff. Inoltre la retribuzione di risultato erogata dovrà tener conto dell’andamento dell’economia. Se il Paese cresce, anche la parte variabile dello stipendio crescerà, altrimenti nell’altra ipotesi sarà chiesto un sacrificio anche al pubblico impiego.

4) Cosa farà il Governo in materia di semplificazione e di trasparenza?

Gli Open data saranno lo strumento opportuno per offrire trasparenza semplificando, digitalizzando i servizi. Obiettivo prioritario del Governo è quello di rendere, ad esempio, pubblici i dati sull’utilizzo delle risorse pubbliche e le nuove tecnologie saranno utilizzate per rendere comprensibili per ogni cittadino gli infiniti passaggi burocratici ora in uso in tutte le PA. Quello che si cercherà di realizzare metterà al centro la vita dei cittadini. Mai più code ma razionalizzazione di tempi, costi e modalità di comunicazione con la PA.

5) Come verrà organizzata l’Alta formazione per funzionari e dirigenti pubblici?

Il Governo ha valutato l’opportunità di avere in attivo una sola scuola nazionale della Pubblica Amministrazione a fronte di quelleattuali. Anche questa una delle ipotesi contenuta nella lettera ai dipendenti pubblici…

6) Quale sarà il futuro delle Autorità? Quali sono le altre misure che il Governo intende prendere in materia di organizzazione  dell’Amministrazione? (appalti, Autorità portuali, riduzione aziende municipalizzate)

E’ prevista, solo per accennare alcuni punti, una riorganizzazione di tutto il sistema delle autorità indipendenti ma non solo. Si partirà dalla riorganizzazione strategica della ricerca pubblica con l’aggregazione degli enti che spesso svolgono funzioni simili, si proseguirà sulla strada della gestione associata di funzioni essenziali per le amministrazioni sia centrali che locali. Ma allo studio del Governo vi è anche l’accorpamento delle sovrintendenze con la gestione manageriale dei poli museali, la razionalizzazione delle autorità portuali e la riduzione delle aziende municipalizzate. Troppe circa 8 mila aziende municipalizzate, Renzi ha detto più volte di volerle portale a non più di 1.000 in poco tempo. Come vede sono molte le proposte, compresa quella della riorganizzazione della presenza dello Stato sul territorio con la razionalizzazione delle sedi della Prefettura e della Ragioneria dello Stato, su cui si sta incentrando l’attenzione del Governo e che ora sono al vaglio dei cittadini e dei dipendenti pubblici.

7) Quanto è stato utile il lavoro di Cottarelli nella riduzione della spesa pubblica?

Il prof. Cottarelli ha svolto e sta ancora svolgendo un lavoro utilissimo per individuare i centri della spesa pubblica su cui si possono operare dei tagli di spesa senza per questo ridurre allo stesso tempo servizi ai cittadini. Di certo, individuati questi punti è la politica che deve operare le proprie scelte e nessuno può esimersi dalla valutazione iniziale. Data la traccia iniziale, infatti, ciò non toglie che siano le amministrazioni tutte ad operare anche ulteriori tagli di spesa sempre con l’obiettivo del risanamento dei conti pubblici. Per dirla con Renzi, sono troppi i politici italiani ma anche la Pubblica amministrazione italiana è complicata. L’Italia, i cittadini non possono più permettersi di vivere continue emergenze, sia economiche che politiche, la normalizzazione del sistema passa anche attraverso la riduzione degli evidenti costi inutili.

8) Cosa intende fare il Governo sulla giustizia amministrativa?

Partendo dal rendere più rigoroso il sistema di incompatibilità dei magistrati amministrativi e dalla modifica del Codice degli appalti, il Governo ha previsto la possibilità di inasprire le sanzioni nelle controversie a carico dei ricorrenti e degli avvocati per le liti temerarie, ma ciò va di pari passo con la modifica della disciplina della sospensione cautelare negli appalti pubblici e con la condanna automatica alla spese nel giudizio cautelare se il ricorso non è accolto.

9) Dopo aver svolto un lavoro eccellente al vertice dell’ANCI come sta vivendo questa nuova esperienza?

E’ un’esperienza appassionante, di grande studio, impegno e collaborazione con il Ministro Madia su i passaggi più complicati di questa riforma che vareremo tra meno di un mese. L’apertura del Governo all’ascolto dei cittadini e dei dipendenti pubblici sulla riforma porta anche ad un senso di responsabilità maggiore perché questa riforma potrebbe, e ne sono sicuro, essere un grande “Rinascimento” per la Pubblica Amministrazione.

Enrico Michetti

(16 maggio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 gennaio 2017
Riforme | Il parere sul quesito posto dal Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

11 ottobre 2014
Spending review | Carburante, telefonia, energia, e tanto altro. Non sempre gli Enti pubblici rispettano la legge sull'acquisto centralizzato dei servizi. L'Autorità Anticorruzione pubblica i risultati dell'indagine effettuata con il Commissario Cottarelli.

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2015
lavoro | I chiarimenti del Ministero del Lavoro sull'attuazione del Programma Garanzia Giovani su stage ed impossibilità di instaurare un "tirocinio" se tra il tirocinante e il titolare dell'impresa ospitante c'è vincolo di parentela.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
AgID | Un nuovo marchio distintivo. Più semplice per tutti riconoscere immediatamente dove poter utilizzare il sistema dei pagamenti della PA.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2016
Acquisti di beni e servizi | I dati della rilevazione effettuata dal MEF ed ISTAT nel 2015 sugli acquisti del 2014.

 
 
Condividi la notizia

15 gennaio 2015
Ministero dell'Interno | Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che disciplina il documento amministrativo informatico in attuazione del Codice dell'amministrazione digitale.

 
 
Condividi la notizia

8 febbraio 2015
Legge di Stabilità | Il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Rughetti, ha risposto alle domande sulla riduzione della dotazione del personale delle città metropolitane e delle province.

 
 
Condividi la notizia

22 ottobre 2016
Corte di Cassazione | La sentenza n. 20690/2016 sul valore (relativo) da attribuire al comportamento delle parti.

 
 
Condividi la notizia

9 gennaio 2015
Legge di Stabilità 2015 | Le P.A. acquirenti di beni e servizi devono versare direttamente all'erario l’imposta sul valore aggiunto che è stata addebitata loro dai fornitori.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2016
Corte Cassazione | Se l'autorità amministrativa si difende in giudizio senza avvocato, ma personalmente o con un proprio funzionario delegato, sono liquidabili solo le spese affrontate e indicate in apposita nota.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2017
Occupazione | La rassegna delle opportunità di impiego nella Pubblica Amministrazione

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2015
Riforma della P.A. | La Camera ha approvato in seconda lettura il d.d.l. presentato dal Governo. Il provvedimento torna ora all'esame del Senato.

 
 
Condividi la notizia

5 dicembre 2014
Funzione Pubblica | I chiarimenti del Ministro Madia sui nuovi divieti della pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Semplificazione della P.A. | Il Ministero dello Sviluppo Economico riduce la distanza tra Pubblica Amministrazione, cittadini e aziende.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.