Condividi la notizia

Archeologia

Nuove immagini dal possibile sepolcro di Alessandro Magno

Scoperto il capitello delle lesene del portale d'accesso alla tomba. Si rimuovono terra e detriti giorno dopo giorno e si infittisce il mistero sul possibile ospite della tomba Kastà.

Nella località Kastà nei pressi della cittadina di Anfipoli nella Grecia settentrionale non si ferma il flusso di turisti e curiosi che vogliono vedere, seppur da lontano, la tomba che sta tenendo col fiato sospeso non solo la Grecia ma storici e archeologi di tutto il mondo.

Ieri una prima entusiasmante scoperta. Dopo aver rimosso una fila di pesanti blocchi che coprono il portale d'accesso alla tomba sono apparse le lesene stuccate del portale, che mostrano chiaramente tracce di colore. Rosso blu e nero, colori analoghi a quelli ritrovati in altre tombe macedoni, tra cui spicca quella di Filippo II a Verghìna. E' stata poi rimossa una grande quantità di terra e detriti accumulati dietro le due sfingi, ora pienamente visibili.

Ministero della Cultura della Repubblica Greca

Il grande interrogativo che finora resta privo di una risposta riguarda tuttavia l'identità di colui che è sepolto in quella enorme tomba, simile come concetto architettonico a mausolei imperiali romani come quello di Augusto o quello di Adriano (Castel Sant'Angelo). 

Inutile negare che le aspettative degli archeologi sono molto alte. In Grecia non è mai stata ritrovata una tomba così grande ed è evidente che tutti pensino alla possibilità che quello sia l'ultima dimora di Alessandro Magno. Numerosi archeologi in ogni caso smentiscono questa ipotesi, sostenendo che Alessandro sarebbe sepolto ad Alessandria, dove, fra l'altro, il suo corpo fu visto sia da Cesare che da Ottaviano. Tuttavia la storia dell'ultimo viaggio di Alessandro che ricaviamo dalle fonti non è così lineare.

Claudio Eliano, nella sua Storia Varia, scritta nel II secolo d.C. ci racconta che il corpo di Alessandro rimase bloccato a Babilonia, luogo del suo trapasso, per circa 30 giorni, mentre i suoi generali cercavano di accordarsi in merito al luogo di sepoltura. In quel momento l'indovino di corte, Alessandro di Telmesso, gettò benzina sul fuoco garantendo che il luogo di sepoltura di un re così grande e vittorioso avuto a sua volta garanzia di prosperità e vittoria. Così quando il corteo funebre era in marcia verso la Macedonia, fu intercettato nei pressi di Damasco dagli emissari di Tolomeo che "se bisogna credere a questa versione" - precisa Eliano - sostituì il cadavere di Alessandro diretto in Macedonia con un fantoccio. 

Dunque già dall'antichità il corpo di Alessandro fu oggetto di contesa, addirittura di sostituzioni, intercettazioni lungo la via del ritorno, doppie tombe e vari inganni. Ma non è da escludere che il corpo di cui si impossessò Tolomeo fosse proprio il fantoccio e non quello di Alessandro e che quello che Cesare e Ottaviano videro ad Alessandria secondo le fonti storiche fosse solo un sarcofago dipinto o una mummia con una maschera funebre d'oro. 

A soccorso di chi spera che nella tomba di Kastà si celi il corpo del grande condottiero macedone potrebbe giungere poi l'aiuto dell'etnografia. Ricercando tracce di un così imponente monumento nelle leggende popolari dell'area di Anfipoli, mi è capitato infatti di imbattermi in una antica leggenda del villaggio di Mesolakkià, a pochissimi chilometri dalla tomba Kastà. Qui potrebbe permanere ancora incredibilmente vivido il ricordo della storia delle due sfingi o meglio delle due tombe di Alessandro in un racconto popolare leggendario.

La storia è ricordata come quella delle "Pietre drago". E' riportata nel volume di Nikolaos Politis (grande etnografo greco) dal titolo "Ricerce sulla vita e la lingua del popolo greco", pubblicato nel 1874. Narra della storia di un grande re che aveva una figlia. Nel suo regno c'erano due enormi pietre di forma uguale. Il re doveva dare in sposa la figlia a due re vicini. E per non scontentarli e decidere equanimemente chi dovesse sporarla, li sottopose a due prove. La prima: sollevare le due enormi pietre-drago perfettamente uguali. La seconda: costruire due alte torri. Ma nonostante ciò i due superarono entrambe le prove. E quindi combatterono fra di loro. E morirono. Anche la principessa decise di non sposarsi più e si fece suora. E morì anche lei. 

Forse sono solo fantasie, ma le due pietre drago possono essere tranquillamente le due sfingi, già note evidentemente in tempi antichi (lo dimostrano alcune delle pietre di accesso rimosse e la colmata di terra interna al corridoio d'accesso), ma inamovibili, quindi misteriose e temibili. 

I due re che si combattevano la principessa possono essere Tolomeo e Perdicca o Tolomeo e Cassandro, insomma i diadochi che ambivano a mantenere la discendenza da Alessandro. Entrambi costruiscono due torri (il sema/soma di Alessandria e la tomba Kastà). Entrambi muoiono e la principessa - Rossane - vedova e afflitta muore anche lei perché rifiuta di sposarsi nuovamente. 

Non sarà dunque un caso che la principessa del racconto si chiami Foteinì (Splendente, rilucente), traduzione perfetta di Rossane che in persiano significa "piccola stella splendente". 

Intanto poco fa la direttrice degli scavi Katerina Peristeri ha annunciato pubblicamente che la tomba con ogni probabilità non è mai stata saccheggiata nell'antichità.  

Francesco Colafemmina

(22 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

13 agosto 2014
Archeologia | Dopo i primi annunci del 2012, oggi la conferma che ad Anfipoli, nel nord della Grecia, siamo dinanzi ad una delle più straordinarie scoperte dell'archeologia moderna.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2014
Archeologia | Dopo la scoperta, pochi giorni fa, delle due cariatidi all'interno della tomba Kastà di Anfipoli, le immagini delle due sculture in marmo di Thasos fanno il giro del mondo.

 
 
Condividi la notizia

26 giugno 2014
Riforme | Approvata la legge che riconosce i professionisti della cultura. Franceschini, una legge importante e attesa da tempo nel mondo dei beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2016
Governo | Il nuovo sito per assegnare ai ragazzi del 1998 residenti in Italia 500 euro da spendere in cultura a partire da ottobre fino al 31 dicembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2014
Grandi Comuni | Il 93% dei Comuni investe meno di €100 a cittadino per la cultura. Sul podio troviamo Firenze, Trieste e Venezia, in fondo alla classifica Bari, Napoli e Messina.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2014
Andrea Marcucci, Presidente della Commissione Istruzione Pubblica, Beni Culturali del Senato | La defiscalizzazione dei contributi alla cultura consente di superare le difficoltà del passato | Facilità di appalti e concessione delle opere ma anche controlli ferrei | Turismo, valorizzare il rapporto pubblico e privato | Incentivi fiscali fino al 65% alle aziende e ai privati | Edilizia scolastica, dal Governo 3,5 miliardi di euro per la sicurezza dei ragazzi | L'Università del futuro faciliterà l'accesso al mondo del lavoro | Salvaguardare e valorizzare il patrimonio culturale con il turismo è una responsabilità etica e morale | Va innescato un circolo virtuoso di partecipazione collettiva alla salvaguardia del patrimonio culturale | Mai più esempi come Pompei

 
 
Condividi la notizia

19 giugno 2014
Bellezze artistiche | La manifestazione e' alla terza edizione e prosegue l'iniziativa avviata nel 2012 con il "Manifesto della Cultura"

 
 
Condividi la notizia

13 ottobre 2014
Fisco | L'annuncio del ministro della cultura Franceschini: il Fisco valuterà le opere proposte dai contribuenti che non hanno liquidità per poter pagare le tasse.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
Ius sepulchri | Per il Consiglio di Stato nessuna preclusione all'esercizio dei poteri autoritativi da parte della Pubblica amministrazione concedente.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2015
Conti pubblici | Circa 10 miliardi di euro derivano da prestiti bilaterali ed altri 25,7 mld dai contributi forniti dal nostro Paese al fondo salva-stati.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2014
Istat | L'Europa meridionale e gli effetti della crisi. In Germania l'occupazione è aumentata di un milione e 909mila

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2014
Disoccupazione | Sono questi i dati che emergono da uno studio dell'associazione Bruno Trentin della Cgil. A pesare la percentuale di popolazione inattiva.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2015
Vivere sano | Seguire a dieta mediterranea consigli, novità e cultura

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2015
Mibact | L'iniziativa è volta a sostenere, incoraggiare e valorizzare la autonoma capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo culturale.

 
 
Condividi la notizia

20 agosto 2015
Economia | Il Rapporto Unioncamere 2015 illustra tra l'altro le dinamiche occupazionali rispetto alle esigenze di specifici profili per le imprese.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.