Condividi la notizia

Stipendi pubblici

E se si cominciasse a premiare i migliori?

La spesa complessiva dello Stato per i dipendenti pubblici non e' alta rispetto agli altri Paesi; il problema e' che in Italia si spende male.

In un interessante articolo firmato da Maurizio Grosso, pubblicato su La Notizia giornale, si evidenzia come nel confronto con gli altri Paesi europei, l’Italia non spenda di più per pagare le retribuzioni dei dipendenti pubblici; semmai l’attenzione andrebbe spostata sul “come” si spende, con particolare riferimento alla “produttività”.

La questione si ripropone proprio nel momento in cui -nonostante le continue smentite del Governo- si amplificano a dismisura le voci riguardanti una possibile proroga del blocco degli stipendi degli statali.

Il dossier -secondo le notizie diffuse da La Notizia giornale- sarebbe all’attenzione del Tesoro, alla disperata ricerca di far quadrare i conti in vista della presentazione della Legge di Stabilità. Sul tema è stato evidenziato -e ne aveva dato notizia anche il nostro Quotidiano- che era già intervenuta la Corte dei Conti, con un rapporto di cui ha riferito ieri anche Repubblica.

In particolare, nel rapporto si evidenzia che nel 2013 lo Stato ha speso 164 miliardi di euro per pagare le retribuzioni ai suoi 3,3 milioni di dipendenti. Nell’ultimo triennio si è registrato un calo del 4,6% ed un risparmio di 8 mld di euro. In sostanza, si tratta dell’11% dell’intero Pil nazionale; mentre è stato segnalato che in Danimarca il rapporto col Pil si attesta addirittura al 19%, in Svezia al 14,4%, in Francia al 13,4% ed in Gran Bretagna all’11,5%. Solo in Germania si spende meno, con l’8% del Pil.

In pratica nel nostro Paese, in rapporto al prodotto interno lordo, si spende molto meno di altri; il problema -per la Corte dei Conti- è che si spende “sostanzialmente” male. Nel senso che non c’é attenzione alla “produttività” (cioé alla qualità del lavoro fornito); ma non sono condivisibili né apprezzabili neanche le scelte “a monte” che definiscono la “composizione della forza lavoro nel comparto pubblico”.

Per quanto riguarda in particolare quest’ultimo punto, il giudici contabili sottolineano che “la percentuale di dipendenti (pubblici) con età superiore ai 50 anni è pari al 50% per l’Italia”, mentre i maggiori Paesi industrializzati hanno tutti valori che “si avvicinano al 30%”.

In Francia il 6% dei dipendenti pubblici non ha ancora compiuto 25 anni ed il 22% si attesta tra i 25 e i 34 anni; mentre da noi solo 1 dipendente statale su 10 ha meno di 35 anni. Riflettendo su questi dati, si può quindi facilmente comprendere l’obiettivo evidenziato più di ogni altro dal Premier Renzi e dal Ministro Marianna Madia in occasione dell’annuncio del progetto di riforma della P.A. :”avviare anche un consistente ricambio generazionale”.

La Corte dei Conti, peraltro, ha puntato il dito soprattutto sul fatto che nelle amministrazioni pubbliche italiane è assolutamente insufficiente l’attenzione -ed in alcuni casi del tutto assente- per “la produttività”.

Secondo i giudici contabili, l’obiettivo principale dovrebbe essere costituito dalla “creazione di un effettivo sistema incentivante premiale con una entità di risorse adeguata, correlata a parametri macroeconomici, da distribuire tra le varie amministrazioni secondo criteri che privilegino i risultati ottenuti nella spending review”.

Se realizzata, si tratterebbe indubbiamente di una svolta epocale e foriera, con ogni probabilità, di un’inversione di tendenza e di un cambio di marcia assolutamente indispensabile per la nostra “macchina pubblica”, il cui motore si è da tanto tempo “inceppato”, dopo decenni di “egualitarismo disincentivante”, dove i tanti dipendenti e funzionari che svolgono con diligenza le loro mansioni, vengono spesso ricambiati con la beffa di vedersi trattati alla stessa maniera di colleghi assenteisti e noncuranti del proprio dovere.

Questa sì che sarebbe una vera rivoluzione. Staremo a vedere.

 

 

Moreno Morando

(23 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

21 luglio 2016
Previdenza | Anche i dipendenti pubblici devono inviare all'Inps la domanda di pensione diretta, di vecchiaia e anticipata utilizzando il servizio online

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2016
Previdenza pubblica | Emanata circolare INPS sui contributi lavoratori pubblici iscritti nella gestione ex inpdap

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Previdenza | Le posizioni assicurative degli iscritti alla gestione ex Inpdap rese note con comunicazione personale.

 
 
Condividi la notizia

2 giugno 2014
I Carabinieri li chiamano "furbetti" | Nell'articolo tutte le modalità fraudolente.

 
 
Condividi la notizia

3 febbraio 2015
Vantaggi economici | L'Inps concede sussidi al personale in presenza di documentate necessità determinate da gravi eventi che incidano sul bilancio familiare del dipendente.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2014
Riforma della P.A. | Consiglio dei Ministri il 13 giugno 2014 per l'approvazione della Riforma della P.A.Tre linee guida di governo e 30 giorni ai lavoratori pubblici per partecipare con proposte e suggerimenti

 
 
Condividi la notizia

15 febbraio 2015
INPS | I lavoratori del pubblico impiego come i lavoratori del settore privato, possono costruirsi una trattamento di previdenza complementare aderendo ad un fondo negoziale o ad una delle forme di previdenza individuali.

 
 
Condividi la notizia

27 gennaio 2015
Statali | Pubblicata dal Dipartimento della Funzione Pubblica la tabella del monitoraggio sui lavoratori pubblici che beneficiano della legge n. 104/1992.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2015
INPS | Avviata una prima sperimentazione per invio della proiezione previdenziale di circa 200mila addetti degli Enti locali.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Funzione Pubblica | Diramata la circolare n. 5/2015 sulla soppressione del trattenimento in servizio e modifica della risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro.

 
 
Condividi la notizia

27 dicembre 2017
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE | Con il nuovo contratto si ristabilisce un equilibrio tra diritti e doveri, previsti estensioni di tutele e contrasti a comportamenti opportunistici.

 
 
Condividi la notizia

21 novembre 2014
Lavoro | Dal 10 novembre è possibile richiedere gli incentivi per le aziende che assumono giovani fino ai 35 anni. Nell'articolo tutte le informazioni sulle procedure.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Finanziamenti | Le nuove istruzioni della Ragioneria Generale dello Stato sulle trattenute mensili sugli stipendi mediante l'istituto della delegazione convenzionale di pagamento.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Previdenza | Sono i trattamenti pensionistici erogati dall'Inps-Gestione Dipendenti Pubblici al primo gennaio di quest'anno.

 
 
Condividi la notizia

24 novembre 2015
Welfare | Consente a figli o orfani di dipendenti pubblici di studiare all'estero. Iscrizioni entro il 13 dicembre.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.