Condividi la notizia

CALCIO E TECNOLOGIA

Gol negato, Galliani torna sulla proposta dei sensori di porta

La palla colpita da Rami sembra essere entrata del tutto nella porta dell'Udinese, il Milan reclama il gol. L'A.d. rossonero scherza, ma non troppo: "Si vede che il colore bianconero condiziona un pò" tornando al gol di Muntari contro la Juventus.

Altro giro altra polemica. Nelle cronache domenicali legate alla giornata di Serie A appena andata in archivio, irrompe il solito, atavico, dilemma: tecnologia sì, o tecnologia no per aiutare l'operato degli arbitri?

A scatenare il polverone, ironia della sorte, è stato ancora una volta un episodio legato alle sorti del Milan. Dopo l'ormai celebre gol “fantasma” di Muntari contro la Juve del 2010, sono nuovamente i rossoneri a protestare: Rami di testa batte a rete sugli sviluppi di un corner, il portiere dell'Udinese Karnezis smanaccia il pallone sì, ma lo fa ben oltre la linea di porta. E' gol, ma non per il direttore di gara che, interpellato il famoso “arbitro di porta”, lascia proseguire innescando tutta una serie di polemiche si sono trascinate fin anche alle scorse ore.

LA POLEMICA – Neanche il tempo del triplice fischio finale (la partita il Milan, stavolta, l'ha vinta lo stesso grazie alla doppietta di Menez) che naturalmente è esplosa la polemica. A farsene portavoce l'a.d. meneghino Adriano Galliani, che nel post gara ha immediatamente invocato a gran voce l'ormai celeberrima “gol line technology”. Niente di diverso da quello che si è visto negli ultimi Mondiali di Brasile e che si sta vedendo in Inghilterra, dove gli arbitri vengono avvisati da un semplice “bip” sul proprio cronografo quando la sfera oltrepassa la linea di porta. Galliani, è noto, sa ben gestire dichiarazioni e battute così in un secondo momento commenta scherzando: “Si vede che il colore bianconero condiziona un po’…”.  E se il Milan non è contentissimo, lo ancor meno il patron dell’Udinese Gianpaolo Pozzo che a fine partita mentre Galliani sta già proponendo i sensori di porta sbotta: “Basta, non voglio più vedere Valeri, l'arbitro”. Poi aggiunge: “Non ce l'ho con l'uomo, ma con l'arbitro. Il rigore per me non c’era, ma si vede che qualcuno gli ha fatto vedere il presunto gol del Milan nel primo tempo e allora lui non ci ha più capito niente. Per compensare un presunto errore ne commette altri due o tre”. Pozzo ha il dente avvelenato: “Io lo sapevo perché Valeri ha più di un precedente con noi. Io ho rispetto di tutti, di chi lo ha designato e di chi ci sta dietro perché nel movimento siamo migliorati molto. Uno così non può arbitrare, può andare in C dove non si compromettono le cose, ma in A una sconfitta ha anche un risvolto economico. Quando vedono uno che non va bene lo buttino fuori, perché bisogna rovinare il calcio che è lo sport più bello del mondo? In questi momenti ti viene in mente di dire basta al calcio. Ha rovinato una partita. Se non lo vedo più in giro per i campi di calcio è meglio”. Parole che probabilmente rischiano di tener lui lontano da qualche campo più che l’arbitro…

TECNOLOGIA SI', TECNOLOGIA NO
– Il sistema di sensori di porta funziona? Chiedetelo a Josè Mourinho, che con il suo Chelsea, un mese fa circa, aveva prima pareggiato e poi vinto la sfida in casa del Liverpool proprio grazie alla gol line technology. E' successo anche al Manchester, che sabato scorso è andato in vantaggio nel delicatissimo incontro con l'Hull City proprio grazie al fatidico “bip” scattato sul cronometro in dotazione al direttore di gara. Qual è, dunque, la differenza tra Italia e Regno Unito? Semplice. L'Italia spende 1,6 milioni l'anno per i giudici di porta, arbitri in fase di “pensionamento” che, però, in quanto umani non riescono ad essere infallibili. In Premier League, invece, la tecnologia (c'è solo un 2% di possibilità d'errore) ha messo finalmente tutti d'accordo.

Giuseppe Bianchi

(1 dicembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 maggio 2015
Antitrust | Il procedimento riguarda la Lega di Serie A, Infront Italy s.r.l, Sky Italia s.r.l., R.T.I S.p.A. e Mediaset Premium S.P.A.

 
 
Condividi la notizia

14 agosto 2014
Nazionale di calcio | L'accordo e' stato raggiunto e non sembrano esserci piu' ostacoli. La scelta di Carlo Tavecchio e' caduta sull'ex allenatore della Juventus

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2015
Calcio e sicurezza | Il presidente della Federazione calcio Tavecchio ha illustrato al Ministro Alfano le misure adottate per avvicinare allo sport giovani e famiglie.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Calcio | Abdicano come Re Jaun Carlos aveva fatto qualche ora prima. L'Olanda fatica con l'Australia, ma Robben e Van Persie la fanno volare. Italia: Barzagli è out, Buffon potrebbe giocare. A Latina il Cesena guadagna la promozione in A.

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2014
CALCIO | L'allenatore bianconero affida ad un video l'annuncio e i saluti a squadra e tifosi dopo tre anni e tre scudetti vinti di seguito. La lettera del Presidente Agnelli

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2014
Gazzetta Ufficiale | Per far coincidere le iniziative programmate per il 9 e 10 giugno di celebrazione dei 100 anni di costituzione del Coni in via eccezionale la Giornata dello Sport e' stata posticipata all'8 giugno.

 
 
Condividi la notizia

9 novembre 2017
Pubblica utilità | I finanziamenti sono destinati alla costruzione o al completamento di impianti sportivi che si trovano nelle aree periferiche delle città.

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2014
Scintille fra Grillo e Renzi | In una giornata convulsa, cominciata con il rifiuto del PD di incontrarsi con il M5S e proseguita con una serie di pesanti accuse reciproche, alla fine i grillini hanno fornito la risposta scritta alle richieste avanzate dai democratici

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

18 novembre 2014
Corte di Cassazione | Entrare sul terreno di gioco è reato anche dopo il fischio finale dell'arbitro. Il principio espresso dalla Suprema Corte nella sentenza del 17 novembre 2014 in materia di manifestazioni sportive.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
TAR LAZIO | Il giudice amministrativo dichiara inammissibile il ricorso dell'arbitro Pietro Crescenti e prende atto della rinuncia dell'arbitro Stefano Gadda. Difetto di giurisdizione, e' questione interna alla giustizia sportiva.

 
 
Condividi la notizia

22 dicembre 2014
Federazione Italiana Gioco e Leghe calcio | Negato dal Giudice amministrativo nella sentenza del 22 dicembre l'acceso ai documenti per controllare il modus operandi della Federazione.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2016
Palazzo Chigi | Il Presidente del Consiglio e il Presidente del CONI Malagò hanno presentato il piano.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2014
Tra gladiatori e campioni di football | L'idea era stata lanciata dal Presidente della Roma Pallotta; ma l'esigenza di tutela del monumento non sembra -comunque- essere l'unico problema.

 
 
Condividi la notizia

17 settembre 2014
La nuova educazione fisica | Due ore di educazione fisica settimanali, un tutor sportivo all'interno della scuola e giochi sportivi in inverno ed a fine anno. Al via la nuova educazione fisica nelle scuole primarie.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.