Condividi la notizia

Regione Veneto

La legge sulla ricostituzione di Comuni soppressi in regime fascista è abrogata

I giudici del Supremo Consenso Amministrativo chiariscono definitivamente una vicenda giudiziaria durata trent’'anni.

Dalle ceneri del regime fascista, il legislatore del secondo dopoguerra tentò di sopperire allo stato di malcontento e pregiudizio degli abitanti dei Comuni soppressi e riqualificati in Frazioni. L’intento era quello di soddisfare – con la Legge 15 febbraio 1953, n.71 - “un’aspirazione allora presente, quando era ancora vivida la memoria delle preesistenti autonomie e della loro autoritaria soppressione”. La disposizione, consentiva, infatti, la ricostituzione dei Comuni soppressi dopo il 28 ottobre 1922, in deroga alla disciplina generale vigente in materia di istituzione di nuovi Comuni, anche ove la loro popolazione fosse stata inferiore al limite minimo di 3.000 abitanti.

L’applicazione di tale norma procurò non poche controversie. Una tra queste è quella definita dal Consiglio di Stato con sentenza n. 3823/2014.

I residenti della Frazione di Bottrighe, unitamente ad altri 1561 elettori residenti, proponevano nei primi anni ’80 un’istanza alla Regione Veneto (ai sensi dell'articolo unico della legge 15 febbraio 1953, n. 71, nonché della legge regionale 16 luglio 1973, n. 17) per la ricostituzione in Comune autonomo della loro Frazione, aggregata al Comune di Adria (Rovigo) durante il periodo fascista. Tale istanza respinta, fu il “prologo” di un contenzioso durato quasi trent’anni. Infatti, secondo la normativa regionale, per la creazione del nuovo Comune sarebbe stato ineludibile il requisito della popolazione minima di 5.000 abitanti stabilito dalla L. R. n. 17 del 1973.

I giudici della quinta sezione di Palazzo Spada hanno ridimensionato il principio di specialità – lex posterior generalis non derogat priori speciali -  in quanto non applicabile al caso in questione. Non potrà quindi darsi preferenza della norma speciale (Legge n. 71 del 1953) sulla norma generale regionale. Sul punto, si è espressa anche la Corte Costituzionale (con sentenza n. 1 del 1993).  Essa, in un caso analogo, ha ritenuto abrogata la normativa post-regime e  restrittive le disposizioni generali in materia che hanno regolato la disciplina delle istituzioni di nuovi Comuni; ciò per un’esigenza strutturale: evitare la dispersione di risorse per l’ eccessiva “polverizzazione”  delle circoscrizioni comunali e delle relative rappresentanze. 

In particolare, tali autorevoli argomentazioni – afferma il Consiglio di Stato – “possono ben essere spese per la nuova disciplina della materia" che in Veneto si era verificata sin dalla L.R. n. 17 del 1973. Questa aveva profondamente innovato il procedimento diretto alla costituzione di  Comuni, di Frazioni o altri nuclei autonomi e in particolare aveva modificato anche le condizioni sostanziali occorrenti per l’erezione in Comuni di Frazioni (elevazione da 3.000 a 5.000 della soglia minima degli abitanti interessati). 

Si era pervenuti, così, ad un fenomeno abrogativo, seppur limitato in ambito regionale, coerente all’art. 15 disp. prel. Cod. Civ. Infatti, l’entrata in vigore della legge regionale – secondo i giudici d’appello – ha “determinato l’abrogazione implicita di tutte le norme anteriori incompatibiliincluse nella stessa materia, ivi comprese quelle enunciate in leggi di carattere speciale non espressamente preservate dalla nuova normativa. Conseguenza, questa, che può essere desunta sia dall'art. 15 delle disposizioni preliminari al codice civile, con riferimento al fatto che la nuova legge ha disciplinato l'intera materia nel cui ambito si veniva a collocare anche la legge n. 71 …”.

In questo senso, la Frazione interessata non soddisfaceva il requisito di popolazione minima stabilito, ai fini della creazione di un nuovo Comune, dalla normativa da considerare vigente. Pertanto, l’appello è respinto in quanto infondato.

Gianmarco Sadutto

(18 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

5 giugno 2014
Dubbi di costituzionalità | Zaia: "una riforma allucinante ed aberrante". Conferito dalla Giunta Regionale apposito mandato all'Avvocatura per impugnare la legge n. 56/2014.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2019
CONSIGLIO DI STATO | Le norme sull’aggiudicazione degli appalti pubblici non si applicano ai servizi di trasporto in emergenza di pazienti.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
Consiglio di Stato | La scelta della percentuale di imposta nel limite stabilito dalla legge e l’adempimento del comune nell’iter procedimentale del bilancio chiariti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

3 gennaio 2016
Pubblica Amministrazione | I principi sanciti dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 30.12.2015 n. 5868.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Concorsi pubblici | I principi sanciti dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato sull'improcedibilità del giudizio.

 
 
Condividi la notizia

17 maggio 2015
Elezioni | La sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 15.5.2015 sulle due modalità alternative

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2015
Pubblico impiego | La sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 25 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Motivazione per relationem | La Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 5 dicembre 2014 precisa che è sufficiente indicare gli estremi degli atti e metterli a disposizione su richiesta dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Contratti pubblici | Il rapporto tra la normativa generale in tema di accesso e quella particolare dettata in materia di contratti pubblici nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del 24 marzo 2014.

 
 
Condividi la notizia

2 febbraio 2015
Ministero dei Trasporti | Firmato il decreto di attuazione della legge Sblocca Italia per opere infrastrutturali nei comuni sotto i cinquemila abitanti.

 
 
Condividi la notizia

13 dicembre 2015
Giustizia | I principi sanciti dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 11.12.2015, n. 5662

 
 
Condividi la notizia

13 dicembre 2015
Rifiuti | I principi sanciti dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 11.12.2015 n. 5649

 
 
Condividi la notizia

24 luglio 2016
Contratti pubblici | La casa di vetro nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20.7.2016, n.3266.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2015
Organizzazione territoriale | Il Prefetto ha ricordato che la prossima scadenza di legge in materia è fissata al 31 dicembre 2015.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.