Condividi la notizia

Legge Elettorale

Renzi spiazza tutti e si schiera per il premio alla lista e non alla coalizione

Colpo di scena in Direzione PD, dove il Premier-segretario spariglia le carte e propone modifiche all'Italicum gia' approvato alla Camera.

Matteo Renzi, nella sua doppia veste di Premier-segretario è intervenuto oggi alla Direzione del Partito Democratico, lanciando una serie di messaggi importanti su alcuni dei temi su cui il confronto è particolarmente acceso in questo periodo. In apertura, il leader del PD ha teso la mano alla Cgil in vista della manifestazione di questo fine settimana contro il Jobs act, evidenziando il suo “profondo rispetto indipendentemente dal dibattito che c’è tra di noi”.

Renzi ha ribadito che il PD è un partito “a vocazione maggioritaria”, aperto ad “accogliere realtà diverse”, accennando all’idea di Reichlin che l’ha chiamato “partito della nazione”,  aggiungendo: “io spero che da Migliore (ndr : ex Sel) con Led fino ad Andrea Romano, con quella parte di Scelta Civica che vuole stare a sinistra, ci sia spazio di cittadinanza piena”.

Molto interessante il passaggio conseguente a questo ragionamento : “se il PD è il partito maggioritario, ossia della nazione, deve avere degli strumenti elettorali che lo consentano e allora nell’Italicum meglio il premio alla lista che alla coalizione”.

Renzi ha spiegato che “il PD è un partito che vince per fare una legge elettorale in cui sia chiaro chi vince. Un passaggio chiave per l’Italia perché non c’è mai stata una legge elettorale che rendesse chiaro chi fosse il vincitore, né con il Mattarellum né con il Porcellum”.

Secondo il Premier, “avere una legge elettorale che consegni un vincitore -sperando di essere noi- è possibile solo con il ballottaggio”. Il leader del PD ha poi parlato di un partito “antidoto contro il populismo del M5S”, riferendosi “all’ostruzionismo” messo in pratica -a suo parere- dai pentastellati per bloccare il Parlamento.

Per la verità, questa nuova proposta di modifica dell’Italicum, con il premio di maggioranza per il primo partito o movimento, anziché per la coalizione, è esattamente quello che chiedevano i rappresentanti del M5S, in occasione degli incontri di qualche mese fa proprio con il PD. Fu proprio il vice-presidente della Camera Di Maio a spiegare per quale motivo il suo Movimento preferisse questa soluzione a quella concordata da Renzi con Berlusconi, in occasione del c.d. “Patto del Nazareno”.

In sostanza, il M5S non vuole allearsi con nessuno e, conseguentemente, non è favorevole ai premi di maggioranza per le coalizioni. Intanto, Forza Italia ha già esternato la sua contrarietà a “cambiamenti non concordati” sulla proposta di legge elettorale già approvata alla Camera con i voti della maggioranza di Governo e di quelli del partito di Silvio Berlusconi.

Il Premier ha sottolineato che l’orizzonte della Legislatura rimane il 2018, ma molti opinionisti ritengono che questo cambio di linea potrebbe preludere -quantomeno- ad un atteggiamento diverso, che probabilmente non escluderebbe il ricorso alle urne in tempi non lontani (ad esempio, la prossima primavera).

Matteo Renzi ha poi toccato il tema dei “dissenzienti”, precisando che “il partito non espellerà chi dissente, ma sul voto di fiducia bisogna darsi delle regole. Non possiamo diventare né un comitato elettorale, né un club di anarchici e di filosofi”, ha aggiunto il Premier, evidenziando che il PD è l’unico antidoto al populismo, “se non ci siamo noi l’alternativa è la piazza talvolta xenofoba, o il populismo o un movimento di anime che non è più rispettoso della democrazia interna di quanto non lo siamo noi”. 

Moreno Morando

(20 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 giugno 2014
Riforme | Si e' svolto l'atteso incontro fra le due delegazioni per discutere di legge elettorale. PD e M5S si rivedranno per discutere di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

3 luglio 2014
Riforme | Questa mattina si sono incontrate a Palazzo Chigi le delegazioni di PD, presente il Premier, e quella di Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2014
Riforme | Nel secondo confronto fra le delegazioni del PD, presente Matteo Renzi, e del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio ha sottoposto ai democratici una nuova ed articolata proposta.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Palazzo Chigi | Nel loro terzo incontro il Premier ed il leader di Forza Italia si sono concentrati sulla legge elettorale.

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2014
Colpo di mano alla camera | Maggioranza battuta per 7 voti. L'emendamento della Lega al Ddl sull'Ue, nel Pd 34 franchi tiratori. Sel e M5s si astengono e favoriscono Forza Italia. L'Anm: "Norma anticostituzionale"

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2014
Scintille fra Grillo e Renzi | In una giornata convulsa, cominciata con il rifiuto del PD di incontrarsi con il M5S e proseguita con una serie di pesanti accuse reciproche, alla fine i grillini hanno fornito la risposta scritta alle richieste avanzate dai democratici

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Riforme | Il Patto del Nazareno ha consentito all'ex Premier di giocare da protagonista la partita delle riforme. Ora tocca alla legge elettorale.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
Riforme | I Dem scrivono al Movimento 5 Stelle: siamo disponibili al confronto sulle riforme e sulla legge elettorale. Attesa a breve la risposta del Movimento guidato da Beppe Grillo.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2014
Riforme | Dopo l'apertura di giovedi' il comunicato della delegazione pentastellata sul Blog di Grillo ha scatenato la reazione dei democratici.

 
 
Condividi la notizia

5 novembre 2014
Tra UE e legge elettorale | Nel vertice con il leader di Forza Italia, all'ordine del giorno la Consulta e la legge elettorale, ferma al Senato da sette mesi.

 
 
Condividi la notizia

25 gennaio 2017
Corte Costituzionale | All'esito della sentenza, la legge elettorale è suscettibile di immediata applicazione.

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2014
Riforme | In vista del voto sulla riforma del Titolo V e del Senato, il leader dei democratici e quello degli azzurri hanno chiesto ai loro parlamentari di tener fede all'accordo del "Nazareno"

 
 
Condividi la notizia

11 novembre 2014
Addio al "patto del Nazareno" | L'accordo raggiunto con Alfano e gli altri leader dei partiti che sostengono l'Esecutivo modifica i contenuti dell'Italicum, votato a suo tempo anche da Forza Italia.

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2014
Riforme | L'Aula ha approvato con 183 voti a favore; M5S, Lega e Sel sono usciti dall'Aula. I dissidenti del PD non hanno partecipato al voto

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2014
Opposizione parlamentare | Nonostante il duro confronto in atto nel partito di Matteo Renzi, le opposizioni non sembrano intenzionate a fare fronte comune per costruire un'alternativa.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.