Condividi la notizia

Contrasto alla povertà

Social Card, piu' social e meno card

Gli esiti del periodo di sperimentazione evidenziano dati interessanti quali le dichiarazioni mendaci che hanno raggiunto punte massime dell’80% a Firenze e Catania ed il numero ridotto delle domande.

La Social card ha avuto il suo buon periodo di sperimentazione, durato circa un anno, che si è reso necessario per testarne i meccanismi quale ulteriore strumento di contrasto alla povertà.

Si è trattato di rinnovare le modalità di funzionamento del mezzo inteso come sostegno per l’inclusione attiva, avviato, sperimentalmente, in dodici delle nostre maggiori città capoluogo, con un finanziamento specifico pari a 50 milioni di euro.

Trascorso, appunto, il periodo previsto dall’avvio sperimentale, sono stati pubblicati dal Ministero del Lavoro in: ”Quaderni della ricerca sociale Flash 29” i primi dati sul SIA (sostegno inclusione attiva) nei grandi Comuni, ad eccezione del dato ancora mancante di Roma. Dalla rilevazione è emerso, tra l’altro, che i nuclei beneficiari dell’intervento sono stati in totale 6.517 per una platea complessiva di 26.863 persone, con un nucleo familiare medio pari a 4,1 unità, ed un beneficio economico medio di 334 euro.

Interessante la dimensione della forbice intercorrente tra le città con nuclei familiari beneficiari, minimi e massimi, che sono risultati, rispettivamente, con 101 e 112 famiglie a Venezia e Firenze, rispetto ai valori massimi, di nuclei interessati, ubicati nelle città di Palermo e Napoli, rispettivamente con 1.473 e 1.357 famiglie.

Di grande interesse, altresì, la rilevazione circa il non completo esaurimento delle risorse stanziate, essendo state usate/impegnate, nella misura compresa tra la metà e i due terzi dei fondi disponibili per la quasi totalità delle città oggetto della sperimentazione. Al riguardo, una prima considerazione riguarda la questione avanzata dai Comuni stessi circa i requisiti necessari eccessivamente stringenti (entità Isee, patrimonio posseduto, stato di disoccupazione dei componenti la famiglia, ecc.).

Altro problema riscontrato è stato il rilevamento consistente di dichiarazioni mendaci che hanno raggiunto punte massime dell’80% a Firenze e Catania, per cui si sono resi necessari controlli particolarmente stringenti e puntuali, a monito questo di futuri interventi. Infine, cosa stupefacente per questo periodo di crisi economica, il numero particolarmente e stranamente ridotto di domande legato, presumibilmente, anche alla scarsa conoscenza dell’istituto assistenziale in argomento.

In conclusione è bene rappresentare la necessità di ampliare tale esperienza, irrorandola possibilmente e conseguentemente di maggiori risorse, in quanto la povertà nel nostro Paese esiste, non va mai in ferie, anche se spesso si nasconde senza però, per questo, diminuirne l’impatto sociale sulle nostre comunità.

Stefano Olivieri Pennesi

(4 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

4 agosto 2016
politiche sociali | Le domande devono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 2 settembre 2016 ed entro le ore 16:00 del 30 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2017
Consiglio dei ministri | Approvato in esame preliminare un decreto legislativo che introduce, a decorrere dal 1° gennaio 2018, il ReI con un importo che andrà da circa 190 euro mensili fino a quasi 490 euro.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2017
Ministero del Lavoro | È stato firmato il documento che contiene precisi impegni per attuare la legge delega per il contrasto alla povertà.

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2017
Assistenza e servizi sociali | Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2018
INPS | Contrasto alla povertà, tutte le nuove disposizioni per la presentazione del REI, all'interno dell'articolo tutti i dettagli e il link alla domanda

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2015
Istat | Nel 2014, 1 milione e 470 mila famiglie (5,7%) è in condizione di povertà assoluta, per un totale di 4 milioni 102 mila persone (6,8%).

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2016
#HomelessZero | Le risorse saranno ripartite tra gli Enti territoriali (Città metropolitane, grandi Comuni e Ambiti territoriali) che presentano una concentrazione del fenomeno particolarmente rilevante. Entro il 15 settembre verra pubblicato il primo avviso.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2014
INFANZIA A RISCHIO | L'allarme di Save the children: 27 milioni di piccoli rischiano l'esclusione sociale. Appello agli europarlamentari: servono politiche contro la povertà educativa

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Inps | Gli importi delle prestazioni sociali e dei limiti di reddito validi per l'anno 2016. La circolare n. 46 del 2.3.2016.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2016
Statistiche | L'Istat diffonde il report sulle stime inerenti la povertà assoluta e relativa dell'anno 2015.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Patto salute | In tre anni stop alle convenzione per le minicliniche e ticket sanitari legati al reddito e alle patologie entro fine anno.

 
 
Condividi la notizia

22 novembre 2014
Povertà | Coinvolti 158 comuni italiani nello studio della popolazione homeless. L'indagine servirà a sollecitare la politica e le istituzioni finalizzando risorse finanziarie per sostenere i bisogni fondamentali dei cosiddetti "ultimi".

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Inps | La circolare n. 48 del 20 febbraio 2015 sugli importi e sui nuovi limiti di reddito per le domande riferite all’anno 2014, ma presentate successivamente al 1.1.2015.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2017
Inps | L’'ammontare dell'importo è correlato al numero dei componenti del nucleo familiare. L'importo sarà erogato per un massimo di 18 mesi.

 
 
Condividi la notizia

27 dicembre 2014
Inps | Dal 1° gennaio 2015 rivalutati sia i limiti di reddito familiare ai fini della cessazione o riduzione della corresponsione degli assegni familiari e delle quote di maggiorazione di pensione, sia i limiti di reddito mensili per l'accertamento del carico per il diritto agli assegni.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.