Condividi la notizia

Lombardia

La legge "anti moschee" al vaglio del TAR

Bocciata la sospensione dell'istruttoria disposta dal Comune di Bergamo. Se la zonizzazione già consente l'insediamento non si applica la L.R. n. 12 del 2005.

Una società ha proposto al Comune di Bergamo l’approvazione di un piano urbanistico attuativo per realizzare (anche) un luogo di culto (a beneficio dei Testimoni di Geova). Dopo l’avvio del procedimento il Comune ha sospeso l’istruttoria sullo schema preliminare di piano attuativo.

Il motivo della sospensione dell’istruttoria è indicato nella nuova formulazione (data dalla L. n. 2 del 3 febbraio 2015) dell’art. 72 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 (nota come “legge anti moschee”, impugnata peraltro dal Governo dinanzi alla Corte costituzionale), che consente la realizzazione di attrezzature religiose solo sulla base di un apposito piano (commi 1 e 2) approvato con la stessa procedura dei piani inseriti nel Piano di Governo del Territorio (comma 3).

Il piano deve contenere (comma 7) una disciplina puntuale delle infrastrutture di servizio e degli altri requisiti urbanistico-edilizi necessari per l’ottimale inserimento delle attrezzature religiose.

Avverso il provvedimento di sospensione ha proposto ricorso al TAR Lombardia la società proponente.

Il TAR (Sezione di Brescia), con ordinanza n. 1443 depositata il 29 luglio 2015, ha accolto l’istanza cautelare annessa al ricorso adottando un provvedimento di carattere propulsivo e fissando l’udienza di discussione del merito al 21 settembre p.v.

In disparte le considerazioni espresse nell’ordinanza con riferimento a quella parte del piano che non riguarda le attrezzature religiose (per le quali, per il principio di proporzionalità, è apparso necessario consentire la prosecuzione dell’istruttoria), per quanto concerne la rilevanza della nuova legislazione regionale sulle attrezzature religiose i giudici lombardi hanno ritenuto che il caso in esame, essendo riferito a un intervento già favorevolmente valutato in sede di variante al PGT, ricada nella deroga prevista dall’art. 72 comma 8 della L.R. n. 12/2005 (“attrezzature religiose esistenti”).

Più precisamente, secondo il Collegio adito, poiché quella dedotta consiste in una situazione in itinere, debbono essere salvaguardate le aspettative dei privati che si sono ormai consolidate per effetto della pianificazione vigente; non è quindi necessario attendere l’approvazione dello specifico piano riferito alle attrezzature religiose, perché la zonizzazione già consente l’inserimento di un luogo di culto. Su questo presupposto, gli aspetti dell’intervento edilizio collegati alle opere di urbanizzazione e alle distanze minime possono essere definiti attraverso l’elaborazione delle norme tecniche del piano attuativo.

Il Comune è tenuto a dotarsi dei criteri che compongono la restante parte della disciplina prevista dall’art. 72 comma 7 della L.R. n. 12/2005 (parcheggi, sevizi igienici, accessibilità, congruità architettonica e dimensionale degli edifici, per l’elaborazione dei quali (che non richiedono necessariamente la modifica del PGT, trattandosi di prescrizioni di dettaglio) il termine ragionevole è stato individuato in 120 giorni dal deposito dell’ordinanza.

Rodolfo Murra

(11 agosto 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 agosto 2015
Giustizia | Il Consiglio di Stato spiega la ratio dell'istituto e afferma la necessità della pubblicizzazione dei vincoli.

 
 
Condividi la notizia

5 ottobre 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione della Corte di Cassazione n. 18057/2016.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2015
Corte di Cassazione | Se collocati all'esterno dei fabbricati è necessaria la segnalazione certificata di inizio di attività. Sanzione amministrativa solo se conformi alle previsioni degli interventi urbanistici, dei regolamenti edilizi e della disciplina urbanistica-edilizia in vigore.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Solo la parte interessata può attivare il procedimento di accertamento di conformità urbanistica. La sentenza del TAR Campania del 2 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

3 luglio 2016
Enti Locali | Assistente sociale, polizia municipale, istruttore direttivo area tecnica urbanistica, istruttore direttivo contabile, borse di studio per laureati, farmacista, funzionari servizi tecnici, queste ed altre le figure professionali bandite.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Sanatoria e abitabilità | Non basta l'accertamento dei soli requisiti igienico-sanitari. I principi sanciti dal TAR Campania nella sentenza del 2.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2015
Pianificazione urbanistica | Non serve un progetto definitivo. In tema di espropriazioni, nessuna limitazione ai poteri comunali. La sentenza della Quarta Sezione del Consiglio di Stato del 4.5.2015, n. 2229.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2014
Corte di Cassazione | Chiarito definitivamente l'ambito di applicazione dell'art. 40, 2 comma della Legge n. 47/85.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2015
Il dialogo tra Corti | La Corte Costituzionale italiana frena sull'automatico ingresso dei principi della Cedu nel nostro ordinamento.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2018
Permesso di costruire | Il TAR Salerno chiarisce i limiti della legittimazione ad agire.

 
 
Condividi la notizia

17 gennaio 2022
Amministrazione Trasparente | Tutti gli atti riguardanti il governo del territorio devono trovare adeguata pubblicità. La delibera Anac n. 800/2021.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Urbanistica | Contestabile solo l'erroneità dei conteggi effettuati dall'Ente. I principi sanciti nella sentenza del TAR Lazio, Sezione II bis del 6 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2016
Riforma della P.A. | Approvato dal CdM in esame definitivo il decreto legislativo. Si potrà presentare presso un unico ufficio, anche in via telematica, un unico modulo valido in tutto il paese.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.