Condividi la notizia

Federalismo demaniale

RUBRICA "Storie a lieto fine dai Comuni" Da immobile abbandonato a sede per le pratiche comunali

Nel Comune di Monte Compatri l'ex Laboratorio delle funi ceduto all'Amministrazione comunale tra bracci di ferro, burocrazia ed inutili attriti.

Una storia di carte bollate durata anni che ha visto un braccio di ferro tra l’'agenzia del Demanio del Lazio e il Comune di Monte Compatri (Provincia di Roma). Oggetto del contendere: il Laboratorio delle funi metalliche di Molara. Una struttura in totale stato di abbandono dal 1980 e che l’'amministrazione, in base al decreto del “Fare” ed al federalismo demaniale, è riuscita a portare nel suo patrimonio immobiliare solo nel gennaio scorso.

La vicenda, in realtà, affonda le sue radici nel 1968, quando il ministero delle Finanze consegnò ai colleghi dei Trasporti e delle Infrastrutture (Mit) il compendio costituito da 5 fabbricati e i relativi terreni con pertinenze. Uno spazio utilizzato per sperimentare e creare nuovi cavi di acciaio, ma che in seguito alle richieste di assegnazione dell'amministrazione comunale di Monte Compatri, dal 2011, “risultava in normali condizioni di manutenzione e conservazione, chiuso e privo di personale di servizio”, come scrivevano nella loro relazione gli ispettori del Demanio. Sei mesi dopo quel sopralluogo, il 28 ottobre, la decisione: quel bene deve tornare agli uffici che gestiscono il patrimonio pubblico. Troppo alti i costi di manutenzione, “e vista la carenza di interesse di questo dicastero” - scrivono i dirigenti di via Nomentana, la volontà è quella di “destinare il centro ad attività differenti”.

L'obiettivo è “un uso più idoneo e redditizio per l'Erario”. La situazione si sblocca anche grazie al decreto del "Fare", che ha  consentito agli enti locali di entrare in possesso delle strutture che il governo centrale non riesce a gestire. A questo punto la giunta decide di salire sul treno in corsa, per gestire l'immobile di Molara e rispondere alle esigenze della cittadinanza. Continuando, così, un percorso amministrativo intrapreso dal Comune di Monte Compatri nel lontano 2008.

La lettera firmata dal sindaco sembra il percorso obbligato per chiudere la questione. Con l'agenzia del Demanio nazionale pronta a concedere il disco verde all’iniziativa. Il parere favorevole, da parte dei proprietari, giunge 12 mesi fa. Mentre gli assessori e il primo cittadino non perdono tempo e il 18 febbraio del 2014 chiedono e ottengono l’immediata attribuzione della struttura. Il ‘no’ della sede regionale arriva in modo inaspettato per i rappresentanti del Comune dei Castelli romani. Motivazione ufficiale del dipartimento: bisogna attendere che tutte le amministrazioni dello Stato manifestino l’interesse per l’edificio in questione.

Da palazzo Borghese la manifestazione d'interesse non si fa attendere, il ministero dei Trasporti ribadisce l'intenzione di proseguire con la cessione sollecitando “un effettivo passaggio di consegne oltre all'inventario dei materiali e delle attrezzature presenti”. Una nota, quella del 4 aprile 2014, che dovrebbe consentire il superamento dell'impasse.

Niente da fare. Non basta la volontà, espressa con atti ufficiali, inutili i sopralluoghi: la direzione regionale dell'Agenzia del Demanio afferma che quegli spazi sono ancora utilizzati dal dicastero di via Nomentana, quattro anni dopo la prima certificazione dello stato di abbandono e nonostante il Mit scriva che “le attività di trasferimento siano definitivamente completate”.

Non solo. Inutile anche il parere positivo espresso dalla direzione nazionale del patrimonio. "Quel bene non s’ha da trasferire, quella dismissione non s’ha da fare". Sabbie mobili burocratiche che rischiavano di pregiudicare, in termini economici e funzionali, le azioni dell'amministrazione comunale di Monte Compatri, costretta a chiedere la tutela di un avvocato per ricorrere al Tar contro la decisione degli uffici del Lazio.

Tutto cambia quando le cronache giudiziarie romane raccontano di un'inchiesta che ha investito proprio la Direzione regionale dell'Agenzia del Demanio del Lazio per atti relativi a un parcheggio da costruire a Roma presso piazzale Clodio.

Dopo 3 mesi dalla presentazione del ricorso ai giudici amministrativi, la situazione si sblocca. Il 30 gennaio 2015, infatti, arriva il decreto di trasferimento a favore di palazzo Borghese, firmato dal neo direttore regionale, Pier Giorgio Allegroni. Nel patrimonio dell'amministrazione comunale entrano dei manufatti che coprono i 1600 metri quadrati e un terreno che raggiunge una estensione di 40.000 Metri quadrati per un valore complessivo di 2,5 milioni di euro.

Una “grande soddisfazione”, dichiara il primo cittadino Marco De Carolis, che annuncia “"I monticiani avranno un’'altra sede in cui recarsi per le pratiche comunali: area in cui saranno aperti, tra gli altri, gli Uffici relazione con il pubblico, quelli della Polizia locale e della Protezione civile"”.  

Vuoi pubblicare nella Rubrica "Storie a lieto fine dai Comuni" invia una mail a info@gazzettaamministrativa.it

 

La Direzione

(1 aprile 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

14 giugno 2016
Ministero Ambiente | Non una semplice vetrina di best practices, ma un repertorio cui attingere per l'utilizzo di soluzioni già testate e rapidamente utilizzabili.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2016
Amministrative 2016 | Sono 126 i comuni nei quali si terranno i ballottaggi per l'elezione del sindaco. Chiamati al voto 8.610.142 elettori.

 
 
Condividi la notizia

22 dicembre 2014
Giustizia Amministrativa | Non rientra nelle competenze dei Comuni disciplinare la salute privata dei cittadini. La sentenza del TAR Lombardia n. 3039/2014.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2018
Ministero Interno | Più di sette milioni di elettori ed 801 enti coinvolti, 114 comuni con più di 15.000 abitanti, 21 capoluoghi di provincia.

 
 
Condividi la notizia

25 novembre 2015
Corte di Cassazione | Risponde di omicidio colposo il Sindaco che abbia omesso di adottare un'ordinanza o comunque qualsivoglia altro atto e/o comportamento impeditivo dell'evento dannoso.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Corte dei Conti | Pubblicate le Linee Guida per il referto annuale del Sindaco di comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti e del presidente della provincia.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Corte dei Conti | Il Comune non deve versare i contributi al Sindaco in carica per i periodi nei quali ha svolto l'incarico di amministratore locale, se non prova di non aver esercitato la libera professione.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2015
Registri dello Stato civile | I giudici di Palazzo Spada chiariscono il rapporto inter-organico tra Sindaco, ufficiale di Governo, e Prefetto nella materia in esame.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2015
Enti Locali | L'assunzione di collaboratori negli uffici di staff degli organi politici deve avvenire con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato. Colpa grave del Sindaco e della Giunta Comunale.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2014
Gestione uffici giudiziari | Il guardasigilli Orlando ha firmato il decreto interministeriale per la determinazione dell'ammontare dei contributi dovuti ai Comuni per la gestione degli uffici giudiziari

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2014
Elezioni amministrative | I primi ad andare al voto il 4 maggio saranno gli 11 comuni del Trentino-Alto Adige. Poi, il 25 maggio i restanti 4095 comuni tra cui 27 capoluoghi.

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
Trasparenza amministrativa | Dai dati risulta un tendenziale adeguamento ma permangono per dicasteri e comuni carenze di pubblicazione. Il 15 settembre il prossimo controllo.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2015
Ministero dell'Interno | Approfonditi i vantaggi derivanti dai risparmi teorici in caso di accorpamento dei comuni di minore dimensione demografica.

 
 
Condividi la notizia

22 novembre 2014
Dipartimento Affari Regionali | "Accelerare i processi di unione e le gestioni associate delle funzioni nei piccoli Comuni". "È in atto una radicale trasformazione del Paese. Le vecchie Province sono ormai trasformate in enti nuovi, più leggeri, al servizio dei Comuni".

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Pagamento debiti P.A. | Plafond di 1,8 miliardi per far fronte al pagamento dei debiti rispetto ai 1,34 miliardi richiesti dai Comuni.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.