Condividi la notizia

Consiglio dei Ministri

Tutela vittime reato: via libera al decreto legislativo

Il decreto legislativo apporta parziali modifiche al sistema normativo vigente.

"Più diritti, assistenza e protezione". Così il guardasigilli Andrea Orlando saluta con soddisfazione il via libera da parte del Consiglio dei Ministri al decreto legislativo Presidenza-Giustizia che dà attuazione alla direttiva 2012/29/UE che istituisce norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato e sostituisce la Decisione quadro 2001/220/GAI.
 
"E' un passo molto importante" spiega il ministro, "perché per la prima volta non ci si rivolge alle parti processuali ma al soggetto debole" che "dovrebbe essere quello più tutelato".
 
Il provvedimento attua la delega normativa prevista dalla legge 96/2013, con riferimento alla direttiva 2012/29/UE, e si colloca nel più ampio contesto della legislazione UE che, in materia, introduce disposizioni comuni per i vari Stati membri. "Ci sono forme di patrocinio gratuito, uno status unico per tutte le vittime dei diversi reati" conclude Orlando, confermando che il Paese "si allinea alle indicazioni europee" ma facendo "qualche passo in più: credo sia un elemento che deve riempirci di orgoglio, perchè consente di avere una giurisdizione più umana".

Il decreto legislativo apporta parziali modifiche al sistema normativo vigente. Alcune sono di particolare rilievo per l’ordinamento processuale penale, come la previsione secondo la quale, qualora la persona offesa sia deceduta in conseguenza del reato, le facoltà e i diritti previsti dalla legge possano essere esercitati, oltre che dal coniuge, anche dalla persona legata da relazione affettiva e con essa stabilmente convivente.

Il provvedimento interviene inoltre in materia di interpretariato e traduzione, rafforzando i diritti della vittima a conoscere e ricevere, nella propria lingua, gli atti essenziali per una sua migliore e consapevole partecipazione al processo sin dal primo contatto con l’autorità. Viene anche garantita la facoltà di presentare, alla procura della Repubblica presso il tribunale del capoluogo del distretto, la denuncia o querela nella propria lingua e di ottenere gratuitamente la traduzione della relativa attestazione. 

Nel decreto è introdotta la definizione di vulnerabilità della vittima, che ora è desunta, oltre che dall’età e dallo stato di infermità o di deficienza psichica, dal tipo di reato, dalle modalità e circostanze del fatto per cui si procede. Nella valutazione della condizione della persona offesa si terrà conto quindi se il fatto risulta commesso con violenza alla persona o con odio razziale, se è riconducibile a criminalità organizzata, terrorismo o tratta degli esseri umani, se ha finalità di discriminazione e se la vittima è affettivamente, psicologicamente o economicamente dipendente dall’autore del reato.

In caso di delitti commessi con violenza alla persona, la vittima avrà la possibilità di essere informata della scarcerazione o dell’evasione dell’imputato o del condannato. Viene inoltre consentito al giudice di estendere alle persone offese particolarmente vulnerabili le particolari cautele oggi previste solo per i procedimenti penali relativi a specifiche tipologie di reato: l’obbligo della riproduzione audiovisiva delle dichiarazioni anche al di fuori delle ipotesi di assoluta indispensabilità; l’assicurazione che la persona particolarmente vulnerabile non abbia contatti con la persona sottoposta ad indagini e non sia chiamata più volte a rendere sommarie informazioni; la previsione che l’esame della persona offesa particolarmente vulnerabile, in incidente probatorio e in dibattimento, sia condotto con modalità protette.

Maggiori informazioni: 

Fonte: Ministero della Giustizia

La Direzione

(12 dicembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 maggio 2017
Riforma della PA | Approvato dal Consiglio dei Ministri in esame definitivo il decreto legislativo.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2016
Riforma | Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

9 maggio 2017
finanziamento pubblico | Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legislativo che ridefinisce la disciplina. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2015
Ministero della Salute | Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto Legislativo in materia, in recepimento della Direttiva UE.

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2017
Assistenza e servizi sociali | Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

28 giugno 2014
Governo | L'esecutivo convocato per lunedi' 30 giugno dovra' affrontare varie questioni, ma nell'elenco diramato dalla Presidenza del Consiglio non si fa cenno alla questione piu' delicata, sulla quale ha lavorato a lungo il ministro Orlando

 
 
Condividi la notizia

2 dicembre 2014
Depenalizzazione | Approvato dal Consiglio dei Ministri lo schema di decreto legislativo per la chiusura dei procedimenti con l'archiviazione o assoluzione dei soggetti che hanno commesso fatti di rilievo penale caratterizzati da una complessiva tenuità del fatto.

 
 
Condividi la notizia

4 novembre 2014
SEMPLIFICAZIONE FISCALE | Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il decreto legislativo che contiene numerose misure di semplificazione e snellimento di adempimenti relativi alle persone fisiche, alle società e ai rimborsi fiscali, oltre alla eliminazione di adempimenti superflui.

 
 
Condividi la notizia

8 aprile 2016
Economia e Finanza | Dopo il passaggio parlamentare, il Programma di Stabilità e il PNR saranno inviati al Consiglio dell’Unione europea e alla Commissione europea entro il 30 aprile.

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2019
Concorsi | Scadenza per la presentazione delle domande il 9 settembre 2019.

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2016
Consiglio dei Ministri | Al dipendente colto in flagrante sospensione cautelare entro 48 ore e procedimento disciplinare che dovrà concludersi entro 30 giorni. Responsabilità disciplinare del dirigente.

 
 
Condividi la notizia

1 luglio 2016
Consiglio dei Ministri | Lavoro accessorio con tracciabilità dei Voucher, contratti di solidarietà, dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, queste ed altre le modifiche approvate in via preliminare.

 
 
Condividi la notizia

14 settembre 2018
Pubblica Amministrazione | Approvato in esame preliminare il disegno di legge per la concretezza delle azioni delle p.a. e la prevenzione dell'assenteismo.

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2019
Governo | Approvato un decreto legge. La sintesi delle principali misure urgenti.

 
 
Condividi la notizia

13 dicembre 2018
Governo | Il comunicato con la sintesi dei provvedimenti approvati.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.