Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Sbarra all'ingresso della via: la limitazione del passaggio tra competenze del giudice amministrativo ed ordinario

Sull'uso pubblico decide il giudice civile con l'azione a tutela della proprietà, mentre rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo solamente conoscere della legittimità dell'ordine di riduzione in pristino. La sentenza del 23.2.2015.

Nella vicenda esaminata dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato si controverte della legittimità dell'installazione da parte del ricorrente di una sbarra in ferro all’ingresso di una via nel Comune di Mondragone, relativamente alla quale veniva presentava una istanza di autorizzazione in sanatoria.

Il Comune di Mondragone, anche sollecitato dagli esposti dei comproprietari di immobili con affaccio sulla strada, verificata l’abusività dell’intervento, ordinava la rimozione della sbarra entro 60 giorni, avvertendo che in caso di inadempienza la rimozione sarebbe stata eseguita d’ufficio e a spese della parte.

In precedenza il Comune aveva emanato il provvedimento di diniego dell’istanza di autorizzazione in sanatoria, conformemente al parere negativo del responsabile della ripartizione tecnica.

Il Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 23.2.2015 dopo aver precisato che la strada in questione non è di esclusiva proprietà del ricorrente, sicché già per questo solo motivo gli era precluso di limitarne il passaggio, ha altresì rilevato che lo stato dei luoghi e la circostanza che la strada è servita dalla pubblica illuminazione con cinque pali in ferro e lampioni installati dal Comune e che essa è collegata con la seconda traversa a sinistra fanno ritenere corretta la qualificazione della strada come strada vicinale o comunque di uso pubblico.

La situazione di fatto, quindi, caratterizzata dal legittimo godimento della strada da parte di terzi, evidenzia la gravità della condotta posta in essere dal ricorrente, che ha inteso limitarne l’uso, sottraendolo alla disponibilità di altri e alla verosimile destinazione ad uso pubblico.

D’altra parte, precisa il giudice,  le contestazioni riguardanti l’effettivo uso pubblico della strada possono essere se del caso proposte innanzi al giudice civile con l’azione a tutela della proprietà, mentre rientra nella giurisdizione di questo giudice solamente conoscere della legittimità dell’ordine di riduzione in pristino, con rimozione della sbarra di ferro.

In conclusione, ad avviso del Consiglio di Stato, sulla base della situazione di fatto rappresentata, non può che ritenersi legittimo l’ordine del Comune, atteso che la strada - per essere qualificata dal passaggio da parte di terzi e dal collegamento con altra strada - impediva modificazioni unilaterali, senza l’assenso dei comproprietari o dei legittimi fruitori e comunque senza titolo abilitativo del Comune.

Infine, in ordine alla qualificazione dell’intervento come opera di manutenzione ordinaria, è indubbio che la situazione dei luoghi esclude la possibilità di ritenere che l’intervento di installazione della sbarra, con conseguente interclusione della strada ed incidenza su altre sfere giuridiche, sia un’«opera di manutenzione ordinaria» (invece ravvisabile quando il proprietario indenda delimitare il suo bene, pacificamente posseduto, impedendo l’accesso agli estranei).

Peraltro, nella specie la sbarra è stata realizzata in mancanza di un titolo abilitativo edilizio, mentre esso era necessario, in quanto precisa il Consiglio di Stato l’opera implicava una trasformazione del territorio e l’utilizzo di un bene comune in maniera tale da sottrarre o rendere più difficoltoso l’esercizio del diritto di altri soggetti, aventi legittimo titolo ad usufruire del bene.

Di tanto, peraltro, conclude il Collegio, ha mostrato consapevolezza il ricorrente che ha presentato la domanda di concessione in sanatoria, il cui diniego è più che giustificato dalla opposizione dei comproprietari fruitori della strada.

Infatti, il diniego di sanatoria risulta legittimo quando l’opera abusiva interessi beni di proprietà comune e comprometta il diritto degli altri aventi titolo.

Per acquisire la sentenza richiederla via mail a info@gazzettaamministrativa.it

Enrico Michetti

La Direzione

(23 febbraio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

11 agosto 2015
Edilizia | I principi sanciti dalla Sesta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 7 agosto 2015 n. 3898.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2014
Edilizia | Il principio e' contenuto nell'ultimo deposito di ieri della sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2015
Ricerca di idrocarburi | Giusto negare una v.i.a. se c'è il rischio per il cedimento di una diga. La sentenza del 18.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2018
Porto d'armi | Il Consiglio di Stato ribalta una sentenza del TAR Campania.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2015
Giustizia amministrativa | Le conseguenze dell'inottemperanza all'ordine di demolizione nei principi sanciti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 16 luglio 2015, n. 3555.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2015
Edilizia | Un intervento di demolizione e ricostruzione che non rispetta la sagoma dell'edificio preesistente configura un intervento di nuova costruzione. La sentenza del Consiglio di Stato del 7.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 22.5.2015 n. 2580.

 
 
Condividi la notizia

9 maggio 2019
Smart Road | Via libera del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2015
Giustizia amministrativa | L'interpretazione dell'art. 1 della Legge n. 196 del 2009 nella sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

10 dicembre 2014
Servitù di pubblico passaggio | Il Consiglio di Stato nella sentenza del 5.12.2014 chiarisce la valenza interruttiva dell'istaurazione di precedenti giudizi sull'usucapione della servitù di uso pubblico.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
Disabili | Annullato il DPCM n. 159/2013. I trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari non vanno calcolati ai fini ISEE.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.