Condividi la notizia

Consiglio dei Ministri

Dissesto idrogeologico, pronto il piano degli interventi

Disciplinate le procedure per comporre le graduatorie degli interventi a livello regionale per la messa in sicurezza delle persone e delle cose.

E’ pronto per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il DPCM - approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 28 maggio 2015 - recante le norme per la “individuazione  dei criteri e delle modalità per stabilire le priorità di attribuzione delle risorse agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico”.

Le richieste di finanziamento - si legge nel “Documento” allegato al decreto - per interventi di mitigazione del rischio idrogeologico dovranno essere inserite nella piattaforma ReNDiS-web (Repertorio Nazionale degli interventi per la difesa del suolo) a cura delle Regioni e province Autonome o dei soggetti dalle stesse accreditati.

Nell’allegato sono, quindi, indicate le categorie di intervento “a seconda che abbiano ad oggetto interventi ad efficacia autonoma, interventi complessi di area vasta, interventi integrati di mitigazione del rischio idrogeologico e di tutela e recupero degli  ecosistemi e della biodoversità”.

I tre interventi sono ulteriormente specificati alle lettere a), b), e c) del punto 3 dell’allegato. In ogni caso, “questa tipologia di interventi rientra nell’ampio insieme delle cosiddette infrastrutture verdi, come definite nella comunicazione della Commissione Europea del 2013 n.249”.

E’ ancora detto e specificato che “le infrastrutture verdi migliorano la risilienza alle catastrofi naturali come frane e alluvioni, valanghe mareggiate. La categoria di intervento sarà “indicata dalla Regione all’atto dell’inserimento dei dati nella scheda per proposta interventi”.

Il decreto prevede altresì che “la procedura di valutazione degli interventi per i quali è richiesto un finanziamento è strutturata in tre fasi distinte :

Fase 1, accertamento dell’ammissibilità del finanziamento.

Fase 2, elencazione delle richieste ammissibili per ordine di priorità.

Fase 3, verifica cantierabilità e cronoprogramma”.

Con riferimento alla Fase 1, i “criteri di selezione sono tesi ad effettuare un primo screening delle richieste pervenute ai fini di valutarne l’ammissibilità del finanziamento”, dati per preesistenti i due prerequisiti della “validazione da parte della Regione…inclusione totale o parziale dell’area  nelle perimetrazioni di cui alla legge n.267/1998”.

Al punto 4.1.1. dell’Allegato al DPCM sono specificati e dichiarati in dettaglio sia i criteri di valutazione di ammissibilità, sia i requisiti sottesi alla richieste di finanziamento.

Al punto 4.2 dell’”allegato” al decreto è specificata la seconda fase dell’istruttoria, quella relativa alla “classificazione su base regionale, in ordine di priorità , delle richieste ritenute ammissibili” demandata al Ministero dell’ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare d’intesa con la Presidenza del Consiglio”.

Al punto 4.2.1. dell’allegato sono specificati i “criteri per la determinazione delle priorità delle richieste ammissibili“ così indicati:  “criteri comuni ai quali associare peso, classe, punteggio e valore pesato”.

In sintesi, i criteri in parola sono:

Priorità regionale, Livello della progettazione approvata, Completamento, Persone a rischio diretto, Beni a rischio grave, Frequenza dell’evento, Quantificazione del danno economico atteso, Riduzione del numero di persone a rischio diretto”.

Ai criteri indicati  è di poi associato “il peso (valore numerico massimo attribuito a ciascun criterio)”; “la classe (definisce un range di tipo numerico, qualitativo, fisico)”;

“il punteggio (valore numerico attribuito a ciascuna classe in relazione al peso); “il valore pesato (si ottiene dalla seguente formula Peso/Punteggio max punteggio”).

Il punteggio complessivo ottenuto determinerà la classificazione su base regionale degli interventi.

I criteri qualificanti la terza fase – “accertamento cantierabilità e crono programma” – sono quelli relativi alla “stima dei tempi reali ed effettivi per procedere all’apertura del cantiere ..in rapporto alla stadio della progettazione dell’intervento, al livello di acquisizione di tutti pareri, nulla osta, visti ed autorizzazione richiesti dalla legge”.

per saperne di più: vai al testo del Dpcm

Luigi Marcelli

(31 luglio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

26 novembre 2017
Ambiente | Il Ministero ha finanziato il primo stralcio del fondo per gli interventi contro il dissesto idrogeologico

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2014
Governo | Presentata ieri dal sottosegretario Delrio la struttura di missione che si occuperà di sbloccare fondi e cantieri per sanare i problemi creati dal dissesto idrogeologico su tutto il territorio italiano.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2014
Palazzo Chigi | Presentato a Palazzo Chigi il primo stralcio del piano nazionale 2014-20. Oltre un miliardo di euro per 69 interventi per la sicurezza nelle città e aree metropolitane.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
#italiasicura | Firmato a Palazzo Chigi il Protocollo d'intesa. Disponibile la mappa aggiornata degli interventi nei 1772 cantieri.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2014
Presidenza del Consiglio dei Ministri | "Se l'Italia si cura, l'Italia è più sicura", è lo slogan della campagna di comunicazione istituzionale #italiasicura contro il dissesto idrogeologico, per le infrastrutture idriche e l'edilizia scolastica.

 
 
Condividi la notizia

4 novembre 2015
#italiasicura | Si tratta di 654 milioni di euro investiti in prevenzione, per la sicurezza dei cittadini che, nelle aree metropolitane, sono esposti al rischio alluvione.

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2016
Ministero dell'Interno | Pubblicato il decreto che stabilisce le modalità informatiche che consentono ai comuni di presentare la richiesta.

 
 
Condividi la notizia

4 ottobre 2015
Protezione Civile | Volontari della Protezione Civile in oltre 400 piazze il 17 e 18 ottobre per sensibilizzare i cittadini alla prevenzione dai rischi naturali.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2015
Ambiente | Il Sottosegretario Silvia Velo ha incontrato le delegazioni lucana, pugliese e calabrese per discutere dell’istanza di prospezione e ricerca idrocarburi nello Jonio.

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2018
MISE | Approvato dal Ministero dello sviluppo economico e dal Ministero dell'ambiente il PREPAC 2017 di circa 39 milioni di euro.

 
 
Condividi la notizia

5 novembre 2015
Tutela del mare | L'attività è finanziata con fondi del Ministero dell'Ambiente.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2015
Ministero dell'Ambiente | Indetta da Consip la gara a procedura ristretta, a lotto unico, per conto del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Protezione civile regionale | Sulla base delle previsioni meteo fornite dal Centro Funzionale Centrale del Dipartimento, è stato emesso l’avviso di criticità idrogeologica.

 
 
Condividi la notizia

25 agosto 2015
Autorità di Bacino | Il Comitato Istituzionale dell'Ente ha adottato due deliberazioni, ai sensi dell'art. 65 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

 
 
Condividi la notizia

19 giugno 2015
Fonti rinnovabili | Il Ministero dello Sviluppo Economico ha fornito chiarimenti ai vari quesiti proposti dagli operatori.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.