Condividi la notizia

Gare

Presentazione dell'offerta ed obbligo di indicare da subito il subappaltatore

Il Consiglio di Stato distingue tra subappalto facoltativo e necessario.

Con appello del 2013 il Ministero della Difesa ha riproposto al Consiglio di Stato una vecchia quaestio iuris: quella relativa alla sussistenza del dovere o meno, per un concorrente ad una gara pubblica, di indicare il concorrente in sede di offerta il nominativo dell’impresa subappaltatrice.

Il Supremo Consesso, Sezione Quarta, con sentenza del 4 maggio 2015, n. 2223 dopo aver ripercorso il quadro normativo dalla legge Merloni ad oggi, ha preliminarmente dato atto che effettivamente in base alla lettura delle norme vigenti (artt. 37 comma 11 e 118 comma 2 del Codice dei contratti ed art. 92 del Regolamento di attuazione del predetto Codice) non è dato evincere espressamente l’esistenza di un obbligo per il concorrente, che dichiari di voler avvalersi del subappalto per alcune specifiche lavorazioni, di indicare già in sede di presentazione dell’offerta il nominativo dell’impresa appaltatrice (in tal senso richiamando la propria pronuncia, della V Sezione, 27 luglio 2014 n. 3449).

Invero, l’affidamento in subappalto (o in cottimo), come espressamente stabilito dal summenzionato art.118, è infatti sottoposto alle seguenti condizioni:

  1. che i concorrenti all’atto dell’offerta, o l’affidatario nel caso di varianti in corso di esecuzione, abbiano indicato i lavori o le parti delle opere che intendono subappaltare (o concedere in cottimo);

  2. che l’affidatario provveda al deposito del contratto di subappalto presso la stazione appaltante almeno venti giorni prima della data di effettivo inizio della esecuzione delle relative prestazioni;

  3. che al momento del deposito del contratto di subappalto presso la stazione appaltante l’affidatario trasmetta la certificazione attestante il possesso da parte del subappaltatore dei requisiti di qualificazione richiesti dal codice in ordine alla prestazione subappaltata e la dichiarazione del subappaltatore attestante il possesso dei requisiti generali di cui all’art. 38;

  4. che non sussista alcuno dei divieti previsti dall’art.10 della L. 31 maggio 1965 n. 575 e successive modificazioni.

Invero, un approccio interpretativo di tipo squisitamente letterale di tali disposizioni depone dunque in favore della tesi che in concreto l’onere di comunicazione in via preventiva del nominativo del subappaltatore non è contemplato e quindi non sussisterebbe il relativo onere dichiarativo; tuttavia i giudici di Palazzo Spada si sono affrettati a chiarire che questa non può essere una regola esegetica valida in ogni circostanza, dovendo soccorrere, a mò di deroga, i principi che informano il caso del c.d. subappalto “necessario” (come quello in rilievo nella fattispecie decisa) e che fanno indubbiamente propendere per la sussistenza dell’obbligo in questione da assolversi da parte del concorrente nella fase della presentazione dell’offerta.

Il Collegio si è detto di essere ben a conoscenza dell’esistenza di un preciso indirizzo interpretativo conforme alla tesi dall’Amministrazione appellante propugnata nel gravame, secondo cui non vi sarebbe l’esigenza di conoscere tempestivamente il nome dell’appaltatore (cfr. Cons. Stato, Sez. V, 12 marzo 2013 n. 3963): e tuttavia consapevolmente ha ritenuto di non poter aderire ad un siffatto assunto, condividendo invece l’orientamento di segno opposto pure affermato in materia (Cons. Stato, Sez. VI, 25 febbraio 2012 n.2508; idem 21 novembre 2012 n. 5900). Infatti, ai fini dell’applicazione dell’art. 118 del Codice dei contratti occorre distinguere fra:

a) le ipotesi in cui il concorrente sia autonomamente in possesso di tutti i requisiti di partecipazione, a prescindere dalla conclusione di un subabbapalto (c.d. subappalto facoltativo);

b) le ipotesi in cui il concorrente sia privo di un requisito di qualificazione e pertanto intenda avvalersi di altra impresa non solo ai fini dell’esecuzione, ma più a monte ai fini della stessa qualificazione per l’ammissione alla gara (c.d. subappalto necessario).

A fronte di una tale distinzione, la previsione di cui al comma 2 dell’art. 118 in tema di dichiarazione di subappalto va intesa nel senso che la dichiarazione:

1) può essere limitata alla volontà di concludere un subappalto pur possedendo tutte le qualificazioni per l’esecuzione in via autonoma delle lavorazioni oggetto di subappalto;

2) al contrario, la dichiarazione in questione deve contenere anche l’indicazione dell’impresa subappaltatrice nel caso in cui il ricorso al subappalto si rende necessario a cagione del mancato autonomo possesso da parte del singolo concorrente, dei requisiti di qualificazione per l’utile ammissione alla gara.

D’altra parte la configurabilità di obbligo dichiarativo ex ante si coniuga con la figura del subappalto, posto che dal punto di vista fisiologico tale “strumento” ricorre, appunto, nelle ipotesi in cui il partecipante alla gara sia autonomamente in possesso dei presupposti e dei requisiti per la corretta esecuzione dell’appalto, di talché in tale ottica si può giustificare la possibilità per il concorrente di integrare ex post la dichiarazione di subappalto (attraverso la postuma indicazione del subappaltatore).

Da ciò si deve altresì concludere a contrariis che tutte le volte in cui al momento della presentazione dell’offerta mancano i requisiti da possedersi in capo ad ogni singolo concorrente, questi può sì farsi adiuvare da altro soggetto in grado di soccorre il partecipante (appunto il subappaltatore) ma è del tutto logico pretendere proprio ai fini della salvaguardia dei requisiti di ammissibilità alla gara che occorre sia indicato il nominativo dell’impresa che “concorre” a coprire la manchevolezza del singolo partecipante.

E’ evidente, infatti, che la ratio che anima il sistema del subappalto è quella riconducibile ragionevolmente alla necessità di far sì che l’Amministrazione aggiudicatrice sia messa in condizione di valutare sin dall’inizio l’idoneità di un soggetto che dimostri di possedere, vuoi in proprio, vuoi attraverso l’apporto altrui, le qualificazioni necessarie per la corretta esecuzione del contratto e d’altra parte non appare ammissibile che la stessa Amministrazione ammetta per così dire “al buio” un soggetto pacificamente carente di requisito di partecipazione senza che questi si sia curato di dimostrare ab initio la possibilità di avvalersi dei requisiti dei terzi a mezzo appunto del subappalto. 

Rodolfo Murra

(6 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

23 dicembre 2015
Mercato Elettronico | I chiarimenti dell'Autorità Nazionale Anticorruzione nel comunicato del Presidente Cantone.

 
 
Condividi la notizia

31 maggio 2015
Appalti pubblici | Un caso di offerta tecnica obiettivamente irragionevole.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2014
Senato | La 1a Commissione permanente ha espresso parere sulla sussistenza dei requisiti costituzionali in ordine al decreto-legge su competitività e giustizia sociale

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2015
GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA | La "piena conoscenza degli atti di gara" nei principi richiamati dal TAR Potenza.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2014
Trasparenza | L'Autorità Nazionale AntiCorruzione ha chiarito che ogni qualvolta l'amministrazione per l'affidamento di lavori, servizi e forniture proceda in assenza di gara pubblica, è tenuta a pubblicare la delibera a contrarre in quanto atto sostitutivo del bando di gara.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Appalti | Per il Consiglio di Stato se i modelli predisposti dalla stazione appaltante hanno indotto in errore, il concorrente va comunque escluso dalla gara se ha reso dichiarazioni incomplete sui requisiti di partecipazione

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Composizione di commissioni di gara | Importanti principi stabiliti dal Consiglio di Stato sulle incompatibilita' dei componenti di commissioni di gara.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Consiglio di Stato | L'Organo d'Appello della Giustizia Amministrativa ha ritenuto che la proroga delle forniture disposta senza gara come prevista dalla spending review è violativa e contraria all'ordinamento comunitario e dunque va disapplicata.Principio della supremazia del diritto comunitario sul diritto interno.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2015
PCM | Sulla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 30.1.2015 è stato pubblicato il comunicato della Presidenza del Consiglio dei Ministri sulla rivalutazione, per l'anno 2014, della misura e dei requisiti economici dell'assegno per il nucleo familiare numeroso e dell'assegno di maternità.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Gare pubbliche | Stop del Consiglio di Stato ad avvalimenti limitati alla sola capacità economico-finanziaria.

 
 
Condividi la notizia

26 settembre 2018
APPALTI | Con il recepimento dell'art. 22 della Direttiva 2014/24/EU, l'Italia deve uniformarsi al principio della completa digitalizzazione delle procedure di gara.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2017
Corte di Cassazione | Lente d'ingrandimento sulla trattativa privata. Va esclusa l'esistenza di una gara solo quando la P.A. resti libera di valutare, in mancanza di precisi criteri di selezione.

 
 
Condividi la notizia

24 luglio 2018
Appalti | Per il Consiglio di Stato un singolare caso di invio dell'offerta economica non ritenuto invalidante.

 
 
Condividi la notizia

15 dicembre 2014
Agenzia per l'Italia Digitale | AgID annuncia oggi la pubblicazione della gara pre-commerciale per servizi di ricerca e sviluppo di soluzioni per la realizzazione dei nuovi Cloud delle P.A. europee. Scadenza 20 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

30 luglio 2015
Università | Presentato il nuovo corso di laurea magistrale in 'Economia delle risorse naturali e culturali'. Le candidature dal 1 agosto al 6 ottobre 2015.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.