Condividi la notizia

Protezione internazionale

Rifugiati: il diritto di informazione non ammette deroghe di alcun tipo

Regolamento di Dublino: il Consiglio di Stato vuole l'assoluto rispetto della forma.

Un cittadino Pakistano, entrato in Italia attraverso la frontiera austriaca, presentava istanza di protezione internazionale, in quanto perseguitato in patria dai Talebani come giornalista attivo contro l’integralismo islamico. I competenti uffici del Ministero dell’Interno adottavano il provvedimento (in data 7 ottobre 2014) con il quale disponevano invece il trasferimento del ricorrente in Germania, in quanto Stato competente a decidere sull'istanza di protezione internazionale, essendo emerso, attraverso il riscontro delle impronte digitali tramite il sistema Eurodac, che l’interessato aveva già presentato in Germania, in data 19 gennaio 2012, analoga istanza; attraverso uno scambio di note la Germania aveva riconosciuto la propria competenza.

Con ricorso proposto davanti al Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, sede di Roma, l'interessato chiedeva l'annullamento di tale provvedimento: il TAR adito, dopo aver in un primo tempo accolto l’istanza cautelare con provvedimento monocratico, respingeva il ricorso mediante sentenza in forma semplificata adottata ai sensi dell’art. 60 c.p.a. (n. 2184 del 6 febbraio 2015).

Da qui la notificazione dell’appello al Consiglio di Stato che, con sentenza dell’8 settembre 2015 n. 4199 (della Sezione terza), ha riformato la decisione di primo grado.

Il Collegio di appello ha inizialmente tenuto a sottolineare che il sistema delle garanzie partecipative fissato dai regolamenti dell’Unione europea per regolare i trasferimenti degli stranieri, in relazione al Paese nel quale hanno presentato per la prima volta la domanda di protezione internazionale, costituisce un aspetto essenziale ed inderogabile della relativa disciplina. 

Esso infatti rappresenta il dato distintivo fondamentale, che distingue una procedura regolata dal diritto - in funzione dei valori che si vogliono proteggere - dal traffico di esseri umani, che spesso caratterizza i flussi migratorii.

Pertanto, il Consiglio di Stato ha mostrato di non condividere il criterio sostanzialistico seguito dal TAR, il quale si è – sia pure in modo non irragionevole – impegnato ad accertare se lo straniero fosse di fatto informato dei diritti e delle garanzie che gli spettavano, traendone la prova positiva dall’effettivo e, specie nelle fasi cautelari, efficace esercizio dei suoi diritti processuali. Infatti, a giudizio dei magistrati di Palazzo Spada, nel caso delle garanzie partecipative connesse alle procedure di protezione internazionale, non vi è alcun margine per interpretazioni del giudice nazionale non strettamente aderenti alla formulazione normativa e, tanto meno, per interpretazioni di tipo sostanziale. 

Nello specifico, l’articolo 4 del Regolamento (UE) n. 604/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 giugno 2013 (Nuovo Regolamento di Dublino) prevede il diritto di informazione degli stranieri che avanzano domanda di protezione internazionale, specificando al comma 1 l'obbligo di adempiere ad una serie di prescrizioni (tra le quali rientra lo svolgimento del colloquio personale) e, al comma 2, che “le informazioni di cui al paragrafo 1 sono fornite al richiedente per iscritto in una lingua che il richiedente comprende o che ragionevolmente si suppone a lui comprensibile. A questo fine gli Stati membri si avvalgono dell’opuscolo comune redatto conformemente al paragrafo 3”.

Le prescrizioni dell’appena richiamato comma 2 - circa la obbligatorietà della informazione preventiva e per iscritto in lingua accessibile allo straniero, su tutti i contenuti determinati nell’elenco di cui al comma 1 dello stesso articolo - sono tassative. 

Esse pertanto non possono considerarsi rispettate solo per il fatto che lo straniero interessato ha svolto il colloquio personale, in presenza di un mediatore culturale, che costituisce solo una delle diverse garanzie informative previste. 

La possibilità di richiedere informazioni non equivale all’obbligo di essere informati per iscritto in modo sistematico e oggettivo, come avviene attraverso la consegna di un documento appositamente predisposto a questo scopo, quale l’“Opuscolo” espressamente previsto dalla norma europea, che mira a garantire la certezza che la informazione sia stata fornita in forma appropriata e oggettiva. Per il Consiglio di Stato, allora, non è stato sufficiente di certo, a tal fine, che lo straniero abbia avuto la possibilità di richiedere a persone competenti le informazioni che riteneva necessarie. 

Per domandare, bisogna anche sapere “cosa domandare” e, in situazioni complesse come quelle in esame, specie nel contesto di ordinamenti e lingue a cui si è quasi sempre totalmente estranei, sapere cosa bisogna domandare per tutelare i propri diritti non è affatto evidente o intuitivo. 

La garanzia predisposta dall’art. 4, comma 2, del citato regolamento UE n. 604/2013, che nel caso di specie è stata violata, assume quindi, anche sul piano sostanziale, un carattere essenziale ed inderogabile. 

In base alle considerazioni che precedono, l’appello è stato accolto (nei termini di cui in motivazione) e, conseguentemente, è stato dichiarato l’obbligo per l’Amministrazione di rideterminarsi sull’istanza che ha dato luogo al provvedimento impugnato, secondo le indicazioni offerte dalla sentenza di secondo grado.

Rodolfo Murra

(13 settembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

15 gennaio 2020
Immigrazione | Il documento illustra tutte le fasi della procedura, i criteri di valutazione della domanda, diritti e doveri del richiedente e contatti utili.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

13 gennaio 2016
ministero dell'Interno | Uno strumento pratico, un dépliant in varie lingue che contiene informazioni importanti per le persone che hanno meno di 18 anni.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2014
Pedaggi autostradali | Il pedaggio non e' un'imposizione fiscale e deve essere assicurata la corrispondenza tra pagamento e fruizione

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Attività di estetista | Per lettini abbronzanti e lampade UVA, anche se direttamente ed autonomamente utilizzati da soci di circoli privati, e' necessaria l'autorizzazione comunale.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Accesso agli atti | Il diritto di cronaca si piega davanti all'interesse ad accedere agli atti.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2016
Riforma | I punti principali sullo schema del Testo Unico nel parere della Commissione Speciale n. 968 del 21.4.2016.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Riforma | Giudizio positivo, ma permangono alcuni rilievi sullo schema di decreto legislativo.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2016
Riforma | La sintesi con i punti principali e il testo per esteso del parere n. 2113 del 14.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2017
Consiglio dei Ministri | Approvato il decreto legge per l'accelerazione dei procedimenti in materia di protezione internazionale e misure per il contrasto dell'immigrazione illegale.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.