Condividi la notizia

corte di Cassazione

Niente legittima difesa se il pericolo di un danno grave alla persona non è attuale ed imminente

Il nostro ordinamento non ammette difese anticipate o preventive. La sentenza n. 9911/2016.

Brutta storia quella giunta all'attenzione della Corte di Cassazione. Nel leggere la parte in fatto della sentenza sembra di essere al cinema dove proiettano un film violento incentrato su orribili storie di vita familiare.
 
Ma non è così. 
 
È una storia vera quella in cui il padre esplode due colpi di fucile sul volto del figlio affetto da disturbi comportamentali ed alcolizzato. La Corte di assise di appello confermava la decisione del Gup che, all'esito del giudizio abbreviato -  riconosciuto il vizio parziale di mente e le circostanze attenuanti generiche prevalenti sulla aggravante contestata e la circostanza della provocazione - condannava il padre alla pena di anni quattro e mesi due di reclusione per l'omicidio del figlio.
 
La ricostruzione del fatto fondata sulle dichiarazioni confessorie dell'imputato e di altri testimoni in ordine ai problematici rapporti tra padre e figlio e alle condotte violente di quest'ultimo si risolve, quindi, sulla base della perizia relativa alle condizioni psichiche dell'imputato al quale veniva riconosciuto il vizio parziale di mente, nella sopra citata condanna che è stata confermata dalla Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione.
 
In particolare la Corte non ha condiviso la tesi sollevata dalla difesa in relazione alla legittima difesa cd. anticipata secondo cui dovrebbe ritenersi l'applicazione analogica della scriminante alla difesa anticipata allorché, pur non essendo ancora in atto il pericolo, si abbia la certezza della non differibilità dell'intervento difensivo, certamente vano se ritardato in attesa che insorga il rischio. 
 
Nella sentenza n. 9911/2016 gli ermellini hanno dichiarato inammissibile il ricorso per infondatezza delle censure proposte in quanto ai fini dell'integrazione dell'esimente è necessario che il pericolo di un danno grave alla persona sia attuale ed imminente o, comunque, idoneo a fare sorgere nell'autore del fatto la ragionevole opinione di trovarsi in siffatto pericolo, non essendo all'uopo sufficiente un pericolo eventuale, futuro, meramente probabile o temuto. 
 
Non ammettendo il nostro ordinamento la difesa anticipata o preventiva, il pericolo attuale è quello che, se non tempestivamente neutralizzato, causerebbe la lesione del diritto, quindi, deve trattarsi di pericolo imminente o persistente al momento della reazione difensiva, non futuro e neppure già esaurito. 
 
Sulla base di tale premessa la Suprema Corte ha ritenuto che nella specie, la Corte di appello ha correttamente evidenziato come ancorché si tenga conto di tutte le pregresse vicende e della violenza manifestata dalla vittima nella serata, il ricorrente ha agito quando il figlio era privo di capacità di azione e stordito dall'alcool. L'omicidio, infatti, è avvenuto la mattina successiva alle azioni violente e minacciose poste in essere dalla vittima, quando il padre aveva trovato il figlio fuori di casa riverso a terra, in stato di incoscienza per l'abuso di alcool, lo aveva portato in casa e lo aveva messo a letto. Quindi, il ricorrente, dopo avere fumato alcune sigarette, aveva sparato con il fucile al volto del figlio mentre dormiva. 
 
Riconosciuto il vizio parziale di mente alla luce dei risultati della perizia, la Corte di appello correttamente, quindi, ha escluso la invocata scriminante della legittima difesa, rilevando che la vittima si trovava in stato di totale ubriachezza e non era in condizioni di nuocere, tanto da dovere essere messo a letto dal padre; né tale stato era destinato ad esaurirsi in tempo breve tanto da potersi profilare un pericolo di reazione. 
 
Per le stesse ragioni - precisa la Suprema Corte - operando la valutazione ex ante delle concrete circostanze di fatto, anche antecedenti che possono avere inciso sull'insorgenza di un erroneo convincimento, ha ritenuto insussistente la legittima difesa putativa e l'eccesso colposo nella legittima difesa in assenza del profilarsi di una situazione di pericolo per l'agente o per i familiari, posto che ogni velleità aggressiva della vittima era in quel momento neutralizzata dalle sue condizioni di totale incoscienza. 
 
Fonte: Corte di Cassazione
 
Enrico Michetti

La Direzione

(13 marzo 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Prevenzione infortuni | La sentenza della Corte di Cassazione sulla posizione di garanzia di chi ha commissionato il lavoro. Le regole e le condizioni che estendono la responsabilità.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2016
Graffitismo | La particolare tenuità del fatto nei principi sanciti nella sentenza dalla Sezione Seconda della Corte di Cassazione n. 16371/2016.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Lavoro pubblico | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione Quarta Sezione Lavoro sentenza n. 27481 del 30.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2016
responsabilità Professionale | Per il "consenso informato" "occhio" ai moduli da far sottoscrivere ai pazienti. La sentenza della Corte di Cassazione n. 2177/2016.

 
 
Condividi la notizia

12 aprile 2015
Corte di Cassazione | Cambia la giurisprudenza. Importanti principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza n. 6855/2015.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Famiglia | È contraria all'ordine pubblico e, quindi, vietata la "surrogazione di maternità". Il principio espresso dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 24001/2014.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Dipendenti pubblici | Il regolamento comunale non può derogare ai termini di decadenza previsti dalla normativa nazionale. La sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro n. 17153/2015.

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.