Condividi la notizia

Corte di cassazione

La mancata sottoscrizione del visto di regolaritá contabile non puó essere sostituita dalla dicitura a stampa

Legittimo il licenziamento del Ragioniere Capo del Comune.

Con sentenza depositata a fine 2015 la Corte di appello di Genova - confermando la pronuncia emessa dal Tribunale in sede di opposizione ex art. 1, L. n. 92 del  2012 (c.d. rito Fornero) - ha respinto il reclamo proposto da un dirigente di un Comune, Responsabile dell'Area  Economico-Finanziaria dell’Ente,  avverso l'accertamento della legittimità del licenziamento intimato due anni prima: al dirigente era stato infatti contestato il fatto di non aver apposto, nell'arco di 3  anni e con riguardo ad un considerevole numero di provvedimenti (circa 400), il visto  di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria. Della circostanza si era avveduto il Segretario generale supplente, chiamato a sostituire momentaneamente il titolare, il quale aveva avviato il procedimento disciplinare conclusosi con il licenziamento.

Proponeva ricorso per cassazione il dirigente espulso, il quale a sua difesa sosteneva che i giudici di merito avevano errato nel non considerare apposto il visto di regolarità contabile, atteso che sui provvedimenti esaminati  figurava la dicitura a stampa “Visto per la regolarità contabile attestante la copertura finanziaria, ai sensi dell'art. 151, comma 4, del D.Igs. n. 18 agosto 2000, n. 267” seguita dall'indicazione - sempre a stampa - del nominativo del Ragioniere capo. A detta del ricorrente, quindi, non v’era alcun bisogno che venissero poste in essere “operazioni informatiche" atte a dimostrare che il soggetto tenuto alla apposizione di una firma autografa (il visto di regolarità contabile) avesse effettivamente apposto tale firma con modalità informatiche sostitutive.

In sostanza  il ricorrente ha lamentato l'erronea applicazione delle disposizioni di legge dettate  in materia di formazione di atti da parte dell'Ente territoriale mediante sistemi  informativi automatizzati ed ha illustrato la carente o contraddittoria ricostruzione della fattispecie concreta effettuata dalla Corte distrettuale, procedendo a contestare la  valutazione delle risultanze di causa.

I giudici di legittimità (Sezione Lavoro) hanno ritenuto infondato il ricorso con sentenza n. 29230 del 6 dicembre 2017.

La Corte di cassazione, infatti, pur menzionando l’art. 3 del D.L.vo n. 39 del 1993 (recante “Norme in materia di sistemi informativi  automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera  mm), della L. 23 ottobre 1992, n. 421”),  che prevede che gli atti amministrativi adottati da tutte le pubbliche amministrazioni sono di norma predisposti tramite i sistemi informativi automatizzati, ha ritenuto insufficiente la dicitura a stampa “Visto per la regolarità contabile attestante la  copertura finanziaria, ai sensi dell'art. 151, comma 4, del D.Igs. n. 18 agosto 2000, n. 267”, seguita dall'indicazione - sempre a stampa - del nominativo del Ragioniere Capo apposta sulle determinazioni dirigenziali adottate dai Responsabili di Area in quanto tale dicitura veniva apposta non già dal Ragioniere stesso all'esito dei controlli effettuati bensì già predisposta (a monte), su ciascun atto, dai Responsabili stessi delle Aree da cui proveniva la determina che doveva, in un momento successivo, essere verificata contabilmente; tale dicitura - in quanto apposta da soggetti non preposti ai controlli contabili ma Responsabili dei Servizi che richiedevano l'impegno di spesa - in assenza di ulteriori operazioni informatiche poste in essere direttamente dal tritolare della funzione di controllo non poteva essere sufficiente a dimostrare l'apposizione del Visto di regolarità contabile da parte dello stesso. La circostanza dell'apposizione “preventiva” della dicitura a stampa sulle determine da parte dei Responsabili delle Aree è stata desunta, dalla Corte distrettuale, dal modulo utilizzato per le determine stesse, concludendosi nel senso che il dirigente non attestava per le varie determinazioni oggetto di contestazione la regolarità contabile e finanziaria, non sottoscrivendo il visto per ciascuna determina né materialmente né mediante modalità informatiche: visto che, alla luce delle disposizioni dettate in tema di enti locali, era invece indispensabile per ogni provvedimento, trattandosi di un adempimento previsto espressamente dalla legge ed al quale è subordinata l'esecutività dello stesso.

Rodolfo Murra

(11 dicembre 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 aprile 2014
Corte dei Conti | Ragioniere del comune si appropria di soldi pubblici, condannato a risarcire euro 110.038,29.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2016
Procedimenti disciplinari | Sanzione espulsiva al dipendente comunale che andava all'Università invece di assistere il parente malato. La sentenza n. 17968 del 13.9.2016.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2016
Sanzioni disciplinari | Il caso di un dipendente comunale licenziato per due giorni di assenza non giustificata. La proporzionalità nella sentenza n. 17355 del 25 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Dipendenti pubblici | Il regolamento comunale non può derogare ai termini di decadenza previsti dalla normativa nazionale. La sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro n. 17153/2015.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2016
Tributi locali | La determinazione della base imponibile. ll principio ribadito dalla Sesta Sezione della Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 14676 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Corte di Cassazione | No al file-sharing, al porno e all’utilizzo della posta elettronica per scopi personali. Gli ermellini chiariscono definitivamente la vicenda di un licenziamento disciplinare.

 
 
Condividi la notizia

4 gennaio 2015
Unione Europea | Nessun principio generale del diritto dell'Unione vieta discriminazioni fondate sull'obesità, tuttavia questa rientra nella nozione di "handicap" se impedisce, a talune condizioni, la piena ed effettiva partecipazione della persona alla vita professionale su base di uguaglianza con gli altri lavoratori. La sentenza UE.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2015
Lavori pubblici | Monito sulla copertura finanziaria. Necessità di una verifica ex ante della sostenibilità economica degli interventi da realizzare. Niente spese senza impegno contabile. Al bando le clausole di stile sulla necessità del rispetto del patto di stabilità.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

5 ottobre 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione della Corte di Cassazione n. 18057/2016.

 
 
Condividi la notizia

4 febbraio 2016
Stabilità 2016 | Dal 2016 la copertura assicurativa viene estesa anche ai detenuti e agli internati impegnati in attività volontarie e gratuite e agli stranieri richiedenti asilo in possesso del permesso di soggiorno.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2014
Reati contro la Pubblica Amministrazione | Corte di Cassazione: reato di peculato per il dipendente di una società concessionaria della gestione di un parcheggio comunale o di altro ente pubblico che si appropria delle somme versate dai conducenti di automezzi fruitori del parcheggio.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.