Condividi la notizia

TAR LAZIO

Impianti di telefonia: il problema dell'installazione di antenne nei territori comunali

Secondo i giudici la sospensione sine die del procedimento autorizzatorio in attesa di un futuro regolamento ad hoc è illegittima.

Una Società ricorrente presentava ad un Comune laziale una d.i.a per la realizzazione di una Stazione Radio Base per la telefonia cellulare. L’Amministrazione decideva di sospendere l’efficacia della d.i.a. e di inibire l’avvio dei lavori sulla base di una deliberazione del Consiglio Comunale  con la quale si impegnavano il Sindaco e la Giunta a definire in tempi brevi la stesura di un futuro Regolamento per la disciplina dell’installazione delle postazioni fisse di telefonia mobile, sospendendo nelle more dell’approvazione dello stesso di qualsiasi rilascio di ulteriori concessioni.

La Società ricorreva così al TAR Lazio (II Sezione) che, con sentenza n. 4155 del 16 aprile 2018, accoglieva il gravame ed annullava gli atti comunali.

Secondo il Collegio, infatti, il Comune ha ingiustificatamente ritenuto di poter sospendere ogni installazione in assenza di una valida base normativa di riferimento, rendendo impossibile realizzare impianti di telefonia sull’intero territorio comunale, in attesa dell’approvazione di un apposito Regolamento Comunale.

Al riguardo, si è affermato che la decisione del Comune di sospendere le autorizzazioni in attesa dell’approvazione di un nuovo regolamento comunale non può essere condivisa poiché di fatto dà luogo ad una sospensione sine die della funzione amministrativa autorizzatoria concernente l’attività di installazione di infrastrutture di comunicazione elettronica: sospensione sine die che non rientra fra i poteri attribuiti agli enti locali dalla legislazione vigente.

La normativa nazionale in materia di telecomunicazioni, recata dal D.L.vo n. 259 del 2003 (Codice delle comunicazioni elettroniche) - nell’individuare le infrastrutture di comunicazione come “opere di urbanizzazione primaria” (art. 86, comma 3) - prevede un iter autorizzatorio particolarmente celere, incentrato su norme “di favore” per la pronta e spedita realizzazione delle opere, quale ad esempio l’introduzione del meccanismo del silenzio assenso (art. 86, comma 9) per l’autorizzazione alla costruzione degli impianti in questione.

Tali previsioni normative, peraltro, sono state definite dalla Corte costituzionale come “principi fondamentali” della presente materia (Corte cost., sentenza n. 336 del 27 luglio 2005), vincolanti per le Regioni al fine di evitare non auspicabili “dislivelli di regolazione” (Corte cost., sentenza n. 283 del 6 novembre 2009), con la conseguenza che una moratoria delle autorizzazioni comunali all’istallazione delle antenne, in assenza di un limite temporale, potrebbe porsi in contrasto anche con il disposto dell’art. 117 della Costituzione.

D’altronde l’aver legato la concessione delle autorizzazioni all’approvazione di un nuovo regolamento comunale senza la fissazione di un limite temporale vanifica anche l’interesse pubblico allo sviluppo delle reti di comunicazione sancito dal citato D.L.vo n. 259 del 2003, con conseguente illogica compressione del diritto alla libertà di svolgimento dell’iniziativa economica privata, sancito dall’art. 41 della Costituzione.

Mattia Murra

(25 aprile 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

14 giugno 2014
ONDE ELETTROMAGNETICHE | Lo studio di Arpa Piemonte sull'impatto dei campi magnetici e i consigli sull'uso di cellulari e smartphone

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2018
Opportunità di lavoro | Pubblicate le nuove opportunità di impiego nei comuni selezionate dalla Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2016
Occupazione | Opportunità di lavoro nei Comuni di Castellabate, Trieste, Colle di Val D'Elsa, Marciana, Padova, Rivalta di Torino, Unione Montana dei Comuni dell'Appennino Reggiano, Unione Romagna Faentina.

 
 
Condividi la notizia

16 aprile 2015
Ministero dell'Interno | Messo a disposizione degli Enti Locali il dato riepilogativo per l'anno 2015.

 
 
Condividi la notizia

13 febbraio 2018
Opportunità di lavoro | La rassegna di tutte le opportunità di lavoro negli Enti Locali selezionate dalle ultime edizioni della Gazzette Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2017
Opportunità di lavoro | Anche questa settimana tante opportunità di lavoro pubblicate dai Comuni di Matera, Piacenza, Sorrento, Alba, Ginosa, Maranello, Treviso e tanti altri.

 
 
Condividi la notizia

27 novembre 2016
Occupazione | Gli ultimi bandi pubblicati dagli Enti Locali sulla Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2015
CIPE | Si tratta di fondi per il completamento di opere appaltabili entro il 30 aprile 2015 (nella foto: il ministro delle Intrastrutture Delrio illustra il provvedimento).

 
 
Condividi la notizia

5 marzo 2015
Giustizia amministrativa | L'Anci Lazio ed i Comuni del Lazio (vedi elenco) impugnano la classificazione ISTAT. Il TAR concede all'ISTAT venti giorni per depositare una dettagliata relazione in risposta alle contestazioni degli Enti Locali.

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2015
Enti territoriali | Pubblicato il decreto legge. Rideterminati gli obiettivi del Patto di Stabilità interno dei comuni. Contributo per 530 milioni di euro nel Fondo compensativo IMU e TASI. Assunzioni del personale in mobilità obbligatoria. Incrementate le risorse per il pagamento dei debiti commerciali.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2016
Opportunità di lavoro | Istruttore contabile, funzionario amministrativo, operatore socio sanitario, agente polizia municipale - vigile urbano, terminalista, insegnante per la Scuola comunale infanzia ed educatore per l'Asilo nido, ingegnere trasportista, geometra, assistente sociale, queste ed altre le figure professionali richieste dai Comuni.

 
 
Condividi la notizia

3 settembre 2014
Crisi economica | I debiti dello Stato sono il triplo rispetto a quelli di Regioni, Province e Comuni. Al netto di interessi e pensioni, però, le Amministrazioni locali gestiscono oltre il 57 per cento della spesa pubblica.

 
 
Condividi la notizia

24 giugno 2015
#italiasicura | I comuni interessati devono compilare il modulo e trasmetterlo alla Presidenza del Consiglio entro il 30 giugno 2015.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Corte dei Conti | Rientrano fra le spese d'ufficio poste a carico degli enti locali tutte le spese necessarie ad assicurare il normale funzionamento delle scuole.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2017
Ministero dell'Interno | Riportiamo l'interrogazione a risposta immediata sulle modalità di utilizzo da parte degli enti locali dei proventi delle sanzioni relative ad infrazioni del codice della strada.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.