Condividi la notizia

Processo amministrativo

L'interesse a ricorrere deve sussistere durante tutto il giudizio

Il principio riaffermato nei confronti di un concessionario di stabilimento balneare con concessione oramai già  scaduta.

La Soprintendenza dei beni architettonici delle province di Lecce, Brindisi e Taranto nel 2013 intimava ad un concessionario di stabilimento balneare di smontare tutte le strutture a servizio del lido al termine della stagione estiva e di ripristinare l’originario stato dei luoghi.

Il privato contestava la disposizione ritenendo aver il diritto di mantenere le strutture sul suolo demaniale per tutto l’anno ed impugnava il provvedimento davanti al TAR Puglia che, con sentenza del 2107, gli dava ragione.

Hanno così proposto appello sia il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e sia la Soprintendenza.

Col primo motivo d’appello, le parti pubbliche hanno lamentato la carenza di legittimazione attiva e di carenza d’interesse all’impugnazione del ricorrente in primo grado dal momento che nel corso del giudizio davanti al TAR era scaduto il termine di efficacia della concessione, non suscettibile di rinnovo ex lege.

Il Consiglio di Stato, Sezione Sesta, con sentenza n. 3706 del 15 giugno 2018, ha accolto il gravame.

Il Collegio ha infatti ritenuto di dover dare continuità all’indirizzo giurisprudenziale a mente del quale l’interesse a ricorrere – che deve persistere per tutto il corso del giudizio – è caratterizzato dalla presenza degli stessi requisiti che caratterizzano l’interesse ad agire di cui all’art. 100 c.p.c.: vale a dire la prospettazione di una lesione concreta ed attuale della sfera giuridica del ricorrente e l’effettiva utilità che potrebbe derivare a quest’ultimo dall’eventuale annullamento dell’atto impugnato.

Sicché il ricorso viene considerato inammissibile per carenza di interesse in tutte le ipotesi in cui l’annullamento giurisdizionale di un atto amministrativo non sia in grado di arrecare alcun vantaggio all’interesse sostanziale del ricorrente

Nel caso in esame i giudici di appello hanno rilevato difettare in capo al ricorrente sia l’interesse che l’effettiva legittimazione all’impugnazione, atteso che la concessione demaniale di durata quinquennale, in forza della quale l’appellato ha gestito lo stabilimento, era scaduta il 31.12.2013, mentre a situazione giuridica dedotta in giudizio in prime cure risale all’inizio del 2017, ossia era successiva allo spirare del termine d’efficacia della concessione, abilitante il c.d. uso esclusivo del tratto di arenile in concessione.

Al riguardo il Collegio ha sottolineato che le concessioni balneari come quella di cui era titolare nella specie il ricorrente  sono state oggetto fra il 2009 e il 2015 di varie proroghe ex lege ritenute dalla Corte di Giustizia (con la sentenza 14 luglio 2016) inammissibili alla stregua del diritto dell’Unione (art. 12 della direttiva 2006/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, nonché con gli articoli 49, 56 e 106 TFUE).

E che, con specifico riferimento alla regione Puglia, la Corte costituzionale con la sentenza n. 40/2017 ha dichiarato l’incostituzionalità dell’art. 14, commi 8 e 9, della legge della Regione Puglia n.17/2015 sulla salvaguardia delle concessioni in essere, non aggiudicate con evidenza pubblica.

In definitiva, scaduta la concessione, non trovando spazio applicativo alcuno la proroga legale, indimostrata la sussistenza di specifico provvedimento di proroga dell’originaria concessione scaduta, al momento della decisione del ricorso di prime cure, difettavano in capo al ricorrente la legittimazione attiva e l’interesse ad ottenere l’annullamento delle prescrizioni contenute nell’autorizzazione paesaggistica rilasciatagli per eseguire lavori sulla struttura balneare.

 

Rodolfo Murra

(18 giugno 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 aprile 2018
Consiglio di Stato | I valori paesaggistici dell'area possono essere meglio tutelati con il mantenimento annuale della struttura.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Digitalizzazione | Già disponibili i moduli di deposito e le istruzioni per gli avvocati.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Giustizia amministrativa | Niente domande nuove nella sentenza del Consiglio di Stato del 15.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
Consiglio di Stato | Rivoluzione copernicana nel contenzioso lavoro. I principi sanciti nella sentenza del 28.10.2015.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Digitalizzazione | In G.U. pubblicato il decreto legge che proroga i termini per l'avvio a regime.

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2016
Consiglio dei Ministri | 53 unità di personale con competenze specialistiche tra le misure di attuazione del programma di digitalizzazione degli uffici giudiziari.

 
 
Condividi la notizia

24 luglio 2015
Giustizia Amministrativa | Chi è stato parte sostanziale della procedura ha un interesse qualificato a difendere la propria posizione giuridica di titolare di un diritto di proprietà.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2016
Patrimonio dello Stato | Nota congiunta del Direttore Generale del Tesoro e Direttore Agenzia Demanio per richiedere segnalazioni di immobili pubblici da valorizzare.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Consiglio di Stato | I riflessi del principio di non aggravio è ragionevole durata del processo nella sentenza del 7.12.2015 n. 5571.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2018
Giustizia | Dal 25 maggio si devono utilizzare esclusivamente tali moduli.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2014
Concorsi pubblici | Dipendente dell'Agenzia del Demanio, vincitore di un concorso presso un Ente Locale, viene escluso perché il periodo di lavoro svolto presso l'Agenzia non ha alcun valore ai fini concorsuali per la P.A.

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2016
Lavoro | È quanto prevede, fra le altre, una norma del decreto-legge 30 giugno 2016, n. 115 recante Disposizioni in materia Processo Amministrativo Telematico.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2018
Consiglio di Stato | Un singolare caso di mala gestio processuale che ha fatto durare inutilmente anni un processo amministrativo.

 
 
Condividi la notizia

9 luglio 2018
TAR ABRUZZO | La proroga è giustificata (ancora per un pò) solo allorquando sia finalizzata a tutelare la buona fede del concessionario.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.