Condividi la notizia

TAR NAPOLI

Senza agibilità il Comune deve chiudere l'esercizio commerciale

L'esercizio del commercio è ancorato alla legittimità urbanistico-edilizio dei locali dove si svolge l'attività.

Un Comune della Campania, dopo una diffida rimasta senza riscontro, ordinava la chiusura di un esercizio commerciale che risultava privo del certificato di agibilità dei locali presso i quali esercitava l’attività.  Il titolare gravava il provvedimento davanti al TAR sostenendo l’insufficienza del solo motivo formale della mancanza del certificato di agibilità, in mancanza di ragioni sostanziali di insalubrità, antigienicità o non agibilità dei locali, deducendo in tal senso l’illegittimità del diniego di autorizzazione commerciale motivato esclusivamente da ragioni urbanistico – edilizie.

Il Comune ha resistito in giudizio obiettando che il titolo abilitativo all’esercizio di un’attività commerciale presuppone la regolarità urbanistico-edilizia dei locali interessati.

Il TAR Campania (Sez. III della sede di Napoli) con sentenza 4 luglio 2018 n. 4448 ha respinto il ricorso.

E’stato osservato che, secondo un consolidato indirizzo giurisprudenziale, nel rilascio dell’autorizzazione commerciale occorre tenere presente i presupposti aspetti di conformità urbanistico-edilizia dei locali in cui l’attività commerciale si va a svolgere, con l’ovvia conseguenza che il diniego di esercizio di attività di commercio deve ritenersi senz’altro legittimo ove fondato su rappresentate e accertate ragioni di abusività dei locali nei quali l’attività commerciale viene svolta. Il legittimo esercizio dell’attività commerciale è pertanto ancorato, non solo in sede di rilascio dei titoli abilitativi, ma anche per la intera sua durata di svolgimento, alla iniziale e perdurante regolarità sotto il profilo urbanistico-edilizio dei locali in cui essa viene posta in essere, con conseguente potere-dovere dell’Autorità amministrativa di inibire l’attività commerciale esercitata in locali rispetto ai quali siano stati adottati provvedimenti repressivi che accertano l’abusività delle opere realizzate ed applicano sanzioni che precludono in modo assoluto la prosecuzione di un’attività commerciale.

Tale conclusione, secondo i giudici campani, trova del resto riscontro nel D.L.vo 31 marzo 1998 n. 114 (recante la riforma della disciplina relativa al settore del commercio), il cui art. 7, relativo agli esercizi di vicinato, nella parte rimasta in vigore dopo le modifiche e le abrogazioni apportate con il D.L.vo n. 59 del 26 marzo 2010, impone al soggetto interessato il rispetto dei regolamenti edilizi e delle norme urbanistiche, oltre che di quelle relative alle destinazioni d’uso.

Ancora sul piano generale, il TAR ha ricordato che al presupposto del rispetto delle norme edilizie ed urbanistiche (oggetto della specifica funzione del titolo edilizio) si aggiunge quello del rispetto delle norme tecniche vigenti in materia di sicurezza, salubrità, igiene, risparmio energetico degli edifici e degli impianti che il certificato di agibilità aveva la funzione di attestare (art. 24 T.U. n. 380 del 2001); ed al riguardo la giurisprudenza  ha ribadito come i diversi piani possano convivere sia nella forma fisiologica della conformità dell’edificio ad entrambe le tipologie normative sia in quella patologica di una loro divergenza.

Nel caso in esame, constatata la carenza del presupposto di cui in argomento, il Comune non avrebbe potuto fare altro che impedire lo svolgimento dell’attività commerciale mediante l’adozione di un provvedimento di natura doverosa e vincolata, che, perciò, resiste anche alla (ulteriormente dedotta) censura di omessa comunicazione di avvio del procedimento.

 

 

Mattia Murra

(10 luglio 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

6 aprile 2015
Sanatoria e abitabilità | Non basta l'accertamento dei soli requisiti igienico-sanitari. I principi sanciti dal TAR Campania nella sentenza del 2.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

22 ottobre 2014
Unioncamere | Il servizio di fatturazione elettronica verso la P.A. offerto dal sistema delle Camere di Commercio è a disposizione delle piccole e medie imprese italiane soggette all'obbligo di fatturazione elettronica

 
 
Condividi la notizia

25 novembre 2015
#MT2019 | Il Presidente Tortorelli: "l'accordo rafforzerà i settori legati al turismo, all'enogastronomia, al commercio, ai servizi, alla produzione e alla logistica".

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2014
Sottotetti trasformati in mansarde | La disciplina del condono non vale ad escludere l'obbligo del Comune di accertamento delle condizioni di salubrità ai fini dell'abitabilità degli edifici.

 
 
Condividi la notizia

23 maggio 2014
Istat | A marzo i consumi di cibi e bevande registrano un meno 6,8%. Calo delle vendite al dettaglio del 3,5%.

 
 
Condividi la notizia

23 febbraio 2016
Corte di Cassazione | L'inerzia del Comune nel rilascio non salva il venditore. L'inadempimento contrattuale ed il risarcimento del danno nella sentenza dell'8.2.2016 n. 2438.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2014
Agcom | Nuove regole e sanzioni per Poste italiane. Comuni e isole minori tutelati dai nuovi criteri adottati dall'Autorità per le Comunicazioni.

 
 
Condividi la notizia

21 ottobre 2015
Psr 2007-2013 | Braia: "il mancato rispetto del termine determinerà la revoca del beneficio".

 
 
Condividi la notizia

14 novembre 2014
Giustizia Alternativa | I dati di Unioncamere: +171% l'incremento delle mediazioni depositate a settembre 2014 rispetto allo stesso periodo del 2013. In un terzo dei casi le mediazioni si sono concluse con un accordo.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Ricarica delle Sigarette elettroniche | Gli obblighi di sicurezza dettati dal Ministero della Sanità sui liquidi di ricarica e la tutela penale

 
 
Condividi la notizia

26 gennaio 2015
MEF | Pubblicata la Circolare della Ragioneria Generale dello Stato n. 4/2015 sui nuovi adempimenti.

 
 
Condividi la notizia

26 gennaio 2015
Scommesse | L'Ente locale può sospendere l'attività del gestore per un massimo di trenta giorni da graduare in ordine alla gravità della violazione contestata. La sentenza del TAR Lazio, Roma, Sez. II Ter del 21 gennaio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2016
Antitrust | Quattrocentomila euro di sanzione per comportamenti gravemente scorretti nelle vendite on line.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2014
Corte di Cassazione | La perizia non occorre. Gli ermellini chiariscono la portata dell'art. 9 della L. n. 376/2000.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2015
Sviluppo Economico | Per agevolazioni e incentivi fiscali dell'Investment Compact le imprese devono iscriversi nell'apposita sezione del Registro.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.