Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

Occupazione appropriativa ed occupazione usurpativa: una distinzione oramai superata

La Corte ha affrontato anche il tema delle possibilità legali edificatorie ai fini della determinazione del risarcimento.

La proprietaria di un fondo sito in Calabria convenne in giudizio il Comune, esponendo che il terreno di sua proprietà era stato occupato dal convenuto in via temporanea d'urgenza per la sistemazione del verde attrezzato in una zona urbana, senza che fosse emanato il decreto ablativo, chiedendone la condanna al pagamento dell'indennità di occupazione e del risarcimento del danno da occupazione illegittima.

Il Tribunale adito accolse la domanda ritenendo integrata l'occupazione appropriativa, ritenuta ipotesi d'illecito permanente, e liquidando il ristoro dovuto alla proprietaria in base al criterio del valore venale del bene, riconosciuto edificabile. Tale decisione fu in parte riformata dalla Corte d'Appello, che affermò trattarsi di danno da occupazione usurpativa, la cui domanda doveva ritenersi ammissibile, da liquidarsi in relazione alla destinazione urbanistica del fondo ed in base al criterio dell'edificabilità legale con riferimento alla data di ultimazione dei lavori e, accertato che l'immobile ricadeva, interamente, in zona destinata a verde pubblico e sport, ed in particolare a parco pubblico di quartiere, destinazione a carattere conformativo, ridusse l’importo da versarsi stabilendolo in base al valore venale agricolo (non essendo state dedotte o dimostrate possibilità di sfruttamento intermedio, stabilì l’imposto sulla scorta dei valori agricoli medi, opportunamente adeguati, data la favorevole posizione del suolo).

Per la cassazione della decisione di secondo grado, hanno proposto ricorso gli eredi dell’originaria attrice.

Col primo motivo, i ricorrenti hanno dedotto la violazione degli artt. 5 bis della L. n. 392 del 1992, 14 preleggi e 39 della L. n. 2359 del 1865, lamentando che, nel ritenere che la contestata qualità edificatoria dell'area andava desunta dalla disciplina urbanistica, la Corte di appello abbia applicato al riconosciuto caso di occupazione usurpativa i principi, eccezionali, posti in tema di espropriazione e quelli dichiarati illegittimi, con sentenza della Corte cost. n. 349 del 2007, posti in tema di occupazione acquisitiva. La valutazione del bene, secondo i ricorrenti, andava effettuata in riferimento all'art. 39 della L. n. 2359 del 1865, secondo cui il valore del bene doveva individuarsi nel giusto prezzo che avrebbe avuto in una libera contrattazione di compravendita.

Col secondo motivo, i ricorrenti hanno lamentato la violazione dell'art. 39 della L. n. 2359 del 1865, per avere la Corte territoriale valutato i terreni in termini erronei, ed escluso le possibilità  di  sfruttamento  intermedio,  addebitando  loro, contrariamente al vero, di non averle dedotte e di non averle dimostrate.

La Corte, con ordinanza n. 29992 del 20 novembre 2018 ha ritenuto infondato il primo motivo, accogliendo il secondo.

I Giudici di legittimità hanno osservato che ogni distinzione tra l'occupazione acquisitiva e l'occupazione usurpativa, su cui la prima doglianza si spendeva, non ha più ragion d'essere: la sentenza n. 735 del 2015 delle SS.UU., infatti, le ha esattamente equiparate, escludendo in entrambe le ipotesi l'acquisizione autoritativa del bene alla mano pubblica, riconoscendo al proprietario la tutela reale, cautelare e risarcitoria apprestata nei confronti di qualsiasi soggetto dell'ordinamento, e specificando che si è, sempre, in presenza di un'ipotesi d'illecito permanente, che viene a cessare per effetto della restituzione, o di un accordo transattivo, o della compiuta usucapione da parte dell'occupante che lo ha trasformato, ovvero della rinunzia del proprietario al suo diritto, implicita nella richiesta di risarcimento dei danni per equivalente, caso quest'ultimo che ricorre nella specie. Se, a tale stregua, la questione dell'applicabilità di discipline differenziate per i due casi d'illecito risulta superata, l'indagine relativa al controverso carattere edificatorio dell'area restava tuttavia ugualmente determinante nel caso di specie (come documenta il divario tra la liquidazione di prime cure e di quella d'appello) ai fini della quantificazione del relativo valore venale, al quale rapportare il risarcimento dovuto ai privati per la dismessa proprietà.

La Corte ha, allora, ribadito che un'area va ritenuta edificabile solo quando la stessa risulti tale classificata dagli strumenti urbanistici, e, per converso, le possibilità legali di edificazione vanno escluse tutte le volte in cui per lo strumento urbanistico vigente all'epoca in cui deve compiersi la ricognizione legale, la zona sia stata concretamente vincolata ad un utilizzo meramente pubblicistico (verde pubblico, attrezzature pubbliche, viabilità ecc.), in quanto dette classificazioni apportano un vincolo di destinazione che preclude ai privati tutte quelle forme di trasformazione del suolo che sono riconducibili alla nozione tecnica di edificazione, da intendere come estrinsecazione dello ius aedificandi connesso al diritto di proprietà, ovvero con l'edilizia privata esprimibile dal proprietario dell'area.

Nella specie, risultando accertato che l'area era destinata a verde pubblico, e che tale destinazione costituiva un vincolo conformativo incidendo su di una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione della zona in cui i beni ricadono, la qualità edificatoria resta esclusa, ricadendo l'area nell'ambito di quelle che il D.M. 2 aprile 1968 (art. 2) include fra “le parti del territorio destinate ad attrezzature ed impianti di interesse generale”.

Il secondo motivo, invece, come anticipato, è stato accolto. Nel determinare il valore venale del fondo, e nell'escludere la possibilità di sfruttamento dell'area intermedia tra l'agricola e l'edificatoria (parcheggi, depositi, attività sportive e ricreative, chioschi per la vendita di prodotti ecc.), la Corte territoriale ha addebitato ai danneggiati il mancato assolvimento dell'onere di allegare e provare migliori destinazioni. Il che è giuridicamente erroneo: posto che il bene della vita richiesto è il risarcimento parametrato al valore di mercato del bene, non occorre, per l'effetto, alcuna ulteriore specifica allegazione, laddove nel pretendere la prova della suscettibilità del bene ad ulteriori sfruttamenti si finirebbe con l'introdurre un inammissibile fattore di correzione del criterio del valore di mercato, cui parametrare il danno con l'effetto indiretto di ripristinare l'applicazione di astratti e imprecisati valori agricoli.

La sentenza di appello è stata, in conclusione, cassata in relazione al motivo accolto, con rinvio alla Corte d'Appello, in diversa composizione.

Rodolfo Murra

(27 novembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

6 settembre 2015
Legge Pinto | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza pubblicata il 3 settembre 2015 n. 17572.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte Cassazione nell'ordinanza del 10 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

11 novembre 2014
Irragionevole durata del processo | Equo compenso da irragionevole durata del processo, la Corte di Cassazione chiarisce qual è la durata per un unico grado e per tre gradi di giudizio che fa scattare la possibilità di chiedere il risarcimento.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2017
Responsabilità  del custode | Il principio, ribadito dalla Corte di Cassazione , interrompe il nesso di causalità ed esclude la responsabilità del custode

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 22 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2016
diritto alla riservatezza | La pubblicazione sull'Albo Pretorio on line. Il tempo non perentorio di affissione on line. I dati sensibili e la risarcibilità dei danni non patrimoniali. La sentenza della Cassazione del 13.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Lavoro pubblico | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione Quarta Sezione Lavoro sentenza n. 27481 del 30.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2016
responsabilità Professionale | Per il "consenso informato" "occhio" ai moduli da far sottoscrivere ai pazienti. La sentenza della Corte di Cassazione n. 2177/2016.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2014
Danno erariale | La Corte dei Conti condanna al risarcimento del danno il primo cittadino negligente.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2014
Energia | E' il primo risarcimento della storia per i danni provocati sulla salute di una famiglia texana dalle estrazioni di gas di scisto.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Danno erariale | Era imputato per detenzione, assunzione e spaccio di doping nel ciclismo. Un danno per l’'immagine dell'Arma dei Carabinieri. Ma la Corte dei Conti dichiara inammissibili le richieste di risarcimento per prescrizione dei reati.

 
 
Condividi la notizia

9 ottobre 2016
Corte di cassazione | Elezioni provinciali del 2002: chi ha sbagliato nel computare i voti (oggi) non paga più. La sentenza n. 19911 del 5 ottobre 2016.

 
 
Condividi la notizia

25 maggio 2014
Consiglio di Stato | L'inosservanza del termine per concludere il procedimento amministrativo può comportare la condanna dell'Amministrazione inadempiente al risarcimento del danno o all'indennizzo da ritardo.

 
 
Condividi la notizia

16 agosto 2016
Consumatori | Le novità nel comunicato dell'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Acquisizione sanante | Sull'art. 42 bis T.U. la Prima Sezione della Corte di Cassazione rimette gli atti al Presidente.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.