Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Scatta il reato di frode in commercio se nei locali ci sono alimenti congelati non indicati nel menù

I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 29 marzo 2019.

Il più recente orientamento della giurisprudenza di legittimità, da ultimo confermato dalla Terza Sezione Penale della Suprema Corte, statuisce che la detenzione all'interno di un esercizio commerciale di alimenti congelati o surgelati, senza che nel menù siano indicate queste qualità, integra il reato di tentativo di frode in commercio, poiché tale comportamento dimostra univocamente la volontà dell'esercente di consegnare ai clienti una cosa diversa da quella pattuita, e ciò indipendentemente dall'inizio di una concreta contrattazione con il singolo avventore.

Sulla base di tale orientamento, la Corte di Cassazione nella sentenza del 29 marzo 2019 (Presidente: ACETO ALDO Relatore: ZUNICA FABIO Data Udienza: 22/11/2018) ha confermato la condanna di due ristoratori alla pena di mesi 2 di reclusione ed euro 80 di multa ciascuno con pubblicazione della sentenza sul sito internet del Ministero della Giustizia per la durata di giorni 15 per avere compiuto in concorso fra loro nel proprio ristorante, atti idonei - rappresentati dal non aver comunicato alla clientela, mediante indicazione sul menù, la somministrazione di pesce decongelato/surgelato - diretti a vendere al pubblico questo cibo come pesce fresco, non riuscendo nel tentativo per cause indipendenti dalla propria volontà.

Inutile è stato per i ristoratori lamentare la violazione e la falsa applicazione del reato di fronte nell’esercizio del commercio previsto e punito dall'art. 515 del codice penale, nella forma tentata, sottolineando innanzitutto che la condotta descritta nel capo d'imputazione non era stata riscontrata, non essendo dimostrato che nel menù fosse specificato che i prodotti erano freschi, essendo stata provata la sola circostanza che nel locale vi fosse anche pesce fresco, la cui presenza varrebbe - secondo gli imputati - già a escludere la sussistenza del tentativo di frode in commercio. 

Il nucleo essenziale della condotta contestata - precisa la Corte - risiede non nella mancata specificazione nel menù che i prodotti erano freschi, ma piuttosto nella circostanza che in tale menù non era stato chiarito che alcuni alimenti posti in vendita erano congelati, sebbene «trattasse in realtà di prodotti non freschi. 

Irrilevante è stata ritenuta la circostanza che, nel ristorante gestito dai ricorrenti, fosse presente anche del pesce fresco. Ad avviso della Suprema Corte tale circostanza è di per sé idonea a smentire il dato che, rispetto ad altri alimenti pure indicati nel menù e, quindi, parimenti proposti in vendita nel locale, non era specificato che si trattava in realtà di prodotti congelati e non freschi, il che, come si è detto, è sufficiente a integrare il tentativo di frode in commercio in ordine a tali alimenti. 

Per approfondire vai alla sentenza

Enrico Michetti 

 

Massimario G.A.R.I.

 

La Direzione

(2 aprile 2019)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 luglio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza della Prima Sezione Penale n. 26776/2016.

 
 
Condividi la notizia

4 gennaio 2016
Suprema Corte | La Corte di cassazione chiarisce le due fattispecie ex art. 640 ter c.p. ed art. 55 comma 9 d.lgs. 231/2007

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Pubblica amministrazione | I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

15 ottobre 2018
Depenalizzazione | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 10.10.2018

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quarta Sezione Penale nella sentenza n. 34800 del 10 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

18 novembre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 15 novembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 22 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2016
Reati contro la P.A. | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

14 gennaio 2018
Corte di Cassazione | Il reato di istigazione a delinquere nella sentenza della Sesta Sezione del 8 gennaio 2018.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.