Condividi la notizia

Difesa nazionale

Diniego di cittadinanza per contiguità con organizzazioni pericolose

Il TAR fa leva sull'amplissima discrezionalità dell'Amministrazione.

Uno straniero sprovvisto di cittadinanza italiana ricorreva, innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, evocando il Ministero dell’Interno per l’annullamento del provvedimento di rigetto della richiesta di concessione della cittadinanza stessa, ai sensi dell’art. 9 co. 1 lett. f) L. n. 91 del 1992. Il ricorrente nel ricorso contestava l’assenza di motivazione e di istruttoria sottese al provvedimento impugnato, entrambe, secondo quanto da egli asserito, vizi imprescindibili in considerazione della delicata materia portata all’attenzione dell’Organo Giudicante.

Prima di analizzare la decisione concretamente assunta dal T.A.R. sul contenzioso oggetto del presente commento, appare utile chiarire quanto stabilito dalla normativa sopra menzionata.

La legge n. 91 del 1992, rubricata “Nuove norme sulla sicurezza” all’art. 9 co. 1 lett. f) testualmente stabilisce che: “La cittadinanza italiana può essere concessa con decreto del Presidente della Repubblica, sentito il Consiglio di Stato, su proposta del Ministro dell'interno:

a) allo straniero del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado sono stati cittadini per nascita, o che è nato nel territorio della Repubblica e, in entrambi i casi, vi risiede legalmente da almeno tre anni, comunque fatto salvo quanto previsto dall'articolo 4, comma 1, lettera c);

b) allo straniero maggiorenne adottato da cittadino italiano che risiede legalmente nel territorio della Repubblica da almeno cinque anni successivamente alla adozione;

c) allo straniero che ha prestato servizio, anche all'estero, per almeno cinque anni alle dipendenze dello Stato;

d) al cittadino di uno Stato membro delle Comunità europee se risiede legalmente da almeno quattro anni nel territorio della Repubblica;

e) all'apolide che risiede legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica;

f) allo straniero che risiede legalmente da almeno dieci anni nel territorio della Repubblica”.

Orbene il ricorrente, a seguito della presentazione della propria richiesta di concessione della cittadinanza italiana, si vedeva negata tale rivendicazione in quanto, dall’attività informativa esperita a carico dell’interessato, emergeva la contiguità del ricorrente a movimenti aventi scopi non compatibili con la sicurezza della Repubblica.

La Sezione I Ter del T.A.R. Lazio, con la sentenza n. 2356/2019 pubblicata in data 21 febbraio 2019 ha respinto il ricorso e, contestualmente, condannato il ricorrente al pagamento delle spese di lite.

In primo luogo, il T.A.R. Lazio, partendo da un’analisi inizialmente generale della materia oggetto del contendere, ha rilevato che “…l’amplissima discrezionalità…” dell’Amministrazione nel procedimento de quo “…si esplica in un potere valutativo che si traduce in un apprezzamento di opportunità circa lo stabile inserimento dello straniero nella comunità nazionale, sulla base di un complesso di circostanza, atte a dimostrare l’integrazione del soggetto interessato nel tessuto sociale, sotto il profilo delle condizioni lavorative, economiche, familiari e di irreprensibilità della condotta”.

L’interesse pubblico sotteso al provvedimento di concessione della particolare capacità giuridica, connessa allo status di cittadino, imporrebbe, a valle di quanto statuito dal T.A.R. Lazio, che vengano valutati, anche sotto il profilo indiziario, le prospettive di un ottimale inserimento del soggetto interessato nel contesto sociale del Paese ospitante.

Nel merito, e con esplicito riferimento al diniego di concessione della cittadinanza per motivi di sicurezza, i Consiglieri di Via Flaminia hanno invero adeguato il loro apprezzamento a molteplici pronunzie giurisprudenziali già adottate in precedenza. Anzitutto, è stato stabilito che il provvedimento di diniego della richiesta della cittadinanza italiana “…non deve necessariamente riportare analiticamente le notizie sulla base delle quali si è addivenuti al giudizio di sintesi finale, essendo sufficiente quest’ultimo, in quanto ciò potrebbe in qualche modo compromettere l’attività preventiva o di controllo da parte degli organi a ciò preposti ed anche le connesse esigenze di salvaguardia della incolumità di coloro che hanno effettuato le indagini”.

Seguendo l’orientamento giurisprudenziale prevalente, dunque, considerare “insufficiente” l’istruttoria benché espressamente menzionata, e contestualmente inadeguato il richiamo scaturito dalla stessa ad una sospetta contiguità con associazioni, per così dire, “sospette”, oltre a comportare un’indebita invasione nell’ambito della discrezionalità tecnica dell’Amministrazione, finirebbe col mettere a rischio le complessive e difficili finalità di salvaguardia generale sottese alla diagnosi di pericolosità sociale effettuata.

“La particolarità delle esigenze di tutela della sicurezza della Repubblica” - hanno continuato i Giudici amministrativi – “giustifica infatti una assertività di valutazione che però è solo apparente, essendo essa in realtà espressamente e concretamente ancorata agli esiti delle investigazioni effettuate dagli organismi competenti. In tale contesto, il richiamo ai motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica […] non costituisce dunque una mera clausola di stile, ma tiene conto degli elementi oggettivi e sostanziali acquisiti mediante l’attività informativa esperita, ancorché di essa non vi sia stata la riproduzione per esteso, secondo la modalità tipica della motivazione per relationem”.

La valutazione del Dipartimento della Pubblica Sicurezza avveniva, dunque, sulla base di un accertamento effettuato in modo rituale, il cui esito in termini di prognosi di pericolosità sociale rientrava negli apprezzamenti di merito non sindacabili innanzi al Giudice amministrativo.

Per concludere, nel caso di specie la contiguità a movimenti che mettono in pericolo la sicurezza nazionale emersa dall’attività informativa indicavano in primo luogo l’inaffidabilità dell’istante e, inoltre, integravano un autonomo motivo ostativo al rilascio della cittadinanza italiana, nessun rilievo potendo assumere, in contrario, l’assenza di procedimenti penali a carico del ricorrente, in quanto la verifica dei motivi ostativi alla sicurezza della Repubblica Italiana non si riduce, esclusivamente, al mero accertamento dei fatti penalmente rilevanti, bensì attiene alla prevenzione di eventuali rischi per la sicurezza pubblica.

 

 

Mattia Murra

(26 febbraio 2019)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

13 novembre 2014
Consiglio di Stato | I giudici chiariscono che l'aver commesso un reato non può essere da solo elemento per negare la naturalizzazione. Il “giudizio di inaffidabilità” non può essere automatico.

 
 
Condividi la notizia

25 settembre 2018
Consiglio dei Ministri | Approvato un decreto legge contenente disposizioni urgenti.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Antisemitismo | Grave turbamento dell’'ordine pubblico, pericolo per la sicurezza nazionale e discriminazione per motivi religiosi.

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2017
Consiglio dei Ministri | Approvato il decreto legge per l'accelerazione dei procedimenti in materia di protezione internazionale e misure per il contrasto dell'immigrazione illegale.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Stupefacenti, misure di sicurezza | A prescindere dalla convivenza e dal rapporto di coniugio il giudice non può disporre l'espulsione dello straniero nel periodo di gravidanza della moglie convivente ovvero entro i sei mesi successivi alla nascita del figlio.

 
 
Condividi la notizia

21 ottobre 2014
Politiche dell'immigrazione | Il Premier, nella foto con Oprah Winfrey, propone lo "ius soli temperato" per rivoluzionare l'attuale sistema che concede la cittadinanza a chi nasce da italiani.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2019
CONSIGLIO DI STATO | L'importanza della motivazione del provvedimento del Ministero.

 
 
Condividi la notizia

8 marzo 2015
Ministero Interno | Il dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione ha messo a punto un sistema informatizzato per l'invio telematico della domanda di conferimento della cittadinanza italiana.

 
 
Condividi la notizia

17 settembre 2015
Scuola e bandi | Al via i progetti in collaborazione tra Ministero dell'Istruzione, Camera, Senato e Uffici scolastici regionali, a sostegno dell'insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione”.

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2015
Formazione | Determinante e' aver fatto la formazione sulla sicurezza, non anche la effettiva regolarità degli organismi paritetici dispensatori della attività formativa.

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2015
Immigrazione | Il Consiglio di Stato conferma l'interoperatività e la semi-vincolatività superabile solo per motivi umanitari o per obblighi internazionali previa consultazione dello Stato segnalante.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Ricarica delle Sigarette elettroniche | Gli obblighi di sicurezza dettati dal Ministero della Sanità sui liquidi di ricarica e la tutela penale

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2014
Salute | Ben presto potremo acquistare farmaci on line in tutta sicurezza. Sarà sufficiente accertarsi della presenza di un apposito logo a suggello della garanzia.

 
 
Condividi la notizia

11 ottobre 2017
Trasporti | Siglato l'accordo che vede 7 regioni racchiuse nell'attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Ferroviaria.

 
 
Condividi la notizia

5 dicembre 2014
Ministero della Giustizia | Pubblicati i dati della popolazione carceraria. Il 32 % sono stranieri. 5119 detenuti in più rispetto alla capienza massima complessiva degli istituti.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.