Condividi la notizia

Pressione fiscale in Spagna

Dopo la festa per il nuovo re, si brinda al taglio delle tasse

Il Governo spagnolo guidato da Mariano Rajoy ha dato il via ad un drastico taglio della pressione fiscale per tutti, al fine di favorire crescita ed occupazione

Il regno del nuovo sovrano di Spagna, Felipe VI, non poteva cominciare in maniera migliore. Appena qualche giorno dopo la sua salita al trono, infatti, il Governo del Premier spagnolo Mariano Rajoy ha deciso di tagliare l’Irpef e l’imposta sulle società per una somma complessiva quantificata in 7,6 miliardi di euro. Le misure entreranno in vigore progressivamente fra il 2015 ed il 2016.

La vice-premier Soraya Sanz de Santamaria ha precisato che si tratta di una riforma strutturale che prevede un calo generale delle imposte per tutti : dipendenti, imprese e famiglie. Una riforma che tende, dopo i sacrifici degli ultimi anni, a rendere più dinamica la crescita e la creazione di posti di lavoro”.

Sull’Irpef la riduzione media sarà dell’otto per cento nel 2015, per arrivare al 12,5% negli anni successivi. La vice-premier ha chiarito che per “i cittadini con un reddito inferiore ai 24.000 euro (il 62% del totale dei contribuenti) nel 2016 il taglio arriverà al 23,5%”.

Confermato anche il taglio delle tasse alle imprese, per le quali l’aliquota nominale sui redditi societari sarà ridotta dal 30 al 28% l’anno prossimo, per passare al 25% tra due anni, senza più alcuna differenza di trattamento fra grandi, medie e piccole imprese.

Non tanto tempo fa l’Unione Europea aveva chiesto al Governo di Madrid di spostare la tassazione sui consumi, alzando l’IVA. L’esecutivo guidato da Rajoy ha scelto la strada opposta, abbassando la pressione fiscale per favorire la crescita.

 

 

Moreno Morando

(23 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

2 giugno 2014
Spagna | Dopo trentanove anni di regno Juan Carlos di Borbone ha rinunciato alla corona spagnola; il figlio minore Felipe salira' al trono dopo l'approvazione di una legge ad hoc.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2014
Legge di Successione | Due distinte azioni per il riconoscimento di paternita' erano state intentate avanti ai tribunali iberici e poi respinte per "l'inviolabilita' della figura del Re". Ma ora, dopo l'abdicazione?

 
 
Condividi la notizia

19 giugno 2014
Spagna | Dopo 39 anni di regno abdica Juan Carlos. Oggi la cerimonia di investitura a Palazzo Reale. Non ci sarà la sorella Cristina, coinvolta in uno scandalo di corruzione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.