Condividi la notizia

Liberalizzazioni

Le liberalizzazioni del governo Monti? Un flop

Persi 100.000 posti di lavoro. Questo per Confesercenti il principale risultato delle liberalizzazioni nelle aperture del commercio introdotte dal famigerato "Salva Italia" del governo Monti.

Doveva liberare l'Italia "dalle lobbies" del commercio, produrre - addirittura - una crescita del PIL del 10%, salvare i cittadini dalle "tasse occulte" (paradossalmente proprio quando se ne introducevano di palesi). Invece è stato l'ennesimo flop. Con l'aggravante di aver prodotto la distruzione di circa 100.000 posti di lavoro.

Sono questi i risultati delle liberalizzazioni nel commercio, introdotte due anni fa dal Salva-Italia del governo Monti con lo scopo di rilanciare consumi e occupazione I previsti effetti benefici "sono tuttora non pervenuti" secondo Confesercenti ed il settore ha perso tra il 2012 e il 2013 oltre 100mila posti di lavoro, registrando allo stesso tempo 28,5 miliardi di minori consumi di beni da parte delle famiglie. Sono questi gli effetti della liberalizzazione delle aperture nel commercio, entrata in vigore a partire dal primo gennaio 2012 e che rende possibile l'apertura 24 ore al giorno tutti i giorni dell'anno, domeniche e festività incluse.

"La liberalizzazione - spiega Mauro Bussoni, segretario generale di Confesercenti - avrebbe dovuto stimolare la concorrenza, favorire nuova occupazione e rilanciare consumi attraverso l'incremento delle occasioni di acquisto per le famiglie italiane. Constatiamo che l'intervento non ha raggiunto alcuno dei tre obiettivi: nel biennio in cui è stato in vigore la spesa delle famiglie è crollata come non mai nella storia della Repubblica Italiana, mentre i posti di lavoro offerti dal settore, sotto forma di occupazione dipendente ed indipendente, sono diminuiti drammaticamente".

E aggiunge: "l'effetto della liberalizzazione è stato controproducente: la concentrazione dei consumi nei weekend ha favorito solo la grande distribuzione, contribuendo all'aumento dell'erosione di quote di mercato della gran parte dei piccoli esercizi. Che non possono sostenere l'aggravio di costi, diretto ed indiretto, in particolare a valere sul fattore lavoro, derivante da un regime di apertura continua che non ha eguali in Europa e che ha portato ad un accelerazione dell'emorragia di imprese nel settore: nei primi due anni di applicazione della norma si registra un saldo negativo di più di 38mila unità tra aperture e cessazioni di attività". Un colpo mortale per un settore "già messo a dura prova dalla lunga crisi dei consumi del nostro paese, come testimoniano i 550mila negozi sfitti che abbiamo rilevato in Italia."

Intanto il 2014 non promette bene: "nei primi 5 mesi dell'anno ci sono state già oltre 23mila cessazioni, per un saldo negativo di oltre 12mila unità", ha aggiunto.  "Bisogna subito fare un passo indietro - conclude Bussoni -: tornare alla regolamentazione degli orari dei negozi è una scelta necessaria, che garantisce un'equa concorrenza fra le diverse forme distributive. Siamo felici che la nostra proposta di ripensare le liberalizzazioni, avanzata più di un anno fa, abbia finalmente rotto il muro del silenzio. Ora si vada avanti, per risolvere un problema che è allo stesso tempo economico e sociale".

 

Francesco Colafemmina

(4 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

13 agosto 2014
Vicenda dei due maro' | Il Governo guidato da Matteo Renzi sconta tutti i gravissimi errori commessi all'epoca da Mario Monti

 
 
Condividi la notizia

22 ottobre 2014
Unioncamere | Il servizio di fatturazione elettronica verso la P.A. offerto dal sistema delle Camere di Commercio è a disposizione delle piccole e medie imprese italiane soggette all'obbligo di fatturazione elettronica

 
 
Condividi la notizia

25 novembre 2015
#MT2019 | Il Presidente Tortorelli: "l'accordo rafforzerà i settori legati al turismo, all'enogastronomia, al commercio, ai servizi, alla produzione e alla logistica".

 
 
Condividi la notizia

23 maggio 2014
Istat | A marzo i consumi di cibi e bevande registrano un meno 6,8%. Calo delle vendite al dettaglio del 3,5%.

 
 
Condividi la notizia

14 novembre 2014
Giustizia Alternativa | I dati di Unioncamere: +171% l'incremento delle mediazioni depositate a settembre 2014 rispetto allo stesso periodo del 2013. In un terzo dei casi le mediazioni si sono concluse con un accordo.

 
 
Condividi la notizia

26 gennaio 2015
MEF | Pubblicata la Circolare della Ragioneria Generale dello Stato n. 4/2015 sui nuovi adempimenti.

 
 
Condividi la notizia

4 dicembre 2014
Filiera agro-alimentare | Il più grande discount italiano sotto inchiesta per violazione del decreto liberalizzazioni. Forte pressione commerciale nei confronti dei produttori agricoli e alimentari.

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2016
Antitrust | Quattrocentomila euro di sanzione per comportamenti gravemente scorretti nelle vendite on line.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2014
Corte di Cassazione | La perizia non occorre. Gli ermellini chiariscono la portata dell'art. 9 della L. n. 376/2000.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2015
Sviluppo Economico | Per agevolazioni e incentivi fiscali dell'Investment Compact le imprese devono iscriversi nell'apposita sezione del Registro.

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2015
Sistema camerale | Venerdì 17 luglio il Commissario ad acta illustrerà nel dettaglio il processo e la strategia dell'accorpamento.

 
 
Condividi la notizia

27 ottobre 2015
Sostegno alle imprese | I Provvedimenti sono relativi, rispettivamente, alle reti di impresa ed al commercio elettronico.

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2018
TAR NAPOLI | L'esercizio del commercio è ancorato alla legittimità urbanistico-edilizio dei locali dove si svolge l'attività.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Inail | Incentivi economici alle imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura.

 
 
Condividi la notizia

5 ottobre 2014
In controtendenza rispetto alla crisi | Uno studio di Confesercenti rivela che continuano a crescere in modo esponenziale le imprese straniere, soprattutto nel commercio ambulante.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.