Condividi la notizia

A.N.AC.

Anticorruzione e trasparenza: il comunicato di Cantone sull'attuazione della normativa

La Nota del Presidente dell'Autorità, in particolare, riguarda le società e gli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici economici.

E’ stato depositato nella Segreteria dell’A.N.AC., e pubblicato sul sito istituzionale, il Comunicato del 25 novembre del Presidente Cantone.

In particolare, si evidenzia che l’Autorità, con la determinazione n. 8 del 17 giugno 2015, ha adottato Linee guida volte a orientare società e gli altri enti di diritto privato controllati e partecipati, direttamente e indirettamente, da pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici economici nell’applicazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza di cui alla legge n. 190/2012.

Con il provvedimento citato, oltre a fornire specifiche indicazioni in merito alle misure organizzative da adottare, l’A.N.AC. ha proceduto alla ricostruzione del quadro normativo e offerto orientamenti interpretativi di carattere generale sull’ambito soggettivo di applicazione con riferimento a:

• società in controllo pubblico, in relazione alla nozione di controllo prevista dall’art. 2359, in particolare dal co. 1, n. 1) e 2), del codice civile, ossia al fatto che la pubblica amministrazione disponga della maggioranza dei voti esercitabili nell’assemblea ordinaria (art. 2359, co. 1, n. 1), ovvero di voti sufficienti per esercitare una influenza dominante nell’assemblea ordinaria (art. 2359, co. 1, n. 2); è stato specificato che tra le società in controllo pubblico rientrano anche le società in house e quelle in cui il controllo è esercitato da una pluralità di amministrazioni congiuntamente;

• società a partecipazione pubblica non di controllo, chiarendo che rientrano in tale categoria le società definite dall’art. 11, co. 3, del d.lgs. n. 33/2013 come a partecipazione pubblica non maggioritaria, ossia quelle in cui le amministrazioni detengono una partecipazione non idonea a determinare una situazione di controllo ai sensi dell’art. 2359, co. 1, numeri 1 e 2, del codice civile;

• altri enti di diritto privato in controllo pubblico, facendo riferimento all’art. 1, co. 2, lettera c), del d.lgs. n. 39/2013 e all’art. 11, comma 2, lett. b) del d. lgs. n. 33/2013, ove è previsto che per «enti di diritto privato in controllo pubblico» si intendono « gli altri enti di diritto privato che esercitano funzioni amministrative, attività di produzione di beni e servizi a favore delle amministrazioni pubbliche o di gestione di servizi pubblici, sottoposti a controllo ai sensi dell’art. 2359 del codice civile da parte di amministrazioni pubbliche, oppure gli enti nei quali siano riconosciuti alle pubbliche amministrazioni, anche in assenza di una partecipazione azionaria, poteri di nomina dei vertici o dei componenti degli organi».

• La determinazione, cui si rinvia per l’approfondimento, data la complessità del fenomeno ha fornito alcuni indici per l’individuazione di tali enti da cui, complessivamente, deve risultare l’esercizio, da parte delle p.a. controllanti, di un potere di ingerenza sull’attività con carattere di continuità ovvero un’influenza dominante sulle decisioni dell’ente.;

• altri enti di diritto privato partecipati, precisando che rientrano nella categoria gli enti di natura privatistica, diversi dalle società, partecipati da pubbliche amministrazioni, che hanno rilievo pubblico in quanto deputati a svolgere attività amministrative ovvero attività d’interesse generale ma le cui decisioni e le cui attività non risultano soggette al controllo di p.a. come nelle ipotesi di cui al punto precedente;

• enti pubblici economici, specificando che tali enti sono da subito stati inclusi dal Piano Nazionale Anticorruzione tra i soggetti cui applicare le disposizioni in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza della legge n. 190 del 2012; da ultimo, a ulteriore conferma, è intervenuta la modifica dell’art. 11 del d.lgs. n. 33 del 2013 che, al co. 2, lett. a), si riferisce agli «enti di diritto pubblico non territoriali nazionali, regionali o locali, comunque denominati, istituiti, vigilati, finanziati dalla pubblica amministrazione che conferisce l’incarico, ovvero i cui amministratori siano da questa nominati», tra cui rientrano gli enti pubblici economici, come ha precisato l’Autorità con la delibera n. 144 del 2014.

Considerate le novità introdotte, nella citata determinazione n. 8/2015 è stato, altresì, previsto un regime transitorio onde consentire il graduale adeguamento da parte delle società e degli enti considerati.

Al riguardo, nel Comunicato del Presidente si segnala che il Consiglio, nell’adunanza del 25 novembre 2015, ha disposto il differimento al 15 gennaio 2016 del termine ultimo per la predisposizione e la pubblicazione della relazione del RPC, stabilito dall’art.1, comma 14, della legge n. 190 del 2012.

L’approssimarsi della conclusione della fase transitoria, suggerisce, quindi, di richiamare l’attenzione sulle prossime scadenze di seguito sintetizzate:

• le società e gli enti in controllo pubblico e gli enti pubblici economici, qualora non l’abbiano già fatto, debbono nominare tempestivamente il Responsabile della prevenzione della corruzione;

• il RPC deve predisporre entro il 15 gennaio 2016 una relazione recante i risultati dell’attività di prevenzione svolta sulla base di quanto già previsto dal PNA e dando conto delle misure già adottate in attuazione delle Linee guida;

• il completo adeguamento alle Linee guida, con l’adozione di misure di organizzazione e gestione per la prevenzione della corruzione, dovrà avvenire entro il 31 gennaio 2016;

• le società e gli enti destinatari delle Linee guida debbono adeguare tempestivamente i propri siti web con i dati e le informazioni da pubblicare, tenuto conto che le disposizioni in materia di trasparenza di cui al d.lgs. n. 33/2013 si applicano a tali soggetti già in virtù di quanto previsto dall’art. 24 bis del d.l. n. 90/2014.

È compito delle amministrazioni che vigilano, partecipano e controllano gli enti di diritto privato e gli enti pubblici economici promuovere l’applicazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza da parte degli enti stessi.

Per le società e gli altri enti diritto privati partecipati, le amministrazioni promuovono, tempestivamente e comunque non oltre il 31 dicembre 2015, la stipula dei protocolli di legalità, ove è indicata la cadenza temporale delle misure da adottare negli enti.

Fonte: A.N.AC.

 

Moreno Morando

(5 dicembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 gennaio 2015
Antimafia | Nell'ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, e il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno firmato il 28 gennaio 2015, le seconde linee guida.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2015
Antimafia | Nell'ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, e il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno firmato il 28 gennaio 2015, le seconde linee guida.

 
 
Condividi la notizia

27 ottobre 2015
Istituto italo latino americano | Il Presidente dell'autorità nazionale anticorruzione ha visitato la sede, incontrando numerosi diplomatici e presentando le attività e le funzioni dell'ANAC.

 
 
Condividi la notizia

13 maggio 2015
Polizia di Stato | Ogni Squadra Mobile avrà la sua sezione Anticorruzione, per questo sarà avviato un corso specifico. Docente d'eccezione il presidente A.N.AC. Raffaele Cantone.

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2016
Anticorruzione | Anche il Presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, interviene nel corso dei lavori.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Riforme | A proporlo è il presidente Raffaele Cantone durante un'audizione in commissione ambiente della Camera dei Deputati.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2017
Legalità | Il documento sottoscritto dal capo della Polizia Franco Gabrielli e dal presidente dell'ANAC Raffaele Cantone rafforza la collaborazione interistituzionale.

 
 
Condividi la notizia

5 dicembre 2015
A.N.AC. | L'Autorità ha valutato opportuno rinviare il termine per la pubblicazione del report che i RPC sono tenuti ad elaborare ai sensi dell’art. 1 co. 14 della legge 190/2012.

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2016
Servizio Sanitario Nazionale | Il personale ispettivo inserito nel Registro avrà il compito di collaborare e coadiuvare il personale ispettivo dell’ANAC nelle attività di verifica e monitoraggio dello stato di attuazione ed implementazione delle misure di trasparenza e anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

25 maggio 2015
Trasparenza | Con una nota del 25 maggio 2015, il Presidente dell'Anac Raffaele Cantone ha sottolineato che sarà avviata la procedura prevista dal d.lgs.n.33/2013.

 
 
Condividi la notizia

14 gennaio 2015
ANAC | Il presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, ha inviato il 12 gennaio 2015 una lettera al dott. Stefano Lulli, segretario del sindacato Ospol, in merito alla rotazione territoriale degli agenti della Polizia di Roma Capitale.

 
 
Condividi la notizia

24 febbraio 2015
funzione Pubblica | Quesiti, segnalazioni, comunicazioni di dati e/o trasmissione di documenti vanno trasmessi ai sensi del DL n. 90/2014 convertito in Legge n. 114/2014 all'Autorità Nazionale Anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2017
Anac | Il comunicato dell'Autorità Nazione Anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2015
Ministero della Salute | Il Ministro Beatrice Lorenzin si aspetta molto da questa iniziativa, per portare a termine la missione che si sono date Agenas, Anac e Dicastero”.

 
 
Condividi la notizia

11 aprile 2015
Anac | Dal 10 maggio scatteranno i controlli su Ipab e Asp sull'osservanza delle regole in materia di trasparenza e prevenzione della corruzione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.