Condividi la notizia

Legge di Stabilità

Split Payment: niente sanzioni per le violazioni finora commesse in buona fede

Primi chiarimenti sull'applicazione del nuovo meccanismo della scissione dei pagamenti Iva nella circolare n. 1/E del 9 febbraio 2015.

Il nuovo meccanismo della scissione dei pagamenti Iva denominato split payment è stato introdotto dalla legge di stabilità 2015, prevede che in relazione agli acquisti di beni e servizi effettuati dalle pubbliche amministrazioni, l'Iva addebitata dal fornitore nella fattura dovrà essere versata dalla stessa amministrazione acquirente direttamente all'erario e non più dal fornitore.
 
L'Agenzia delle Entrate nella circolare n. 1/E del 9 febbraio 2015, spiega che non saranno sanzionate le violazioni eventualmente commesse in buona fede prima della pubblicazione del documento di prassi.  
 
Cos'è lo split payment - In pratica, con le nuove regole, il pagamento del corrispettivo viene quindi ad esser scisso dal versamento dell'imposta dovuta. La scissione dei pagamenti si applica alle operazioni il cui corrispettivo sia stato pagato dopo il 1° gennaio 2015 e sempre che le stesse non siano state già fatturate anteriormente alla questa data. Lo split payment non trova applicazione dunque in riferimento alle operazioni per le quali la fattura è stata emessa entro il 31 dicembre 2014.  
 
Il circolo virtuoso dello split payment, pagamenti Iva scissi, “Vat gap” ridotto – Il nuovo meccanismo alla base dell'adozione dello split payment modifica e allo stesso tempo innova nelle fondamenta il sistema di riscossione dell'Iva. Il cambiamento è diretto alla riduzione del “Vat gap” e al contrasto dei fenomeni di evasione e delle frodi in materia di Iva.  
 
I soggetti interessati dalla scissione dei pagamenti – Tra gli enti inclusi nella nuova modalità di versamento dell'Iva rientrano lo Stato e gli organi dello Stato, gli enti pubblici territoriali, le Camere di Commercio, gli istituti universitari, le aziende sanitarie locali e gli enti pubblici di previdenza come l'Inps. In ogni caso, per ragioni di semplicità e per dare maggiori elementi di certezza agli operatori (sia ai fornitori che agli stessi enti pubblici acquirenti) la circolare rimanda all'Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA), http://indicepa.gov.it/documentale/ricerca.php, nel quale i fornitori possono verificare la categoria di appartenenza e i riferimenti degli enti  pubblici ai quali devono emettere fattura.   
 
Per lo split payment vale la fattura, non il semplice scontrino o la ricevuta – La scissione dei pagamenti Iva, chiarisce la Circolare, riguarda soltanto le operazioni documentate con relativa fattura emessa dai fornitori. Pertanto, sono escluse dal meccanismo dello split payment le operazioni, come ad esempio le piccole spese sostenute da un ente pubblico, certificate dal fornitore con semplice rilascio della ricevuta fiscale o dello scontrino. Lo stesso vale anche per gli scontrini non fiscali, nel caso in cui si riferiscano a soggetti che si avvalgono della trasmissione telematica dei corrispettivi o di altre modalità di certificazione specificatamente previste.  
 
Niente sanzioni per gli errori commessi in buona fede – In considerazione dell'incertezza in materia, nel rispetto dei principi dello Statuto del contribuente di tutela dell'affidamento, il documento di prassi chiarisce che sono fatti salvi i comportamenti adottati finora dai contribuenti. Pertanto l'Agenzia non applicherà sanzioni per le violazioni relative alle modalità di versamento Iva eventualmente commesse prima dell'emanazione della circolare.     
 
I soggetti esclusi - Fuori dalla platea dei destinatari gli enti pubblici non economici, quali gli Ordini professionali, gli Enti e gli istituti di ricerca, le Autorità indipendenti, le Arpa, l'Aran, l'Agid, gli Automobile club provinciali, l'Inail e le Agenzie fiscali. Per questi enti, infatti, valgono ancora le regole ordinarie di addebito e versamento dell'Iva. La circolare chiarisce inoltre che, poiché il richiamo all'elenco IPA non può essere esaustivo, l'operatore che avesse ancora dei dubbi potrà presentare istanza di interpello all'Agenzia delle Entrate ai sensi dell'art. 11 dello Statuto del contribuente.    
 
Scaica la circolare 

La Direzione

(9 febbraio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

14 aprile 2015
Fisco | Il meccanismo della scissione dei pagamenti Iva trova nuovi chiarimenti nella circolare n. 15/E.

 
 
Condividi la notizia

12 gennaio 2018
MEF | Inclusi nuovi soggetti nel meccanismo della scissione dei pagamenti.

 
 
Condividi la notizia

9 gennaio 2015
Legge di Stabilità 2015 | Le P.A. acquirenti di beni e servizi devono versare direttamente all'erario l’imposta sul valore aggiunto che è stata addebitata loro dai fornitori.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
Agenzia delle Entrate | La risoluzione n. 15/E del 12 febbraio 2015 sull'istituzione dei codici tributo per il versamento, mediante i modelli F24 ed F24 Enti pubblici, dell'IVA dovuta.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2016
Agenzia delle Entrate | La circolare sull'aliquota Iva ridotta, l'esenzione per le onlus e la decorrenza della nuova disciplina.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2015
Pubblica amminstrazione | Nella circolare n. 6/E del 19 febbraio 2015 le risposte ai quesiti formulati dai giornali.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2015
MEF | Il Dipartimento delle Finanze, in attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, ha reso disponibile il DM del 23.1.2015.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
AgID | Un nuovo marchio distintivo. Più semplice per tutti riconoscere immediatamente dove poter utilizzare il sistema dei pagamenti della PA.

 
 
Condividi la notizia

23 febbraio 2015
MEF | Diramato il DM del 20 febbraio 2015 sulla "Semplificazione dei rimborsi IVA da effettuarsi in via prioritaria"

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2017
Consiglio dei Ministri | Neutralizzazione dell'aumento IVA, agevolazioni ed estensione della "rottamazione delle cartelle", estensione split payment, superamento del monopolio SIAE per i diritti d'autore, questo ed altro nell'articolo.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2016
Agenzia delle entrate | Semplificazioni per le comunicazioni da trasmettere alle Entrate. Per commercianti al dettaglio e tour operator niente obbligo sotto i 3mila euro.

 
 
Condividi la notizia

18 aprile 2018
OPPORTUNITA’ DI LAVORO | Diverse le posizioni ricercate su tutto il territorio Nazionale, all’interno dell’articolo il bando, tutti i dettagli e i termini di scadenza per l’invio telematico delle domande

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2014
dipartimento delle finanze | I dati dell'Osservatorio sulle partite Iva aggiornati ad agosto 2014

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2014
Angelo Rughetti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, annuncia gli obiettivi della riforma per la P.A. | Ruolo unico della Dirigenza e carriera a termine | Licenziamento del Dirigente privo di incarico | Valutazione dei risultati non del singolo ma del gruppo | Retribuzione di risultato subordinata all’andamento dell’economia | Trasparenza e semplificazione attraverso gli open-data | Una sola scuola nazionale della Pubblica Amministrazione | Gestione manageriale dei poli museali | Le incompatibilità dei Giudici Amministrativi | Apertura del Governo all’ascolto di cittadini e dipendenti pubblici

 
 
Condividi la notizia

15 febbraio 2015
Agenzia delle Entrate | I chiarimenti sule novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 in materia di previdenza complementare.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.