Condividi la notizia

Anticorruzione

Prevenzione della Corruzione nelle P.A. del Sistema Educativo

Lo stato dell'arte ed il caso particolare rappresentato dall’applicazione delle norme da parte delle istituzioni scolastiche.

Lo scorso 16 febbraio l’ANAC ha pubblicato sul proprio portale la notizia della sottoscrizione, con MIUR, DNA e ANM della Carta d’Intenti sull’educazione alla legalità e alla deterrenza, al controllo e al contrasto dei fenomeni mafiosi e di criminalità organizzata.

Il Protocollo che prevede la realizzazione di attività nei confronti degli studenti, dei giovani delle famiglie e della società civile, rientra nell’ambito dell’insegnamento interdisciplinare «Cittadinanza e Costituzione», istituito con L. n. 169/2008, e si pone come obiettivo,tra le altre cose, la divulgazione nelle scuole di ogni ordine e grado della cultura della legalità e della prevenzione della corruzione.

L’interesse prestato dal MIUR alla materia della prevenzione della corruzione è ulteriormente comprovato, se mai ce ne fosse stato bisogno, dall’attenzione con cui è stata data applicazione agli adempimenti previsti dal nostro ordinamento. Si rammenta brevemente che in base alla L. n. 190/2012, nel nostro ordinamento esiste un sistema integrato in materia di Trasparenza, Prevenzione della corruzione, Valutazione delle perfomance, per il quale le pubbliche amministrazioni sono tenute regolarmente a svolgere una serie di adempimenti, tra i quali sono previste la redazione, entro il 31 gennaio di ogni anno del Piano triennale della prevenzione della corruzione, ed entro il 31 dicembre di ogni anno la pubblicazione della relazione annuale sulle attività realizzate.

Con delibera n. 50/2013, l’ANAC ha emanato le linee guida per l’aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza eintegrità rispetto alle norme della prevenzione della corruzione (L. n. 190/2012). 

Inoltre l’ANAC, con il messaggio del 24/11/2014, prevede la pubblicazione in un’apposita sezione di Amministrazione trasparente, di un modello di relazione standard in formato Excel che il Responsabile della prevenzione della corruzione dovrà predisporre entro il 15 dicembre e pubblicare entro il 31 dicembre di ogni anno. Tale modalità rappresenta una soluzione di buon senso che consente all’ANAC di estrarre i documenti dai portali delle P.A. per una più facile analisi e verifica degli adempimenti posti in essere.

Da una prima ricognizione a campione effettuata sulle relazioni pubblicate dalle P.A. appartenenti al sistema educativo (MIUR, Università, Enti di ricerca pubblici e istituzioni scolastiche), senza pretese di esaustività dell’analisi, ma soprattutto senza citare i nomi delle università e degli enti di ricerca osservati, emerge che il “settore” ha correttamente applicato la normativa in materia di prevenzione della corruzione

Nello specifico, il MIUR ha integralmente adempiuto alle disposizioni di legge, secondo le modalità previste dall’ANAC, indicando le attività realizzate, le criticità rilevate in considerazione della propria complessa organizzazione e le iniziative possibili per prevenire la corruzione. Lo stesso può dirsi per le Università e per gli enti di ricerca pubblici, anche se non si rilevano sistematicità eomogeneità nella collocazione della relazione annuale all’interno della sezione Amministrazione trasparente. Molte istituzioni, infatti, hanno collocato il PTPC nella pagina principale della sezione sulla Trasparenza, mentre hanno pubblicato la relazione annuale nella sezione altri contenuti”, senza dare il giusto rilievo alla materia. 

Un’altra questione di forma è la denominazione data alla disciplina della prevenzione della corruzione. Anche in questo caso non sussiste un’omogeneità di trattamento, in quanto molti enti danno allsezione il titolo “corruzione”, mentre si dovrebbe utilizzare il termine “anticorruzione” oppure la più appropriata definizione, presente nel titolo della L. n. 190/2012, “prevenzione della corruzione”. 

Nel merito invece, la maggioranza delle pubbliche amministrazioni del sistema educativo ha disegnato un impianto organizzativo dei soggetti interessati dall’attuazione del PTPC che sulla carta sembra funzionale agli scopi e una mappatura delle aree di rischio chiara edoggettiva. Tuttavia le iniziative concrete, previste e realizzate, per la prevenzione della corruzione consistono principalmente nelle attività di “informativa e formazione” del personale, mentre scarsa attenzione è stata dedicata alle attività di impulso e coordinamento da parte del RPC e alle modalità di controllo e monitoraggio sulla realizzazione del programma di prevenzione. 

Un caso particolare è rappresentato dall’applicazione delle norme da parte delle istituzioni scolastiche. Dalla relazione annuale 2014 pubblicata dal MIUR, emerge tra le criticità il fatto che non è chiaro se l’amministrazione centrale debba essere destinataria delle segnalazioni su eventuale violazione della legge da parte delle Università, Enti di ricerca ed istituzioni scolastiche, ma soprattutto se l’ambito di applicazione della normativa comprenda anche le scuole. 

Il primo punto sembra di facile soluzione, in quanto la legge prevede che i singoli enti adottino apposite misure per consentire di denunciare la violazione delle norme ed in ogni caso è utilizzabile l’indirizzo istituzionale whistleblowing@anticorruzione.it.

Per quanto riguarda il secondo punto, a dire il vero, la criticità evidenziata dal MIUR può ritenersi plausibileAnalizzando, infatti, i portali delle istituzioni scolastiche emerge che gran parte di queste, visto quanto avviene anche per gli Uffici scolastici regionali che effettuano al massimo il link al portale del MIUR, abbia ritenuto che l’adempimento assolto dal Ministero, potesse esonerarle dall’osservare le disposizioni sulla prevenzione della corruzione. Poche sono pertanto le scuole che hanno inserito la materia della prevenzione della corruzione all’interno della sezione Amministrazione trasparente, redigendo il proprio PTPC edelaborando la prevista relazione annuale. 

Sul punto è opportuno evidenziare che la normativa sull’autonomia scolastica (D.P.R. 275/1999) non si limita a garantire soltanto la possibilità di autoregolamentazione nel rispetto degli indirizzi ministeriali, della didattica, del curriculo e dell’offerta formativa, ma riguarda anche l’attribuzione di autonome funzioni organizzative e di gestione, individuando anche le competenze escluse (artt. 14 e 15 del D.P.R. citato). Dalla lettura di tali articolisembrerebbe che le istituzioni scolastiche, al pari di quanto avviene per la Trasparenza, possano dare attuazione anche alle disposizioni sulla prevenzione della corruzione, in quanto rientranti nell’autonomo esercizio dei propri compiti ed attribuzioni. Nei fatti inoltre, il dirigente scolastico, figura posta al vertice della scuola, si cimenta sistematicamente in procedure di reclutamento, in bandi di affidamento e nell’acquisto di beni e servizi, che espongono tale amministrazione a rischi di corruzione. Sarebbe pertanto quanto mai opportuno che le istituzioni scolastiche individuassero il proprio RPC e adottassero autonomamente il proprio PTPC. 

Tuttavia, la struttura organizzativa delle istituzioni scolastiche è talmente specifica e semplificata (il dirigente scolastico; il direttore dei servizi generali e amministrativi, il quale svolge funzioni amministrative e di direzione dei servizi di segreteria; il personale docente e il personale ausiliario), che il soggetto in grado diassumere il ruolo di Responsabile della prevenzione della corruzione risulta essere il solo dirigente scolastico con il rischio, in riferimento alla materia della corruzione, che il controllante coincida con il controllato. Sarebbe auspicabile che l’ANAC emanasse una delibera ad hoc per definire l’esatto ambito di applicazione della normativa al sistema educativo e più precise modalità di attuazione delle disposizioni che tengano della specificità e della natura delle istituzioni scolastiche.

 Avv. Fabrizio Marra de Scisciolo

 

 

Visto/Appr.

La Direzione

(28 febbraio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

14 ottobre 2015
Gazzetta Ufficiale | Pubblicato il Decreto sul riparto delle risorse tra le regioni e la definizione dei criteri per la costruzione.

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2016
Servizio Sanitario Nazionale | Il personale ispettivo inserito nel Registro avrà il compito di collaborare e coadiuvare il personale ispettivo dell’ANAC nelle attività di verifica e monitoraggio dello stato di attuazione ed implementazione delle misure di trasparenza e anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

28 gennaio 2015
Antimafia | Nell'ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, e il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno firmato il 28 gennaio 2015, le seconde linee guida.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2015
Antimafia | Nell'ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, e il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno firmato il 28 gennaio 2015, le seconde linee guida.

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2017
Nuova Agenzia anticorruzione a Parigi | Anche la Francia potrà contare sull'attività di un'agenzia nazionale anticorruzione sul modello dell'ANAC italiana.

 
 
Condividi la notizia

9 maggio 2019
Trasparenza | Per agevolare l’Anac ad effettuare analisi qualitative e verificare inadempienze.

 
 
Condividi la notizia

12 maggio 2016
Miur | Possono partecipare scuole statali di ogni ordine e grado, dall'infanzia alla secondaria. Ogni progetto ammesso al finanziamento riceverà fino a 10.000 euro.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2017
Anac | Il comunicato dell'Autorità Nazione Anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

16 gennaio 2015
SCUOLA | Sono 225.798 gli utenti che hanno richiesto la registrazione sul sito www.iscrizioni.istruzione.it. per presentare le domande di iscrizione alle scuole statali per l'anno scolastico 2015-2016.

 
 
Condividi la notizia

27 gennaio 2015
MIUR | Meno scuole e anni di corso e più borse. "Ora Miur al lavoro su secondo bando concorso nazionale".

 
 
Condividi la notizia

13 maggio 2015
Polizia di Stato | Ogni Squadra Mobile avrà la sua sezione Anticorruzione, per questo sarà avviato un corso specifico. Docente d'eccezione il presidente A.N.AC. Raffaele Cantone.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2015
Università | Sono 265.500. Nella Pubblicazione del Miur c'è anche un approfondimento sui diplomati 2010 che hanno intrapreso un percorso universitario.

 
 
Condividi la notizia

13 novembre 2016
Appalti | L'Autorità Nazionale Anticorruzione ha approvato il documento contenente la disciplina di maggior dettaglio.

 
 
Condividi la notizia

9 settembre 2014
Anticorruzione | La trasmissione deve essere effettuata esclusivamente attraverso il sistema, istituito dalla Funzione Pubblica, “Perla Pa”. I Piani anticorruzione trasmessi via email non saranno presi in considerazione.

 
 
Condividi la notizia

24 febbraio 2015
funzione Pubblica | Quesiti, segnalazioni, comunicazioni di dati e/o trasmissione di documenti vanno trasmessi ai sensi del DL n. 90/2014 convertito in Legge n. 114/2014 all'Autorità Nazionale Anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2015
Ministero della Salute | Il Ministro Beatrice Lorenzin si aspetta molto da questa iniziativa, per portare a termine la missione che si sono date Agenas, Anac e Dicastero”.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.