Condividi la notizia

Dirigenti scolastici

Concorsi pubblici e violazione del principio dell'anonimato

Qualche indicazione di buon senso del Consiglio di Stato, in un caso singolare, per limitare le ipotesi di riconoscimento dei candidati.

E’ sufficiente, in un concorso pubblico, che le buste contenenti gli elaborati scritti dei singoli candidati partecipanti siano separate in ragione delle aule dove gli stessi hanno trovato posto (per ordine alfabetico) per lo svolgimento della prova senza un successivo “rimescolamento”, per poter parlare di violazione del principio dell’anonimato?

Secondo la Sesta sezione del Consiglio di Stato, che con sentenza del 15 maggio 2015, n. 2473 ha deciso un appello proposto da un aspirante preside, evidentemente no.

I giudici di appello hanno accertato, infatti, grazie anche ad una relazione ispettiva, che al momento della correzione le buste venivano prelevate in un certo numero (senza rispettare l’ordine originario) dalla segretaria della Commissione, che le consegnava al Presidente, il quale normalmente le apriva, accantonando la minuta e procedendo alla lettura dell’elaborato finale, trasposto in “bella copia”.

L’ordine di correzione, in primo luogo, vedeva raggruppati molti concorrenti in base all’iniziale del cognome – ma non in rigoroso ordine alfabetico delle successive lettere del cognome stesso – con frequente inversione del medesimo ordine o inserimento di nominativi dalle iniziali non coerenti, come conseguenza del segnalato prelievo casuale delle buste, da cui discendevano frequenze solo frammentarie di nominativi, disposti come segnalato dagli appellanti.

In tale contesto – tenuto conto del numero molto elevato dei concorrenti (originariamente suddivisi in tredici aule di un istituto scolastico) – non appare logico ritenere che la Commissione potesse avere effettiva consapevolezza dei nominativi dei candidati, cui le singole prove fossero riconducibili. Al segnalato “posizionamento delle buste nei contenitori….seguendo rigorosamente l’ordine alfabetico dei singoli candidati” non corrisponde, infatti, l’accertato ordine di correzione degli elaborati, come sarebbe stato indispensabile, per una reale possibilità di anticipata identificazione dei concorrenti.

L’appello introduceva poi il tema di ipotetici segni di riconoscimento, che la verifica condotta riconduce alle minute degli elaborati in questione: secondo il Consiglio di Stato è risultato evidente che le indicate modalità di lettura, per lo più limitata alla “bella copia”, ne impedisse nella maggior parte dei casi la presa visione. Nella relazione ispettiva, in ogni caso, si segnalano alcune circostanze significative.

In primo luogo, la riconduzione della maggior parte delle segnalate anomalie a più o meno ampio utilizzo di matita (presumibilmente ispirato dall’intento di effettuare correzioni non vistose sulle minute: intento comune a numerosi concorrenti, la cui singola identificazione sarebbe risultata, pertanto, di non facile attuazione), mentre quelli, che avrebbero potuto ritenersi effettivi segni di riconoscimento (cambio di inchiostro da nero a blu, o addirittura parziale utilizzo di inchiostro rosso) risultavano riconducibili, rispettivamente, ad una candidata che aveva superato le prove scritte, ma non anche quelle orali e ad altra candidata, le cui prove scritte erano state ritenute insufficienti.

In altri casi, alle medesime situazioni di presunta riconoscibilità (foglio protocollo diviso in due, utilizzo di bianchetto), erano seguiti esiti in alcuni casi positivi e in altri negativi, o era stato verificato come la segnalata anomalia risultasse “estremamente limitata e quasi impercettibile”. Tenuto conto di quanto sopra, il Collegio ha ritenuto che non emergevano sufficienti elementi, per ritenere violato il principio di imparzialità, né sulla base dei criteri generali adottati, né con riferimento a concrete anomalie nel giudizio.

Non possono infatti incidere su tali conclusioni una serie di annotazioni, che in parte attengono a irregolarità non invalidanti, inevitabili in una procedura complessa, in cui intervenivano diversi operatori, in parte risultano volte a censurare inesattezze o lacune di quella relazione ispettiva, che ad avviso del Collegio ha, invece, comunque assicurato la comprensione delle circostanze essenziali, per valutare la legittimità della procedura concorsuale.

I principi fondamentali, per raggiungere conclusioni di segno opposto a quelle sposate dal Collegio, d’altra parte sono ribaditi nella sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n. 26 del 20 novembre 2013, in cui si richiamano anche altri precedenti giurisprudenziali, al fine di circoscrivere la violazione del principio di anonimato ai soli casi in cui le modalità operative introdotte dall’Amministrazione siano tali da consentire l’effettiva conoscenza del nominativo del candidato all’atto della correzione dei relativi elaborati, ovvero in cui emergesse l’intenzione del concorrente di rendere riconoscibili gli elaborati stessi, con segni grafici plausibilmente estranei a mere correzioni. 

Nel caso valutato dall’Adunanza Plenaria, la Commissione aveva fatto annotare sull’elenco alfabetico dei candidati, accanto al nome di ciascuno, il codice alfanumerico riservato al medesimo attribuito, rendendo immediatamente associabili le buste ai nominativi.

Elementi che, invece, non si sono ravvisati nel caso di specie.

Rodolfo Murra

(18 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

5 marzo 2015
Ministero Interno | Pubblicato il concorso pubblico, per titoli ed esami. Scadenza per la presentazione delle domande 30 marzo 2015.

 
 
Condividi la notizia

7 novembre 2018
Concorso | La commissione ha estratto la lettera M.

 
 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2019
TAR LAZIO | Il caso di un aspirante militare: per il TAR il concetto penalistico di imputato non può essere applicato in modo formalistico.

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2016
Opportunità | Richiesto il possesso del diploma di geometra oppure il diploma di perito industriale in edilizia. Scadenza il 10 marzo 2016.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2017
Opportunità di lavoro | Scadenza per la presentazione delle domande 29 maggio 2017. Nell'articolo il bando e la domanda di partecipazione.

 
 
Condividi la notizia

5 marzo 2018
Assunzioni nella P.A. | La Corte costituzionale dichiara illegittima una disposizione legislativa della Sardegna.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2016
Lavoro | Scadenza 15 dicembre 2016. Nell'articolo il bando.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Ambiente | Multe salatissime per chi non commercializza buste biodegradabili. Anci, compito delle amministrazioni comunali informare cittadini e negozianti.

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2015
Concorsi | C'è tempo fino alle ore 23.59 del 14 maggio 2015 per presentare le domande di partecipazione al concorso pubblico. Tutte le info nell'articolo.

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
giustizia Amministrativa | I principi sanciti dalla sentenza del Consiglio di Stato, Sez. V del 16 gennaio 2015 per l'esclusione dell'applicabilità delle progressioni verticali per l'accesso ai posti vacanti della categoria di funzionario e necessità di indire il concorso pubblico per la copertura del posto di vice – comandante della Polizia Municipale.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Previdenza | Le posizioni assicurative degli iscritti alla gestione ex Inpdap rese note con comunicazione personale.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
MIUR | Online le prime risposte alle domande frequenti sul concorso 2016 per i docenti.

 
 
Condividi la notizia

5 marzo 2018
Esame di avvocato | Il TAR Marche rivisita il principio dell'anonimato nei concorsi pubblici.

 
 
Condividi la notizia

9 agosto 2016
Opportunità | L'ENEA insieme al Ministero dello Sviluppo Economico hanno bandito un concorso giornalistico sul tema dell'efficenza energetica. Scadenza il 15 novembre 2016.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.