Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Diffamazione della maestra da parte di un genitore: spetta il risarcimento del danno

I giudici di legittimità  ribaltano i due verdetti di merito.

Negli anni novanta una insegnante elementare in servizio presso un plesso scolastico toscano veniva fatta oggetto di “attenzioni” reiterate da parte di un genitore di un alunno, il quale a partire da una riunione nella quale aveva apostrofato come “mostro” la maestra, aveva poi inviato missive e fax al Direttore dell’Istituto utilizzando espressioni gravemente offensive nei riguardi della donna. La quale, a seguito di tali continui attacchi, subiva una serie di conseguenze pesantissime (sottoposizione a visita psichiatrica, imputazione in un processo penale per reati di maltrattamenti e lesioni – dai quali è stata assolta – la sospensione dal servizio ed il trasferimento presso altra sede, ecc.).

Nel settembre del 1998 la maestra agiva quindi in giudizio dinanzi al Tribunale civile per ottenere il risarcimento dei danni subiti. Il giudice adito rigettava la domanda non ravvisando, nel contegno tenuto da quel genitore, un comportamento diffamatorio e ritenendo che i pregiudizi subiti non fossero una diretta conseguenza delle azioni poste in essere da costui. Anche la Corte d’appello di Firenze, che nel 2014 rigettava il gravame proposto avverso la sentenza di primo grado, la pensava come il Tribunale, rilevando che dagli atti risultava, più che un comportamento offensivo della reputazione della insegnante, quanto piuttosto "l'esistenza di due fronti contrapposti tra i genitori", a favore o contrari ai metodi educativi della maestra, oltre ad atteggiamento fortemente critico, non solo del convenuto ma anche di altri genitori.

L’insegnante proponeva ricorso per cassazione (deducendo la violazione degli artt. 115 e 116 c.p.c.) veniva accolto dalla III Sezione con ordinanza n. 9050 del 12 aprile 2018.

I giudici di legittimità hanno severamente sanzionato il contegno tenuto dai colleghi del merito, osservando che costoro sul piano generale di valutazione della prova hanno violato il principio secondo il quale, al cospetto di una pluralità di fatti storici, ciascuno portatore di una propria, singola valenza indiziaria, il giudice non può procedere alla relativa valutazione attraverso un procedimento logico di scomposizione atomistica di ciascuno di essi, per poi svalutarne, singolarmente e frammentariamente, la relativa efficacia dimostrativa.

Infatti, la concordanza indiziaria di ciascuno dei fatti acquisiti al processo ne postula l’imprescindibile necessità di una compiuta analisi di tipo sintetico, all'esito di un ragionamento probatorio complesso e sincronico, non potendo evidentemente predicarsi alcuna "concordanza" di ciascun indizio a se medesimo, se la valutazione non segue il necessario percorso logico dell'analisi per sintesi e non per somma (per di più, inammissibilmente scomposta). Proprio in questo errore di diritto è incorso, secondo la Corte di cassazione, il giudice di appello, adottando, conseguentemente, una motivazione la cui insanabile ed intrinseca contraddittorietà è destinata a dissolversi oltre il limite dell'apparenza. La corretta applicazione della regola probatoria dianzi esposta, difatti, avrebbe inevitabilmente condotto all'approdo di una ben diversa decisione, una volta che la condotta denigratoria ascritta a quel genitore ebbe diacronicamente a dipanarsi attraverso una serie di atti e comportamenti univocamente e pervicacemente intesi a ledere l'onore, il prestigio e la stessa dignità dell'insegnante.  A tale evidente conclusione avrebbe dovuto condurre una più attenta e approfondita valutazione dei fatti di causa, svolta secondo un procedimento logico-induttivo fondato sulla complessiva sinergia dimostrativa e sulla necessaria sintesi dei fatti di causa.

Le conseguenze, gravissime, della condotta tenuta da quel genitore — l'essere stata l'insegnante sottoposta a visita psichiatrica; l'essere stata imputata di gravi reati; l'essere stata sospesa dal servizio; l'essere stata trasferita ad altra sede – le cui accuse si sono poi dissolte in una pronuncia del giudice penale di insussistenza dei fatti contestati non sono scriminate né sminuite, come erroneamente mostra di ritenere il giudice d'appello, nella scia del convincimento del tribunale, né dalla circostanza che anche altri, insieme al resistente, avrebbero contribuito alla verificazione degli eventi (tale affermazione ponendosi in evidente e irredimibile contrasto con il dettato dell'art. 41 del codice penale, in tema di con-causalità dell'evento), né dalla accertata diacronia delle condotte - il cui dipanarsi nel tempo costituisce non una scriminante ma, di converso, un aggravante della condotta stessa - né tantomeno "dall'ormai conclamata dimensione collettiva e pubblica" dei fatti, ovvero dalla "autonoma risonanza" che la vicenda avrebbe assunto con lo scorrere del tempo. Ciò che quindi secondo la Corte risulta essere stata del tutto omessa, nel decisum del giudice di appello, è pertanto la valutazione necessariamente diacronica e complessivamente sintetica dei fatti di causa, secondo un percorso ricostruttivo “condotta causalità-evento-danno” che non avrebbe potuto che concludersi nella certa affermazione della responsabilità risarcitoria del resistente per aver violato la reputazione, l'onore, la stessa dignità dell'insegnante, così ledendo valori e principi di rango sia costituzionale che sovranazionale.

Nella parte finale del provvedimento la Corte non ha, poi, voluto far mancare un apporto di tipo "pedagogico", spiegando che, pur non essendo compito della giurisdizione sindacare, sul piano etico e sociale, il comportamento dei consociati in una determinata epoca storica (poiché il processo civile, ed in particolare quello avente ad oggetto vicende di responsabilità civile, è funzionale ad offrire precise risposte, rigorosamente circoscritte al piano del diritto), a singole vicende che riguardano singole persone che chiedono tutela al giudice: tuttavia, il giudice civile, nella valutazione e liquidazione del quantum debeatur, non può e non deve ignorare - quasi che la dimensione della giurisdizione si collochi entro un asettico territorio di pensiero tanto avulso dal reale, quanto insensibile ai mutamenti sociali e culturali in cui essa viene esercitata - "il preoccupante clima di intolleranza e di violenza, non soltanto verbale, nel quale vivono oggi coloro cui è demandato il processo educativo e formativo delle giovani e giovanissime generazioni". 

Il processo dora eve quindi riprendere dal secodno grado, i cui magistrati saranno tenuti ad applicare le regole dettate nell'ordinanza in commento e pervenire alla quantificazione del risarcimento spettante alla maestra.

Rodolfo Murra

(22 aprile 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

2 marzo 2016
MIUR | Online le prime risposte alle domande frequenti sul concorso 2016 per i docenti.

 
 
Condividi la notizia

2 gennaio 2016
Funzione Pubblica | Autorizzato il Miur ad avviare le procedure per assumere con contratto a tempo indeterminato 58.828 docenti comuni, 5.766 docenti di sostegno e 5.118 posti di potenziamento.

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2015
Università della Basilicata | Scade il 26 giugno 2015 il bando per svolgere attività didattica a favore degli alunni con disabilità.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Stabilità | Nel maxiemendamento approvato dal Senato la dotazione del Fondo "La Buona Scuola" è di 1.000 milioni di euro per l'anno 2015 e 3.000 milioni di euro annui a partire dal 2016.

 
 
Condividi la notizia

13 novembre 2014
Funzione pubblica | Per l'anno scolastico 2014/2015 il Presidente della Repubblica ha autorizzato il MIUR ad assumere a tempo indeterminato n. 15.439 unità per il personale docente ed educativo, n. 4.599 per il personale ATA, n. 13.342 per il personale docente da destinare al sostegno degli alunni con disabilità, n. 620 dirigenti scolastici.

 
 
Condividi la notizia

27 ottobre 2017
MIUR | Secondo la Fedeli "le scelte e le decisioni dei presidi, in materia di tutela dell'incolumità delle studentesse e degli studenti minori di 14 anni, sono conformi al quadro normativo attuale"

 
 
Condividi la notizia

20 ottobre 2015
#labuonascuola | Pubblicato in Gazzetta il Decreto che riguarda gli insegnanti a tempo indeterminato delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.

 
 
Condividi la notizia

4 novembre 2015
Gazzetta Ufficiale | Via libera ad incarichi con contratto a tempo indeterminato per n. 167 docenti di I e II fascia nelle istituzioni AFAM.

 
 
Condividi la notizia

16 gennaio 2018
MIUR | Dalle 8:00 del 16 gennaio alle 20:00 del 6 febbraio 2018 per l'iscrizione alle classi prime delle scuole primarie e secondarie di I e II grado.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2016
Buona scuola | Prosegue l'operazione di immissione in ruolo degli insegnanti a copertura dei posti vacanti. Bandi per 57.611 comuni e 6.101 di sostegno. Nell'articolo le modalità ed i termini.

 
 
Condividi la notizia

19 novembre 2015
Politiche sociali | Si è tenuto un incontro con una delegazione di assistenti e genitori dei circa 70 alunni che usufruiscono del servizio.

 
 
Condividi la notizia

22 luglio 2015
Miur | In totale saranno 102.734 i docenti che lo Stato recluterà quest'anno. Le domande dal 28 luglio al 14 agosto.

 
 
Condividi la notizia

16 marzo 2016
MIUR | Pubblicate le linee guida per l'utilizzo didattico delle attività teatrali per l'anno scolastico 2016/2017 a seguito della riforma "la Buona Scuola".

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
#LaBuonaScuola | Firmato il contratto integrativo per la mobilità 2016/2017. Iniziano lunedì 11 aprile le operazioni.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2014
ISTRUZIONE | Importante inversione di rotta dopo anni di tagli, ma i sindacati chiedono di più. Resta il nodo dei "quota96" il cui pensionamento potrebbe non avere la necessaria copertura.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.