Condividi la notizia

Economia

Usura: indagati vertici di Bnl, Unicredit, Mps e Bp Bari

Nuova inchiesta della procura di Trani: indagati anche il presidente della Rai, Anna Maria Tarantola, in qualità di ex capo della Vigilanza di Bankitalia, e il ministro dell’Economia del governo Letta Fabrizio Saccomanni, ex dg di Bankitalia

Nuovo terremoto nel mondo bancario. La procura di Trani, già nota per le inchieste che coinvolgevano le agenzie di rating, sposta ora la sua attenzione ai "tassi usurari" applicati da alcuni istituti di credito ai danni di imprenditori. Per concorso in usura bancaria sono coinvolti nelle indagini i vertici di Bnl, Unicredit, Mps e di Banca popolare di Bari (Bpb).

Tra le 62 persone alle quali la Gdf di Bari sta notificando l’avviso di fine indagine ci sono anche ex dirigenti di Bankitalia e del ministero dell’Economia.Tra le 62 persone a cui viene notificato l’avviso di fine indagine per usura vi sono il presidente del Cda di Bnl Luigi Abete e l’AD Fabio Gallia; per Unicredit l’ex AD Alessandro Profumo, ora presidente del Cda di Mps, e l’attuale AD Federico Ghizzoni; per Mps l’ex presidente Giuseppe Mussari e il suo vice Francesco Gaetano Caltagirone. Sempre per Bnl sono indagati l’ex vicepresidente Piero Sergio Erede, e il presidente del collegio sindacale Pier Paolo Piccinelli. Per Unicredit l’ex presidente del Cda, Dieter Rampl, e il dg Roberto Nicastro. Per Unicredit Banca di Roma è indagato Paolo Savona, ex presidente del Cda. Per Unicredit Banca d’Impresa l’ex presidente Mario Fertonani, l’attuale vicepresidente vicario di Unicredit spa, Candido Fois, e Piergiorgio Peluso, figlio dell’ex Guardasigilli Anna Maria Cancellieri, nella sua precedente qualità di AD di Unicredit Banca d’Impresa. Per la Banca Popolare di Bari sono indagati anche l’attuale presidente del Cda e AD, Marco Jacobini, l’ex presidente Fulvio Saroli, e il dg Pasquale Lorusso.Indagati anche il presidente della Rai, Anna Maria Tarantola, in qualità di ex capo della Vigilanza di Bankitalia, e il ministro dell’Economia del governo Letta Fabrizio Saccomanni, ex dg di Bankitalia.

Il reato di usura continuata ed aggravata viene contestato dalla procura di Trani ai danni di alcuni clienti-imprenditori del barese delle banche sottoposte ad accertamenti in relazione a finanziamenti concessi prevalentemente sotto forma di anticipazioni su conto corrente. Secondo il pm inquirente, Michele Ruggiero, il reato di usura è stato compiuto dagli organismi di governance e di controllo delle banche con il concorso morale degli ex vertici di Bankitalia e di un attuale dirigente del dipartimento del Tesoro del ministero dell’Economia e Finanze. Questi ultimi - secondo l’accusa - contravvenendo alle disposizioni della legge sull’usura, prescrivevano alle banche di calcolare (attraverso una particolare formula algoritmica) gli oneri dei finanziamenti concessi in rapporto al credito «accordato», anziché (come richiesto dalla legge) a quello effettivamente «erogato/utilizzato» dal cliente, così precostituendo le condizioni per una elaborazione (e successiva segnalazione a Bankitalia) da parte della banche di tassi effettivi globali (cosiddetti Taeg) falsati poiché più bassi di quelli effettivamente praticati. Di conseguenza - secondo le indagini della Guardia di Finanza - gli interessi/remunerazioni applicati dalla banche alla clientela per determinate categorie di finanziamenti (in forma di anticipazioni su c/c) risultavano sempre entro i limiti dei «tassi soglia», pur essendo in concreto ad essi superiori e, come tali, usurari.

A ben guardare le carte dell'inchiesta, tuttavia, sembrerebbe che le indagini siano sproporzionate rispetto ai presunti reati: il reato di usura bancaria continuata e pluriaggravata sarebbe stato commesso ai danni di alcune imprese di Barletta, la Costruzioni Crescente con un vantaggio per Bnl di circa 42mila euro e la Best Side per poco più di 2mila euro, la Aligest con un vantaggio per Unicredit di 1.800 euro. Una denuncia contro Unicredit è giunta anche da Vincenzo Longo per interessi usurari per 9.500 e dalla Tiesse srl, (2mila euro). Lo stesso Longo ha accusato anche Mps per altri 16mila euro. La Popolare di Bari è finita nell'inchiesta per 296 euro di vantaggio usuraio presuntamente sottratti dalle tasche di Luigi Salvatore Gianfrancesco. 

Francesco Colafemmina

(11 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

14 giugno 2016
Ministero Interno | Il portale nazionale https://antiracketusura.interno.gov.it permetterà di velocizzare il riconoscimento dei benefici economici alle vittime di estorsione ed usura.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2015
Mercato bancario | Il comunicato del MEF sulle procedure di risoluzione di quattro banche.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Difesa dei consumatori | Lettera congiunta per chiedere a imprese ed intermediari finanziari, comprese le banche, di innalzare il livello di protezione dei clienti nella vendita di questi prodotti.

 
 
Condividi la notizia

20 gennaio 2015
Unione Europea | Tutte le informazioni su come accedere ai finanziamenti diretti ed indiretti europei.

 
 
Condividi la notizia

4 gennaio 2018
Fondo Prevenzione | Online i contatti dei 112 Confidi e delle 36 Associazioni No-Profit a cui rivolgersi.

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2016
#italiasicura | In Gazzetta Ufficiale il decreto che riapre lo sportello per l'accesso ai finanziamenti agevolati a valere sul Fondo rotativo “Kyoto”.

 
 
Condividi la notizia

25 ottobre 2014
Ministero dell'Interno | La collaborazione attiva tra Abi, banche e Polizia di Stato ha consentito negli ultimi mesi di bloccare il 98 per cento dei tentativi di frode. Report del Convegno internazionale Fighting Financial Cybercrime.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
Disposizioni urgenti | Le misure per il rimborso degli investitori nelle quattro banche poste in risoluzione. Le misure a sostegno delle imprese e di accelerazione delle attività di recupero creditI.

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2014
Fondi Unione Europea | Unire le banche dati per assicurare il corretto ed efficace utilizzo dei finanziamenti europei, e' questo l'obiettivo del Protocollo siglato tra Ragioneria generale dello Stato e la Guardia di Finanza

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2016
Mibact | In un tempo di 45 minuti i candidati dovranno rispondere agli 80 quesiti che saranno estratti dalle banche dati.

 
 
Condividi la notizia

19 dicembre 2015
Meccanismo di Vigilanza Unico | "Banche significative" controllate dalla Banca Centrale Europea, "meno significative" dalla Banca d'Italia. Nelle more dell'adozione del decreto ministeriale, per superare alcune difficoltà applicative, sono state introdotte alcune modifiche nelle fasi di verifica.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2015
Consiglio Regionale | La Fondazione "Interesse Uomo" ha segnalato nel suo rapporto biennale un aumento del 113% delle richieste di aiuto da parte dei cittadini lucani. Il ddl approvato all'unanimità.

 
 
Condividi la notizia

28 agosto 2014
Jihadisti | All'improvviso si viene a conoscenza di un pericolo che, a quanto pare, era stato da tempo segnalato invano dai nostri Servizi di sicurezza

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2015
Piano Juncker | Firmato l'accordo MEF - ABI - CDP - SACE per finanziare investimenti in innovazione e internazionalizzazione.

 
 
Condividi la notizia

17 dicembre 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | Il Dipartimento del Tesoro per la prevenzione dell'usura ha recuperato e messo a disposizione le risorse delle sanzioni antiriciclaggio per la concessione di garanzie per l’accesso al credito.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.