Condividi la notizia

Riforme

Il Piano casa è legge

Stanziati 1 miliardo e 800 milioni per l'emergenza abitativa.

Con il voto di oggi della Camera dei deputati diventa legge il decreto sulle emergenze abitative, più noto come “Piano Casa” del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi.

“Finalmente una legge che affronta organicamente il problema  - commenta il Ministro Lupi - e non il solito decreto tampone che si limita al vecchio rito della proroga degli sfratti. Con questo Piano, che mobilita quasi due miliardi di euro, andiamo concretamente incontro a chi ha bisogno e vive il dramma dell’emergenza casa, con i fondi sull’affitto e sulla morosità incolpevole; diamo quasi 600 milioni di euro per l’edilizia popolare attraverso il recupero degli alloggi inagibile ex Iacp; rilanciamo l’housing sociale e riaffermiamo la certezza del diritto per chi si vede occupare abusivamente la casa. Il decreto contiene infine tutta una serie di agevolazioni fiscali per rimettere in moto il mercato degli affitti che dimostrano come il fisco possa essere amico dei cittadini e favorire lo sviluppo”. 

In particolare, il testo destina più risorse alle locazioni, con il fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione e per il fondo dedicato ai morosi incolpevoli, rispettivamente 200 milioni di euro e 266 milioni di euro.

Il primo prevede l’erogazione di contributi a favore di famiglie che hanno un canone di locazione registrato che si trovano in difficoltà nel pagare l’affitto; il secondo è destinato agli inquilini morosi  incolpevoli, cioè a quelle persone che hanno sempre pagato l’affitto e non riescono più a pagarlo perché hanno perso il lavoro o gravemente malati.

È stata, inoltre, ridotta al 10% la cedolare secca (già ridotta lo scorso anno dal 19 al 15%)  per i proprietari di immobili che applicano canoni concordati e prevede agevolazioni fiscali per l'acquisto di mobili e per i redditi più bassi che devono pagare un affitto.

Inoltre è stato stabilito che i redditi derivanti dalla locazione di alloggi nuovi o ristrutturati non concorrono alla formazione del reddito d’impresa ai fini IRPEF/IRES e IRAP nella misura del 40 per cento per un periodo non superiore a dieci anni dalla data di ultimazione dei lavori. 

Sempre in tema di agevolazioni fiscali, nell'iter parlamentare per la conversione in legge del Decreto Casa è stata ripristinata la versione originaria del testo sui bonus fiscali per le ristrutturazioni edilizie (detrazioni del 50%) che li estendeva all’acquisto di mobili ed elettrodomestici. 

La detrazione fiscale per l’acquisto di mobili è ora ammessa entro il tetto di spesa a 10.000 euro, ma comunque per un importo svincolato dall'importo della spesa per la ristrutturazione (nella vecchia versione la detrazione per i mobili non poteva eccedere quella per i lavori di ristrutturazione).

Infine, per quanto riguarda l’IMU per i residenti all’estero che hanno in Italia, una o più case sfitte, per una di queste non dovrà pagare l'Imu perché gli verrà considerata come prima casa. Tari e Tasi saranno ridotte dei due terzi.    

Per quanto riguarda la lotta all’abusivismo il decreto ha stabilito che chiunque occupi abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l’allacciamento a pubblici servizi e non potrà partecipare a procedure di assegnazione di alloggi IACP per cinque anni.

 

Claudia De Vincenzi

(20 maggio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

24 agosto 2014
Giustizia Amministrativa | La distanza di 10 metri tra pareti finestrate si applica anche in caso di soprelevazione e non può essere derogata dalla normativa del "Piano Casa".

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2014
Sanità e danno erariale | Nel rimpallo di responsabilità, nessun colpevole. La responsabilità "diffusa" in una burocrazia inefficiente e caotica ascritta dalla Procura in capo ai manager sanitari non e' bastata alla Corte dei Conti per la loro condanna.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2014
corte dei Conti | L'Agente contabile riscuoteva gli affitti dei terreni e fabbricati comunali e non li versava presso la tesoreria comunale. Interveniva abusivamente sul sistema informatico per far risultare falsamente come effettivamente riversate tutte le somme.

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2014
Archivi in affitto | Replica secca dell'Agenzia alle accuse: non c’'è spreco, il canone è congruo e periziato.

 
 
Condividi la notizia

20 gennaio 2015
Agenzia delle Entrate | Le risposte aggiornate del Fisco a tutti i quesiti che riguardano la cedolare secca.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.