Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Concorsi: equipollenza solo se espressamente prevista

La P.A. deve indicare i criteri di valutazione se vuole allargare la possibilità di scelta a lauree diverse da quelle indicate. I principi sanciti dalla quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 16 gennaio 2015.

La Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 16 gennaio 2015 ha evidenziato come, nella problematica dell’equipollenza “ex lege” o in sede amministrativa dei titoli universitari, si contrappongono da una parte il principio del valore legale dei titoli di studio, in base al quale spetta allo Stato stabilire la valenza delle diverse lauree, e dall'altra il principio di autonomia delle singole amministrazioni, alle quali è evidentemente consentito determinare le professionalità di cui ha bisogno la struttura, identificandole con il titolo di studio necessario.

Qualora l'amministrazione limiti la partecipazione a un procedimento di assunzione a chi sia in possesso di una determinata laurea, la sua volontà è chiara e determinata per cui non può esserle imposta l'acquisizione di professionalità diverse sulla base di una valutazione di equipollenza che essa ha escluso.

L'applicazione del principio di equipollenza è consentito solo se imposto dalla legge (v., in particolare, l'art. 9, sesto comma, della legge 19 novembre 1990, n. 341, e relative norme d’attuazione).

Qualora, quindi, l'Amministrazione indichi nel bando di voler acquisire personale con la professionalità definita da una determinata laurea o da quelle equipollenti, espressamente richiamate, si pone il problema dell'interpretazione della sua volontà.

In tale caso occorre stabilire se con tale espressione l'Amministrazione abbia inteso richiamare, puramente e semplicemente, il sistema delle equipollenze quale definito dalla legge 19 novembre 1990, n. 341, ovvero abbia inteso ampliare la scelta a ulteriori professionalità, equivocamente definite con l'aggettivo "equipollente" che, come si è visto, nel sistema normativo ha un significato ben definito.

Nel caso di specie, ad avviso del Consiglio di Stato, l'Amministrazione ha inteso richiamare puramente e semplicemente il sistema normativo, senza attribuirsi alcuna facoltà discrezionale di valutazione della corrispondenza di lauree diverse da quelle espressamente indicate, insieme a quelle dichiarate equipollenti dallo Stato, con le proprie necessità organizzative.

Diversamente opinando, precisa il Collegio, le scelte dell'Amministrazione non potrebbero che risulterebbe opinabili o arbitrarie: “se, infatti, l'Amministrazione avesse voluto aprire la partecipazione al concorso a candidati in possesso di lauree non identificate "a priori", valutando successivamente la loro rispondenza alle sue necessità, avrebbe dovuto necessariamente predisporre una griglia di valutazione della conformità dei titoli diversi da quelli espressamente indicati con le sue esigenze. In caso contrario, l'ammissione dei candidati al concorso sarebbe determinata da valutazioni compiute in maniera non anonima ma espressamente concernente la domanda di un singolo candidato, di cui necessariamente l'Amministrazione conosce il nominativo.

In conclusione, laddove un'amministrazione con il bando di concorso per l'accesso all'impiego presso la sua struttura limiti la partecipazione a quanti siano in possesso di una determinata laurea possono partecipare al procedimento solo quanti siano in possesso della medesima o di lauree dichiarate equipollenti a norma di legge.

Qualora l'amministrazione apra la partecipazione al concorso ai candidati in possesso di talune lauree, espressamente ammettendo anche i candidati in possesso di lauree equipollenti, occorre interpretare la sua volontà in modo da accertare se in tal modo si è voluto semplicemente richiamare il dettato legislativo ovvero si è inteso allargare la possibilità di scelta a lauree diverse da quelle indicate.

In quest'ultimo caso, conclude il Consiglio di Stato, l'amministrazione deve esplicitare i criteri in base ai quali condurre la relativa valutazione, ed in mancanza di tali criteri la sua volontà deve essere ricostruita nel senso del semplice richiamo della normativa statale di riferimento.

La Direzione

(21 gennaio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

13 agosto 2018
OPPORTUNITA' DI LAVORO | Anche ad agosto tutte le opportunità di lavoro nella pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2017
Occupazione | La rassegna delle opportunità di impiego nella Pubblica Amministrazione

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2018
OPPORTUNITA' DI LAVORO | Tutte le opportunità per lavorare nella Pubblica Amministrazione centrale e periferica. Nell'articolo tutti i link ai bandi.

 
 
Condividi la notizia

9 ottobre 2017
Opportunità di lavoro | Tutte le opportunità di lavoro nelle pubbliche amministrazioni racchiuse nella rassegna dei concorsi selezionati sulla Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2015
Riforma della P.A. | La Camera ha approvato in seconda lettura il d.d.l. presentato dal Governo. Il provvedimento torna ora all'esame del Senato.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2017
Occupazione | Le ultime opportunità di lavoro selezionate dalla Gazzetta Ufficiale 4a Serie Speciale - Concorsi ed Esami nn. 36 e 37 rispettivamente del 12.5.2017 e del 16.5.2017.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2018
Opportunità di lavoro | Centinaia di bandi ai quali partecipare per lavorare nelle pubbliche amministrazioni centrali e periferiche selezionati dalle recenti Gazzette Ufficiali.

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2018
Funzione Pubblica | La Direttiva n. 3/2018 sul concorso unico, sulle prove di esame mirate alla valutazione delle competenze ecc..

 
 
Condividi la notizia

5 novembre 2017
Opportunità di lavoro | Tutte le opportunità di lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni locali nella rassegna dei concorsi selezionati sulla Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2016
Occupazione | Operaio specializzato, muratore, istruttore amministrativo, personale di alta specializzazione non dirigente, conduttore macchine operatrici complesse, avvocato, Istruttore direttivo tecnico, Informatico, queste ed altre le figure professionali nella rassegna dei concorsi selezionati sulla Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

27 marzo 2018
Opportunità di lavoro | Amministrazioni centrali, enti locali, università e aziende sanitarie. In un unico articolo le nuove opportunità pubblicate nella Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

5 marzo 2018
Esame di avvocato | Il TAR Marche rivisita il principio dell'anonimato nei concorsi pubblici.

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2018
Opportunità di lavoro | La selezione degli ultimi bandi pubblicati dalle Pubbliche Amministrazioni centrali e periferiche, enti di ricerca, università e tanto altro.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2018
OPPORTUNITA' DI LAVORO | Nell'articolo, cliccando su ogni singolo link, è possibile accedere a tutti gli ultimi bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dagli Enti Locali e dalle Pubbliche Amministrazioni centrali

 
 
Condividi la notizia

18 dicembre 2018
Intervista Video | Dal decreto concretezza alla necessità di una vera scuola della Pubblica Amministrazione - VIDEO.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.