Condividi la notizia

Esame di avvocato

Cosa accade se la busta contenente le generalità del candidato non è incollata?

Il TAR Marche rivisita il principio dell'anonimato nei concorsi pubblici.

Un aspirante avvocato nel 2016 partecipava, presso la Corte di Appello di Ancona, agli esami di abilitazione all’esercizio professionale. La sottocommissione operante presso la Corte di Appello di Perugia ha previamente verificato l’integrità dei plichi contenenti gli elaborati concorsuali ed ha poi proceduto alla valutazione di questi ultimi. Il candidato otteneva un punteggio tale da farlo ammettere alla prova orale.

Il materiale è stato poi ritrasmesso alla sottocommissione operante presso la Corte di Appello di Ancona, incaricata di procedere all’abbinamento fra gli elaborati e il nominativo del candidato di appartenenza e allo svolgimento della prova orale; in sede, appunto, di abbinamento fra gli elaborati ed i nominativi dei candidati la sottocommissione anconetana, con riguardo ad una delle tre prove scritte, ha rilevato che la busta contenente le generalità anagrafiche del candidato era aperta ed aveva ancora applicata la linguetta protettiva della parte preincollata. La sottocommissione ha pertanto stabilito di annullare integralmente le prove svolte dal candidato, ritenendo violata la regola dell’anonimato.

Da qui il ricorso al TAR, il quale si è dovuto quindi occupare del principio dell’anonimato nei concorsi pubblici con particolare riferimento a questa specifica (e peculiare) fattispecie.

Il Tar marchigiano, con sentenza del 28 febbraio 2018, ha scrutinato la normativa vigente per lo svolgimento dell’esame di abilitazione alla professione forense (in particolare l’art. 22 R.D. n. 37 del 1934, il quale ha previsto il sistema delle buste: la più grande, nella quale sono inserite le prove senza apposizione di nomi o contrassegni, e la piccola, che contiene la indicazione del nome, cognome, data di nascita e residenza su apposito cartoncino, da inserire nella busta grande) giungendo a ritenere che nelle procedure concorsuali la regola sopra citata non può essere intesa in modo tanto tassativo ed assoluto da comportate la invalidità delle prove ogni volta che sussista una astratta possibilità di riconoscimento, giacché non si potrebbe mai escludere a priori che un commissario sia in condizioni di riconoscere una particolare modalità di stesura.

Sulla base di tale principio, si è richiamato quell’orientamento in base al quale, al fine di affermare la riconoscibilità e quindi la invalidità della prova scritta, è necessario che emergano elementi atti a provare in modo inequivoco la intenzionalità del concorrente di rendere riconoscibile il suo elaborato.

Pertanto, anche se la chiusura della busta piccola è attività spettante al candidato (art. 22, comma 2, R.D. citato), unitamente all’introduzione dei fogli, non può farsi ricadere sugli stessi candidati (nella specie, l’inconveniente si era verificato anche per altri) il rischio consistente nella scollatura delle buste, non derivante, verosimilmente, dalla volontà, né tantomeno dalla intenzionalità degli stessi, che semmai, secondo il TAR Marche, hanno interesse e volontà contrari, al fine di salvaguardare la integrità delle loro prove.

La norma in materia (art. 23 sopra citato) fa riferimento al fatto che il candidato “si sia fatto riconoscere”, sicché la sanzione della esclusione sembra ricondursi ad una precisa volontà, e non può essere giustificata dalla mera accidentalità o dal caso fortuito.

I giudici di Ancona si sono voluti far carico anche di quell’orientamento che ritiene nulla la prova scritta nel caso di trasparenza delle buste (trasparenza che consentirebbe l’individuazione del candidato), anche in mancanza della prova certa che tale individuazione sia avvenuta in concreto da parte della commissione aggiudicatrice, non ritenendolo attinente al caso di specie in quanto, in quella ipotesi, l’annullamento, pur se non dipendente dal comportamento del candidato, riguarderebbe l’ intera procedura, che verrebbe quindi ripetuta, con rispetto della par condicio.

Fonte: Massimario G.A.R.I.

 

Mattia Murra

(5 marzo 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 maggio 2015
Dirigenti scolastici | Qualche indicazione di buon senso del Consiglio di Stato, in un caso singolare, per limitare le ipotesi di riconoscimento dei candidati.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2017
TAR TOSCANA | Indicare il nome di una cittá  in una prova scritta equivale a farsi riconoscere?

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2015
Consiglio di Stato | La valenza fidefacente del verbale della Commissione esaminatrice nella sentenza del 23.11.2015 n. 5309.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Ambiente | Multe salatissime per chi non commercializza buste biodegradabili. Anci, compito delle amministrazioni comunali informare cittadini e negozianti.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2015
Giustizia Amministrativa | Netta separazione dell'Ufficio da tutto l'apparato amministrativo dell'Amministrazione, principi e necessità dell'iscrizione all'elenco speciale annesso all'albo degli avvocati. I principi sanciti nella sentenza del TAR Lombardia, Milano del 16 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

22 dicembre 2015
Funzione Pubblica | Il DPCM per n. 10 Avvocati dello Stato e n. 14 Procuratori dello Stato

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2014
Riforme | Divorzio lampo, senza passare davanti al giudice riducendo tempi e costi. Tutto si risolverà con un accordo tra i coniugi assistiti dai rispettivi avvocati

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Si discute se la modalità di verifica della presenza in servizio leda il decoro e la dignità  degli avvocati-dipendenti.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Previdenza | Le posizioni assicurative degli iscritti alla gestione ex Inpdap rese note con comunicazione personale.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2016
Corte di cassazione | Un curioso caso di inquadramento da dirigente e di contestuale collocamento in disponibilità.

 
 
Condividi la notizia

24 gennaio 2018
Consiglio di Stato | Palazzo Spada chiarisce a chi spetta il potere di giudicare.

 
 
Condividi la notizia

11 ottobre 2018
OPPORTUNITA' | La Cassa Forense offre l'opportunità di poter beneficiare di tale contributo per gli acquisti effettuati nell'anno 2018.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
MIUR | Online le prime risposte alle domande frequenti sul concorso 2016 per i docenti.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2016
corte di cassazione | La sentenza della Sezione Seconda della Suprema Corte n. 20186/2016.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2018
Opportunità di lavoro | Le domande vanno inolteate per via telematica fino al 14 marzo 2018.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.