Condividi la notizia

Gazzetta Ufficiale

In vigore il Decreto che disciplina le diverse forme di contratto di lavoro

Pubblicato nella G.U n. 144 del 24 giugno scorso il D. Lgs. 15 giugno 2015, n. 81 che contiene anche la revisione della normativa in tema di mansioni.

Nella Gazzetta Ufficiale n. 144 del 24 giugno scorso, è stato pubblicato il DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81, che consta di ben 57 articoli e contiene la disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183.

Le premesse del Decreto in esame - entrato in vigore il 25 giugno 2015 - sono particolarmente significative e sottolineano il richiamo all'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183, che - allo scopo di rafforzare le opportunita' di ingresso nel mondo del lavoro da parte di coloro che sono in cerca di occupazione, nonche' di riordinare i contratti di lavoro vigenti per renderle maggiormente coerenti con le attuali esigenze del contesto occupazionale e produttivo e di rendere piu' efficiente l'attivita' ispettiva -  delega il Governo ad adottare uno o piu' decreti legislativi, di cui uno recante un testo semplificato delle discipline delle tipologie contrattuali e dei rapporti di lavoro.

Inoltre, l'articolo 1, comma 7, lettera a) della legge delega, evidenzia il criterio volto a individuare e analizzare tutte le forme contrattuali esistenti, ai fini di poterne valutare l'effettiva coerenza con il tessuto occupazionale e con il contesto produttivo nazionale e internazionale, in funzione di interventi di semplificazione, modifica o superamento delle medesime tipologie contrattuali.

Continuando, si precisa che l'articolo 1, comma 7, lettera b), reca il criterio di delega volto a promuovere, in coerenza con le indicazioni europee, il contratto a tempo indeterminato come forma comune di contratto di lavoro, rendendolo piu' conveniente, rispetto agli altri tipi di contratto, in termini di oneri diretti e indiretti.

L'articolo 1, comma 7, lettera d) della stessa legge delega, sottolinea la necessità di rafforzare gli strumenti per favorire l'alternanza tra scuola e lavoro. Ancora: l'articolo 1, comma 7, lettera e) della L. n. 183/2014, reca il criterio di delega volto a revisionare la disciplina delle mansioni, in caso di processi di riorganizzazione, ristrutturazione o conversione aziendale individuati sulla base di parametri oggettivi, contemperando l'interesse dell'impresa all'utile impiego del personale con l'interesse del lavoratore alla tutela del posto di lavoro, della professionalita' e delle condizioni di vita e economiche.

La legge delega citata prevede limiti alla modifica dell'inquadramento e precisa che la contrattazione collettiva, anche aziendale ovvero di secondo livello, stipulata con le organizzazioni sindacali dei lavoratori comparativamente piu' rappresentative sul piano nazionale a livello interconfederale o di categoria, può individuare ulteriori ipotesi.

L'articolo 1, comma 7, lettera h), si occupa del criterio di delega volto a prevedere - tenuto conto di quanto disposto dall'articolo 70 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 - la possibilita' di estendere, secondo linee coerenti con quanto disposto dalla lettera a) del predetto comma, il ricorso a prestazioni di lavoro accessorio per le attivita' lavorative discontinue e occasionali nei diversi settori produttivi, fatta salva la piena tracciabilita' dei buoni lavoro acquistati, con contestuale rideterminazione contributiva di cui all'articolo 72, comma 4, ultimo periodo, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276.

Infine - quanto alle premesse del Decreto legislativo in esame - l'articolo 1, comma 7, lettera i), tratta del criterio di delega relativo all'abrogazione di tutte le disposizioni che disciplinano le singole forme contrattuali, incompatibili con le disposizioni del testo organico semplificato, al fine di eliminare duplicazioni normative e difficolta' interpretative e applicative.

Il primo articolo del D.Lgs. del 15 giugno 2015 si occupa della c.d. “Forma contrattuale comune”, nel senso che : “Il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune di rapporto di lavoro”. L’art. 3, invece, si occupa della “Disciplina delle mansioni”.

L’articolo successivo (art. 4) chiarisce che “nel rapporto di lavoro subordinato, anche a tempo determinato, l'assunzione puo' avvenire a tempo pieno, ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66, o a tempo parziale.
L’articolo 5 tratta della “Forma e contenuti del contratto di lavoro a tempo parziale”; l’art. 8 parla della “Trasformazione del rapporto”, mentre l’art. 12 disciplina il “Lavoro a tempo parziale nelle amministrazioni pubbliche”.

L’art. 26 si occupa della “Formazione”, evidenziando che “I contratti collettivi possono prevedere modalita' e strumenti diretti ad agevolare l'accesso dei lavoratori a tempo determinato a opportunita' di formazione adeguata, per aumentarne la qualificazione, promuoverne la carriera e migliorarne la mobilita' occupazionale”.
L’articolo 36 tratta di “Diritti sindacali e garanzie collettive”, mentre dall’art. 41 in avanti viene disciplinato l’apprendistato, definito “un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione”.

L’art. 49 disciplina il lavoro accessorio; l’art. 52, il superamento del contratto a progetto; l’art. 53, il superamento dell'associazione in partecipazione con apporto di lavoro, mentre l’art. 54 tratta della “Stabilizzazione dei collaboratori coordinati e continuativi anche a progetto e di persone titolari di partita IVA”.

Come si è detto, il decreto legislativo è entrato in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella G.U, vale a dire il 25 giugno 2015.

Per saperne di più: D. Lgs. 15 giugno 2015, n. 81

Moreno Morando

(29 giugno 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 novembre 2016
ANPAL | Decontribuzione totale per assunzioni con contratto a tempo indeterminato o in apprendistato effettuate nelle regioni del sud.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2016
Ministero del Lavoro | Pronti altri 20 milioni di euro. Già attivati 5.412 contratti di lavoro di cui 2.020 contratti a tempo indeterminato e 3.392 di apprendistato professionalizzante.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2016
MIBACT | Scadenza al 19 marzo 2016 per partecipare al concorso per contratto a tempo determinato di 9 mesi.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2015
Comunicazioni obbligatorie | Il Ministero ha comunicato i primi riscontri su attivazioni e cessazioni, ricavati dal Sistema Informativo.

 
 
Condividi la notizia

4 novembre 2015
Gazzetta Ufficiale | Via libera ad incarichi con contratto a tempo indeterminato per n. 167 docenti di I e II fascia nelle istituzioni AFAM.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2015
Gazzetta Ufficiale | Assunzioni con contratto a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

25 agosto 2015
Occupazione | Il Ministero ha pubblicato la Nota con le prime evidenze ricavate dal Sistema Informativo delle Comunicazioni Obbligatorie.

 
 
Condividi la notizia

30 ottobre 2015
Giustizia Amministrativa | Il Consiglio di Stato apre la strada per l'assunzione a tempo indeterminato dei dirigenti amministrativi, tecnici e professionali con contratto a tempo determinato.

 
 
Condividi la notizia

2 gennaio 2016
Funzione Pubblica | Autorizzato il Miur ad avviare le procedure per assumere con contratto a tempo indeterminato 58.828 docenti comuni, 5.766 docenti di sostegno e 5.118 posti di potenziamento.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2014
Corte di giustizia UE | Per la Corte di giustizia UE "la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’Unione".

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
Lavoro | Italia Lavoro finanzia le imprese per assumere giovani a tempo pieno, con contratti di lavoro subordinato a tempo determinato per almeno 12 mesi o a tempo indeterminato. Scadenza 28.2.2015.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2017
Inps | Le indicazioni per favorire l'applicazione omogenea nei casi di assunzione in apprendistato professionalizzante senza limiti di età dei lavoratori beneficiari di trattamenti di mobilità o di disoccupazione.

 
 
Condividi la notizia

17 gennaio 2016
Ministero del Lavoro | Nuovi percorsi per 60 mila giovani nel prossimo biennio. Firmati i Protocolli per la sperimentazione del nuovo strumento previsto dal Jobs Act.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2016
Corte di Cassazione | Confermato il divieto, per le pubbliche amministrazioni, di trasformare il contratto di lavoro da tempo determinato ad indeterminato. Stabilita la misura dell'indennità risarcitoria di diritto e la prova per i danni ulteriori.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Osservatorio sul precariato | Pubblicati i dati del primo semestre 2015.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.