Condividi la notizia

Tribunale della UE

Concorsi: annullati i bandi che obbligavano a scegliere, come 2^ lingua, tra francese, inglese o tedesco

Accolto il ricorso di Italia e Spagna: il candidato ha il diritto di scegliere la lingua di redazione dell'atto di candidatura tra tutte le lingue ufficiali.

Il Tribunale dell’Unione Europea si è pronuciato con Sentenza nelle cause T-124/13, Italia/Commissione, e T-191/13, Spagna/Commissione, in tema di bandi di concorso che obbligano i candidati a scegliere il francese, l’inglese o il tedesco come seconda lingua e come lingua di comunicazione con l’EPSO (l’Ufficio europeo di selezione del personale.)

Nei mesi di dicembre 2012 e gennaio 2013, l’EPSO ha pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea tre bandi di concorso generale per la costituzione di elenchi di riserva a scopo di assunzioni.

I bandi esigevano che i candidati avessero una conoscenza approfondita di una prima lingua nell’ambito delle lingue ufficiali dell’Unione europea (che all’epoca erano 23), nonché una conoscenza soddisfacente di una seconda lingua, da scegliersi, a cura di ciascun candidato, tra le lingue francese, inglese o tedesca.

La seconda lingua doveva essere utilizzata per la corrispondenza tra l’EPSO e i candidati, nonché ai fini della procedura di selezione e dello svolgimento delle prove dei concorsi.

I bandi indicavano che questa restrizione era in particolare giustificata dall’interesse del servizio a che i candidati fossero immediatamente operativi e capaci di comunicare efficacemente nel loro lavoro quotidiano, laddove, in caso contrario, il funzionamento effettivo delle istituzioni rischiava di essere gravemente pregiudicato.

L’Italia e la Spagna hanno chiesto al Tribunale dell’Unione europea di annullare i bandi di concorso in questione affermando, in sostanza, che gli stessi sono discriminatori e che violano sia il regime linguistico dell’Unione, previsto dal «regolamento n. 1» del 1958 2 , sia il principio di proporzionalità.

L’Italia e la Spagna, infatti, contestano l’obbligo imposto ai candidati di scegliere il francese, l’inglese o il tedesco non soltanto come lingua di comunicazione con l’EPSO, ma anche come seconda lingua per i concorsi in questione.

Il Tribunale della UE ha annullato i bandi di concorso impugnati. Per quanto riguarda la limitazione delle lingue che possono essere utilizzate nelle comunicazioni tra i candidati e l’EPSO, l’Italia sostiene che i cittadini europei hanno il diritto di rivolgersi alle istituzioni dell’Unione utilizzando una qualunque delle 23 lingue ufficiali di quest’ultima e che essi hanno il diritto di ricevere le risposte delle istituzioni nella medesima lingua.

Di conseguenza, la limitazione in questione costituirebbe una discriminazione in danno dei cittadini la cui lingua ufficiale non sia il francese, l’inglese o il tedesco.

La Spagna aggiunge che tale limitazione conferisce, in pratica, un vantaggio competitivo a tutti i candidati che abbiano come prima lingua una delle tre lingue suddette.

Il Tribunale, con la Sentenza in esame, ha chiarito che il candidato ha il diritto di scegliere la lingua di redazione dell’atto di candidatura tra tutte le lingue ufficiali e che le comunicazioni inviate dall’EPSO devono essere redatte nella lingua scelta dal candidato.

L’utilizzazione di una delle tre lingue da parte di un candidato che avrebbe preferito comunicare con l’EPSO in un’altra lingua ufficiale non consente, contrariamente a quanto la Commissione asserisce, di garantire la chiarezza e la comprensione delle comunicazioni tra l’EPSO e i candidati.

Quanto all’obbligo per i candidati di scegliere il francese, l’inglese o il tedesco come seconda lingua per i concorsi, ilTribunale ha ricordato la giurisprudenza della Corte, secondo cui una limitazione della scelta ad un numero ristretto di lingue costituisce una discriminazione.

È infatti evidente che un obbligo siffatto consentirebbe di avvantaggiare alcuni candidati potenziali (vale a dire quelli che possiedono una conoscenza soddisfacente di almeno una delle lingue designate), in quanto costoro possono partecipare al concorso ed essere così assunti come funzionari o agenti dell’Unione, mentre gli altri, che tale conoscenza non possiedono, sono esclusi.

Il Tribunale ha anche esaminato la motivazione della limitazione di cui ai bandi impugnati, al fine di stabilire se essa possa essere giustificata.

A giudizio del Tribunale, l’affermazione secondo cui il francese, l’inglese e il tedesco restano le lingue maggiormente utilizzate, tenuto conto in particolare della prassi consolidata delle istituzioni dell’Unione per quanto riguarda le lingue di comunicazione interna, è un’affermazione vaga che non è supportata da alcun elemento concreto.

Non è possibile presumere che un funzionario neoassunto, che non conosca alcuna delle lingue veicolari o delle lingue di deliberazione di un’istituzione, non sarebbe capace di fornire immediatamente un lavoro utile nell’istituzione di cui trattasi.

Il Tribunale ha rilevato come le statistiche prodotte dalla Commissione non consentano di suffragarne le affermazioni sull’impiego delle lingue in seno alle istituzioni europee.

Per quanto riguarda le statistiche sull’apprendimento delle lingue straniere negli Stati membri dell’Unione, parimenti prodotte dalla Commissione, il Tribunale reputa che esse non escludano l’esistenza di una discriminazione.

Il Tribunale ha concluso che la Commissione non ha provato che la limitazione in questione risponda all’interesse del servizio.

A suo giudizio, l’obbligo dei candidati di scegliere il francese, l’inglese o il tedesco come seconda lingua non risulta né oggettivamente giustificato né proporzionato all’obiettivo perseguito dalla Commissione, ossia assumere funzionari e agenti immediatamente operativi.

Per saperne di più:

vai al testo della Sentenza

Fonte: Tribunale dell’Unione Europea

 

Moreno Morando

(27 settembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

15 ottobre 2018
Concorso | Scadenza per la presentazione della manifestazione di disponibilità 8 novembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

9 settembre 2015
Unione Europea | Possibile lesione degli interessi dell'Unione. Nel caso specifico, si tratta di un procedimento penale in un caso di frode grave in materia di IVA. Il giudice italiano deve, all'occorrenza, disapplicare il regime della prescrizione.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Scommesse | La Sentenza nella causa C-463/13 Stanley International Betting Ltd e a./Ministero dell'Economia e delle Finanze.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2014
Corte di giustizia UE | Per la Corte di giustizia UE "la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’Unione".

 
 
Condividi la notizia

5 gennaio 2019
Miur | il bando, la scheda del concorso e tutte le informazioni utili all’inoltro della domanda.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2018
Opportunità di lavoro | La procedura online per presentare le domande è attiva dal 20 febbraio al 22 marzo 2018. Tutti i dettagli e il link al bando all'interno dell'articolo.

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2015
opportunità di lavoro | Sulla Gazzetta Ufficiale n. 20 del 13 marzo 2015, il bando a valere sul progetto RIPAM Coesione. Le domande vanno presentate entro il 15 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

17 maggio 2021
Giustizia | In Gazzetta Ufficiale il bando.

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2015
Inps | L'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale impegnato nelle attività di welfare.

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2020
Giustizia | Scadenza per la presentazione delle domande il 17 dicembre 2020.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2016
Lavoro | Scadenza 15 dicembre 2016. Nell'articolo il bando.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2015
Unione Europea | Gli stranieri che giungono in Germania per ottenere assistenza o il cui diritto di soggiorno è giustificato solo dalla ricerca di un lavoro, sono esclusi dalle prestazioni di base.

 
 
Condividi la notizia

21 settembre 2015
Unione Europea | I Giudici hanno esaminato il caso di lavoratori senza luogo fisso di esercizio dell'attività, dopo la decisione della proprietà di chiudere gli uffici regionali.

 
 
Condividi la notizia

17 dicembre 2017
Magistratura amministrativa | Termine al 9 gennaio 2018 per la presentazione delle domande.

 
 
Condividi la notizia

25 ottobre 2016
Mipaaf | Il bando chiuderà il 22 dicembre. Le prime sei idee d'innovazione saranno premiate.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.