Condividi la notizia

Unione Europea

Corte UE: rifiutare aiuto sociale a cittadini dell'Unione non lede la parità di trattamento

Gli stranieri che giungono in Germania per ottenere assistenza o il cui diritto di soggiorno è giustificato solo dalla ricerca di un lavoro, sono esclusi dalle prestazioni di base.

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea, con un comunicato del 15 settembre 2015 - relativo alla Sentenza nella causa C-67/14 Jobcenter Berlin Neukölln / Nazifa più tre- si è occupata di un argomento di strettissima attualità, riguardante la possibilità, per uno Stato membro, di escludere da talune prestazioni sociali, di carattere non contributivo, cittadini dell’Unione che vi si recano per trovare lavoro.

Nello specifico, secondo la Corte UE, gli stranieri che giungono in Germania per ottenere un aiuto sociale o il cui diritto di soggiorno è giustificato solo dalla ricerca di un lavoro, sono esclusi dalle prestazioni dell’assicurazione di base tedesca («Grundsicherung»).

Nella sentenza Dano2, la Corte di Giustizia aveva constatato di recente che una tale esclusione è legittima per i cittadini di uno Stato membro che giungono nel territorio di un altro Stato membro, senza la volontà di trovarvi un impiego.

Nella causa in esame, la Corte federale del contenzioso sociale (Bundessozialgericht, Germania) chiede se questa esclusione sia legittima anche per quanto riguarda cittadini dell'Unione che si siano recati nel territorio di uno Stato membro ospitante per cercare lavoro e che vi abbiano già lavorato per un certo tempo, laddove tali prestazioni sono garantite ai cittadini dello Stato membro ospitante che si trovino nella stessa situazione.

La questione è sorta nell'ambito di una controversia che oppone il Jobcenter Berlin Neukölln a quattro cittadini svedesi: una signora, nata in Bosnia, e i suoi tre figli Sonita, Valentina e Valentino, nati in Germania, rispettivamente, nel 1994, nel 1998 e nel 1999.

La famiglia di cui si discute ha lasciato la Germania nel 1999 per recarsi in Svezia e vi ha fatto ritorno nel giugno 2010.

Dopo il loro rientro, la madre e sua figlia maggiore Sonita hanno svolto, sino al maggio 2011, diversi lavori di breve durata o hanno avuto solo opportunità di lavoro di durata inferiore a un anno. Da allora non hanno più svolto alcuna attività lavorativa.

Alla famiglia in questione sono state poi accordate prestazioni di assicurazione di base, durante il periodo compreso tra il 1° dicembre 2011 e il 31 maggio 2012.

Nel 2012, l’autorità competente (Jobcenter Berlin Neukölln) ha infine cessato il pagamento delle prestazioni, ritenendo che la sig.ra e la sua figlia maggiore fossero escluse dal beneficio degli assegni di cui trattasi, in quanto persone in cerca di lavoro straniere, il cui diritto di soggiorno era giustificato unicamente dalla ricerca di un lavoro. Di conseguenza, l’autorità ha escluso anche gli altri figli dai rispettivi assegni.

In risposta alle domande del giudice tedesco, con la Sentenza in esame, la Corte dichiara che il fatto di rifiutare ai cittadini dell'Unione, il cui diritto di soggiorno nel territorio di uno Stato membro ospitante è giustificato unicamente dalla ricerca di un lavoro, il beneficio di talune «prestazioni speciali in denaro di carattere non contributivo», le quali sono altresì costitutive di una «prestazione d’assistenza sociale», non è contrario al principio della parità di trattamento.

Si evidenzia come la Corte sottolinei che uno Stato membro, prima di adottare una misura di allontanamento o di stabilire che una persona costituisce un onere eccessivo per il sistema di assistenza sociale nell’ambito del suo soggiorno, deve prendere in conto la situazione individuale della persona interessata.

Tuttavia, la Corte di Giustizia UE evidenzia che, in un caso come quello di cui trattasi nella fattispecie, un siffatto esame individuale non è necessario, poiché il sistema graduale di mantenimento dello status di lavoratore previsto nella direttiva sulla cittadinanza dell’Unione (sistema che mira a tutelare il diritto di soggiorno e l’accesso alle prestazioni sociali) prende esso stesso in considerazione diversi fattori che caratterizzano la situazione individuale del richiedente una prestazione sociale.

Inoltre, essa precisa che la questione se la concessione delle prestazioni sociali rappresenti un «onere eccessivo» per uno Stato membro va valutata a fronte della somma di tutte le domande individuali presentate.

Per saperne di più: vai al testo integrale della Sentenza

Fonte: Corte di Giustizia UE

 

Moreno Morando

(18 settembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 settembre 2015
Unione Europea | Possibile lesione degli interessi dell'Unione. Nel caso specifico, si tratta di un procedimento penale in un caso di frode grave in materia di IVA. Il giudice italiano deve, all'occorrenza, disapplicare il regime della prescrizione.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Scommesse | La Sentenza nella causa C-463/13 Stanley International Betting Ltd e a./Ministero dell'Economia e delle Finanze.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2014
Corte di giustizia UE | Per la Corte di giustizia UE "la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’Unione".

 
 
Condividi la notizia

21 settembre 2015
Unione Europea | I Giudici hanno esaminato il caso di lavoratori senza luogo fisso di esercizio dell'attività, dopo la decisione della proprietà di chiudere gli uffici regionali.

 
 
Condividi la notizia

27 settembre 2015
Tribunale della UE | Accolto il ricorso di Italia e Spagna: il candidato ha il diritto di scegliere la lingua di redazione dell'atto di candidatura tra tutte le lingue ufficiali.

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
Corte di giustizia UE | I principi stabiliti nella sentenza nella causa C-573/13 Air Berlin / Bundesverband der Verbraucherzentralen und Verbraucherverbände.

 
 
Condividi la notizia

24 luglio 2014
Accesso alla professione di avvocato | Importante sentenza giunge dall'Europa che chiude il fervente dibattito italiano sulla possibilità di ottenere l'abilitazione in un'altro Paese.

 
 
Condividi la notizia

4 gennaio 2015
Unione Europea | Nessun principio generale del diritto dell'Unione vieta discriminazioni fondate sull'obesità, tuttavia questa rientra nella nozione di "handicap" se impedisce, a talune condizioni, la piena ed effettiva partecipazione della persona alla vita professionale su base di uguaglianza con gli altri lavoratori. La sentenza UE.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2015
Tribunale dell'Unione Europea | Per i giudici UE, la divulgazione dei documenti scambiati tra la Commissione e le autorità nazionali garanti della concorrenza potrebbe arrecare pregiudizio.

 
 
Condividi la notizia

7 ottobre 2015
Unione Europea | Dichiarata invalida la decisione della Commissione Europea che aveva attestato che gli Stati Uniti garantiscono un adeguato livello di protezione.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2015
Tribunale UE | Il danno patito nel 2012 dai detentori di titoli di credito greci nel quadro della ristrutturazione del debito pubblico dello Stato ellenico non è imputabile alla Banca Centrale Europea.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2015
Lavoro | Il caso riguarda la risoluzione di un contratto, in seguito al rifiuto da parte del lavoratore di acconsentire a una modifica unilaterale e sostanziale, a suo svantaggio.

 
 
Condividi la notizia

24 novembre 2015
Corte di Giustizia UE | Il diritto dell'Unione non osta all'esclusione di un offerente che si rifiuti di pagare una retribuzione minima prefissata al personale impiegato.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.