Condividi la notizia

Fiscalità

TARSU: no all'esenzioni per gli alberghi chiusi per alcuni mesi l'anno se manca la prova dell'inutilizzabilità

I principi sanciti dalla Quinta Sezione della Corte di Cassazione nella sentenza del 9 novembre 2016.

In primo e secondo grado, la Commissione Tributaria dava ragione all'albergatore che riteneva di non dover pagare la Tarsu per il periodo di chiusura stagionale affermando la carenza del presupposto impositivo, ai sensi dell'art. 62, comma 2, D.Igs 507/93 che espressamente dichiara non soggetti a tassazione i locali e le aree risultanti in oggettive condizioni di inutilizzabilità.

La Corte di Cassazione, Sezione Quarta, con la sentenza pubblicata il 9 novembre 2011 ha accolto il ricorso del Comune annullando senza rinvio la sentenza impugnata e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di merito, ha direttamente rigettato l'originario ricorso introduttivo.

In particolare, chiarisce la Corte che in tema di raccolta di rifiuti solidi urbani, il D.Lgs. n. 507 del 1993 contempla, all'art. 66 dei temperamenti dell'imposizione per le situazioni che obiettivamente possono comportare una minore utilizzazione del servizio, come nel caso dell'uso stagionale, previsto dalla lett. b) del comma 3 di tale disposizione.

La tassa in questione è dovuta - in forza del disposto del D.Lgs. n. 507 del 1993, art. 62, comma 1 - per effetto dell'occupazione o della detenzione di locali ed aree scoperte, a qualsiasi uso adibite, fatta eccezione:
a) per le aree scoperte pertinenziali o accessorie ad abitazioni;
b) per i locali e le aree che, per la loro natura o il particolare uso cui sono stabilmente destinate, o perché risultino in obiettive condizioni di non utilizzabilità, non possono produrre rifiuti.

Tali esclusioni non sono, peraltro automatiche, giacché la norma succitata dispone altresì che le circostanze escludenti la produttività e la tassabilità debbano essere dedotte dal contribuente o nella denuncia originaria o in quella in variazione, ed essere debitamente riscontrate in base ad elementi obiettivi rilevabili direttamente, o a mezzo di idonea documentazione.

Sulla base di quanto sopra evidenziato, la Corte di Cassazione ha affermato l'erroneità della decisione impugnata, laddove ha ritenuto di concedere alla contribuente l'esenzione dalla TARSU - per i mesi da novembre a marzo - sulla base della sola circostanza, presunta nota all'ente impositore, che l'attività alberghiera della contribuente era espletata esclusivamente nei mesi da aprile ad ottobre. Tale unica circostanza è stata - per vero - valorizzata dal giudice di appello e posta a fondamento esclusivo della decisione, senza che la società intimata si fosse premurata di adempiere l'onere di comprovare la spettanza di tale esenzione, alla stregua degli elementi formali suindicati.

Ad avviso della Corte, la mancata utilizzazione della struttura alberghiera in questione per alcuni mesi dell'anno di per sè non può corrispondere alla previsione di esenzione dal tributo in quanto non sono condizioni di "obiettiva" impossibilità di utilizzo dell'immobile, la mancata utilizzazione dello stesso legata alla volontà o alle esigenze del tutto soggettive dell'utente e neppure al mancato utilizzo di fatto del locale o dell'area.

Peraltro nella vicenda concreta proprio al fine di di evitare incertezze applicative, il regolamento comunale prevede che ove resti funzionante l'erogazione di acqua e luce, la tassa sia comunque dovuta anche perché l'immobile ben potrebbe essere utilizzato per esigenze proprie del gestore e del personale.

Quindi, se la struttura è dotata di licenza annuale non è sufficiente la sola denuncia di chiusura invernale senza allegazione e prova della concreta inutilizzabilità della struttura, potendo richiedere la società, a tal fine, la licenza stagionale. La tassa è quindi, dovuta ove sussista la obiettiva possibilità di usufruire del servizio a prescindere dalla fruizione essendo il presupposto del tributo costituito dalla occupazione o conduzione di locali a qualsiasi uso adibiti, con i limiti giù evidenziati che non ricorrono nella fattispecie.

Fonte: Corte di Cassazione

Enrico Michetti

 

 

Per acquisire il testo integrale della sentenza e navigare nel data base G.A.R.I. chiamare la Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana al tel. 06.3242351-06.3242354

La Direzione

(16 novembre 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

6 maggio 2015
In Evidenza | Accolta la tesi di Enrico Michetti, avvocato per il Comune di Ciampino. Gli Enti Locali possono agire direttamente contro Equitalia, grazie ad un Regio Decreto del 1933, per inadempienze nella riscossione dei tributi comunali.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2016
Corte di Cassazione | I rifiuti speciali e la determinazione della superficie tassabile nei principi sanciti nell'ordinanza n. 14675 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Tributi locali | I principi sanciti nella sentenza n. 13997 pubblicata l'8 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi giurisprudenziali ribaditi nella sentenza del TAR Reggio Calabria del 8.4.2016 n. 392.

 
 
Condividi la notizia

15 dicembre 2016
Corte di Cassazione | L'Amministrazione non può produrre successivamente nuovi documenti ad integrazione della motivazione. La sentenza della Quinta Sezione del 14.12.2016.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2016
Dipartimento delle Finanze | La regola della sospensione dell'efficacia per il contenimento della pressione fiscale nella Risoluzione n. 2/DF del 22 marzo 2016.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2016
Tributi locali | La determinazione della base imponibile. ll principio ribadito dalla Sesta Sezione della Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 14676 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2015
Poesia di agosto | di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2015
Argentina | Poesia di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2016
Occupazione | Si pubblicano i nuovi bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi sanciti nell'ordinanza della Sesta Sezione della Suprema Corte n. 11449/2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
Consiglio di Stato | La scelta della percentuale di imposta nel limite stabilito dalla legge e l’adempimento del comune nell’iter procedimentale del bilancio chiariti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.