Condividi la notizia

Inps

Assegno di natalità: niente pagamento senza la Dichiarazione Sostitutiva Unica

Entro il 31.12.2016 chi ha presentato domanda di assegno per il 2015 deve presentare la DSU. Il messaggio n. 4255 del 21.10.2016

A partire dall’anno 2015, l’Inps gestisce le domande di assegno di natalità (art. 1 comme da 125 a 129 della Lege n. 190/2014) e provvede al pagamento delle singole mensilità in favore dei soggetti aventi diritto. Le prime istruzioni di dettaglio sono state fornite con circolare Inps n. 93 dell’8 maggio 2015.

Con il messaggio n. 4255 del 21.10.2016 l'istituto rileva che da una verifica nella procedura di gestione delle domande di assegno, è risultato che molti utenti, che hanno presentato domanda di assegno nel corso del 2015, non hanno ancora provveduto per l’anno in corso alla presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), utile al rilascio dell’ISEE per l’anno 2016, così come indicato nella suddetta circolare. Ciò ha comportato per i predetti utenti, la sospensione dell’erogazione dell’assegno per le mensilità dell’anno 2016.

Pertanto, affinché l’Istituto possa riprendere il pagamento delle predette mensilità, ferma restando la permanenza dei requisiti di legge, è necessario che gli utenti che hanno presentato domanda di assegno nel 2015, presentino la Dichiarazione Sostitutiva Unica per l’anno in corso entro e non oltre il prossimo 31 dicembre 2016. Questo adempimento è necessario ai fini dell’ISEE 2016.

La sussistenza di un ISEE in corso di validità nei singoli anni di concessione del beneficio, è un requisito di legge previsto non solo per l’accoglimento delle domande nel primo anno di spettanza della prestazione, ma anche per la prosecuzione del beneficio negli anni successivi al primo. Per tale ragione, il requisito dell’ISEE, unitamente agli altri requisiti di legge, viene verificato annualmente sia per la spettanza del diritto sia per la misura dello stesso.

La mancata presentazione della DSU entro il 31 dicembre 2016, avrà come conseguenza non solo la perdita delle mensilità per l’anno 2016 ma anche la decadenza della domanda di assegno presentata a suo tempo nell’anno 2015. Al verificarsi di questa eventualità, l’utente che abbia i requisiti di legge per accedere al beneficio in questione potrà presentare una nuova domanda di assegno nel 2017 ma le mensilità spetteranno a partire dal mese di presentazione della nuova domanda senza possibilità di recuperare le mensilità dell’anno 2016.

L'Inps a titolo esemplificativo riporta le seguenti casistiche.

 


Nascita del figlio avvenuta a maggio 2015. Si ipotizza che l’utente abbia presentato la DSU a giugno 2015 e la domanda di assegno a luglio 2015 (la DSU presentata a giugno è valida se nel nucleo è presente il figlio per il quale è richiesto l’assegno; diversamente, la DSU va nuovamente presentata). L’utente, in presenza di tutti i requisiti di legge, percepisce l’assegno fino a dicembre 2015.

 

L’utente non ha ancora presentato la DSU per il 2016 e quindi l’Istituto ha sospeso l’erogazione delle mensilità di assegno relative all’anno 2016. Sono prospettabili due casi esemplificativi.

 

Caso 1 – l’utente presenta la DSU entro il 31 dicembre 2016: la domanda sospesa viene riattivata e quindi riprende l’erogazione dell’assegno dal mese successivo alla presentazione della DSU, con pagamento anche delle mensilità 2016 arretrate. La DSU presentata entro dicembre 2016 ha validità fino al 15 gennaio 2017 e consente l’erogazione dell’assegno per le mensilità dell’anno 2016. 

 

Caso 2 – l’utente non presenta la DSU entro il 31 dicembre 2016: la domanda di assegno presentata a suo tempo nel 2015 decade e le mensilità dell’anno 2016 non possono più essere corrisposte. In questo caso l’utente potrà presentare una nuova domanda nell’anno 2017; tale nuova domanda consentirà, in presenza dei requisiti di legge, il pagamento dell’assegno nell’anno 2017, a decorrere dal mese di presentazione della domanda stessa, ma non consentirà comunque il recupero delle mensilità dell’anno 2016.


 In generale, le DSU hanno validità fino al 15 gennaio dell’anno successivo a quello in cui sono presentate. Pertanto, benché la domanda di assegno si presenti di regola una sola volta, solitamente nell’anno di nascita o di adozione del figlio, è necessario tuttavia che il beneficiario dell’assegno, per ciascun anno di spettanza del beneficio, rinnovi la DSU ai fini della verifica annuale dell’ISEE.

Tutti gli aventi diritto all’assegno nell’anno 2017, inclusi quelli che avranno presentato la DSU nei prossimi giorni del 2016 (al limite entro dicembre 2016), pertanto, dal 1° gennaio 2017 sono invitati a presentare tempestivamente una nuova DSU, in modo da consentire all’Inps di verificare la permanenza dei requisiti di legge e, di conseguenza, la puntuale e continua erogazione delle mensilità di assegno a loro spettanti per l’anno 2017.

La Direzione

(23 ottobre 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 gennaio 2017
Previdenza | Attestazione ISEE, aggiornamenti procedurali, comunicazione Iban e variazioni nel messaggio n. 261/2017.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2015
sostegno alle famiglie | Ulteriore intervento dell'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale sulla procedura di gestione delle domande.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Assegno di natalità | L'assegno può essere concesso a vantaggio di uno stesso nucleo familiare e per lo stesso figlio per un massimo di 36 mensilità.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2015
Inps | Assegnazione di 800 contributi di importo pari a Euro 500,00 ciascuno, a sostegno delle famiglie che abbiano avuto un bambino nato nel 2014.

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2015
Legge di stabilità | I requisiti, gli importi, le modalità di presentazione della domanda ed esempi pratici nella circolare Inps n. 93 dell'8.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

12 aprile 2015
Politiche sociali | Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che prevede un incentivo economico alla natalità annuo per ogni di figlio di 960 euro o di 1.920 euro.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2014
Welfare | 300 euro mensili, per 6 mesi alle mamme lavoratrici che "rinunciano" al congedo parentale facoltativo, successivo al congedo obbligatorio. Questo il contributo per il quale tarda l'emissione del bando 2014 che assegna i fondi.

 
 
Condividi la notizia

27 gennaio 2015
Previdenza | Stipulata una convenzione tra Inps e Centri di assistenza fiscale per l'attività relativa alla certificazione ISEE per l'anno 2015.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2017
Inps | I termini con le indicazioni sulle corrette certificazioni da allegare alla domanda.

 
 
Condividi la notizia

31 dicembre 2015
Ministero del Lavoro | Pubblicato il decreto direttoriale di approvazione del nuovo modello DSU e le relative istruzioni per la compilazione.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2014
Inps | Congedi per i papà, riposi per allattamento, voucher baby sitting – asili nido e tutti gli altri benefici previsti dalla legge a favore dei lavoratori e lavoratrici

 
 
Condividi la notizia

24 febbraio 2015
Bella Italia - Arte | La Nascita di Venere è un dipinto a tempera su tela di lino (172 cm × 278 cm) di Sandro Botticelli, databile al 1482-1485 circa. Realizzata per la villa medicea di Castello, l'opera d'arte è attualmente conservata nella Galleria degli Uffizi a Firenze.

 
 
Condividi la notizia

3 gennaio 2016
INPS | L'Istituto chiarisce le principali modifiche ed integrazioni alla modulistica e alle istruzioni nel messaggio n. 7665.

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2015
Assistenza | Il Ministero del Lavoro e l’Inps hanno aggiornato le FAQ

 
 
Condividi la notizia

16 aprile 2016
Previdenza | Emanata la circolare INPS n. 65/2016 per benefici alle donne vittime di violenze

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.