Condividi la notizia

TAR CALABRIA

L'inconferibilità dell'incarico dirigenziale ad un politico

Un singolare (ma anche scolastico) caso di applicazione della normativa sull'anticorruzione.

Un Comune calabrese, con funzione di stazione appaltante della procedura per l’affidamento del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale, ha impugnato gli atti con i quali la Regione, esercitando il potere sostitutivo, ha nominato un Commissario ad acta, con funzioni di avvio delle procedure di gara relative all’ambito territoriale.

Tra le altre censure l’Amministrazione comunale, dopo aver evidenziato il proprio interesse a ricorrere, ha dedotto la nullità della nomina citata  in quanto il Commissario risulta essere Consigliere eletto di un Comune calabrese con una popolazione residente superiore a 15.000 abitanti.

Il TAR Calabria, I Sez., con sentenza n. 1454 del 30 luglio 2018, ha accolto il ricorso.

Ed invero, giusta il disposto di cui all’art. 7 comma 2 del D.l.vo n. 39 dell’8 aprile 2013 gli incarichi dirigenziali presso le Amministrazioni di cui alla lettera a) del medesimo comma, e, quindi, quelli presso le “Amministrazioni di una provincia, di un Comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti o di una forma associativa tra comuni avente la medesima popolazionenon possono essere conferiti (anche) “a coloro che, nell’anno precedente, abbiano fatto parte della Giunta o del Consiglio di una Provincia, di un Comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti […] nella stessa Regione dell’Amministrazione locale che conferisce l’incarico”.

La ratio di tale disposizione normativa, hanno ricordato i giudici amministrativi, risiede nell’esigenza di mantenere, anche all’interno del territorio della medesima Regione, una netta separazione tra gli incarichi di natura politica, involgenti l’attività di indirizzo politico-amministrativo, e quelli prettamente gestionali, propri degli incarichi dirigenziali, ove svolti nell’ambito di Enti di un certo rilievo e, quindi, di maggior peso, ciò al fine di prevenire e contrastare fenomeni corruttivi e conflitti di interesse, salvaguardando l’esercizio imparziale delle funzioni pubbliche.

Ed invero la finalità perseguita dal legislatore delegato è stata quella di scongiurare, tramite la formulazione di un giudizio prognostico ex ante, che lo svolgimento di determinati incarichi e/o funzioni, individuati nel rispetto dei criteri posti dalla legge di delega (L. n. 190/2012) potesse agevolare la precostituzione di situazioni favorevoli in vista del successivo conferimento di incarichi dirigenziali e assimilati e, di conseguenza, potesse comportare il rischio di un accordo corruttivo per conseguire il vantaggio in maniera illecita.

La disciplina delle nuove incompatibilità ed inconferibilità corre, appunto, lungo la linea della distinzione tra funzione di indirizzo politico e funzione di gestione e corrisponde ad una scelta in qualche modo necessitata, nel senso tracciato dalla giurisprudenza costituzionale, che ha più volte affermato il divieto di cumulo di più cariche politiche quando possa ripercuotersi negativamente sulla efficienza e l'imparzialità delle funzioni, per cui un analogo divieto diviene necessario anche nel caso in cui la minaccia per l'imparzialità venga dal coesercizio di funzioni di indirizzo politico e di funzioni di amministrazione.

Trattasi, quindi, di una misura generale a carattere preventivo, volta ad evitare potenziali forme di conflitto d’interesse che possono crearsi fra controllore (organo politico) e controllato (amministrazione o società controllata), al fine di evitare che fra tali soggetti possa configurarsi una eccessiva contiguità, che impedisca o renda assai difficoltoso il raggiungimento degli obiettivi dell’efficienza e dell’efficacia dell’azione amministrativa, che costituiscono il cardine dell’organizzazione e dell’attività della Pubblica amministrazione (contemplati dall’art. 97 della Costituzione e dall’art. 1 della L. n. 241/1990).

La disposizione assolve, dunque, allo scopo di evitare che un soggetto approfitti della propria posizione per ottenere un’altra carica e di garantire la massima imparzialità e l’assenza di una situazione, anche potenziale, di conflitto di interesse in capo a coloro che ricoprono o saranno chiamati a ricoprire incarichi amministrativi.

L'inconferibilità comporta, così, un'esclusione dal conferimento dell'incarico non permanente, ma solo temporanea. La legge in tal modo intende impedire che un soggetto, che si trovi in una posizione tale da comprometterne l'imparzialità, acceda all'incarico senza soluzione di continuità; perché egli possa accedere all’incarico nella P.A. è necessario, quindi, un congruo periodo di “raffreddamento”, che garantisca la condizione di imparzialità all'incarico.

 

Rodolfo Murra

(31 luglio 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 aprile 2018
TAR CALABRIA | Le circostanze di fatto che consentono la decadenza vanno interpretate restrittivamente e con estremo rigore.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2015
Legge Severino | L'Anticorruzione guidata da Cantone ha deciso di effettuare una segnalazione contenente proposte di modifica alla normativa in materia di incarichi amministrativi.

 
 
Condividi la notizia

21 maggio 2015
Anticorruzione | Nulli i contratti adottati in violazione del d.lgs. n. 39/2013. Blocco per tre mesi degli incarichi.

 
 
Condividi la notizia

15 ottobre 2015
Anticorruzione | L'Autorità ha formulato alcune proposte di modifica, a seguito delle antinomie riscontrate nella normativa in vigore.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2015
A.N.AC. | L'Autorità ha inviato a Governo e Parlamento l'Atto di Segnalazione n. 5/2015, a norma della Legge n. 190 del 2012.

 
 
Condividi la notizia

20 agosto 2016
Anticorruzione | Il provvedimento dell'Anac sugli accertamenti del responsabile della corruzione e prevenzione, vigilanza ed accertamento.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
ANAC | Pubblicato il lavoro finale della Commissione di Studio che riguarda le PA e gli enti privati in controllo pubblico.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
Condividi la notizia

11 novembre 2015
Funzione Pubblica | L'intervento a seguito delle modifiche in materia di conferimento di incarichi e cariche in organi di governo a soggetti già lavoratori privati o pubblici collocati in quiescenza.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2017
Anac | La regolamentazione del procedimento di vigilanza in Consultazione on line dal 17 febbraio 2017. Invio contributi entro il 3 marzo 2017.

 
 
Condividi la notizia

13 novembre 2016
Appalti | L'Autorità Nazionale Anticorruzione ha approvato il documento contenente la disciplina di maggior dettaglio.

 
 
Condividi la notizia

18 novembre 2014
Anticorruzione | Il regime delle inconferibilità di cui all’art. 3 del d.lgs. n. 39/2013 non si estende anche alle ipotesi di reati commessi nella forma del tentativo.

 
 
Condividi la notizia

21 maggio 2018
Consiglio di Stato | Non sussiste una preclusione assoluta e di principio alla nomina.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2015
Servizi Pubblici Locali | L'orientamento dell'Autorità Nazionale Anticorruzione n. 13 del 24.4.2015

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2014
Anticorruzione e Trasparenza | L'Autorità Nazionale Anticorruzione concede più tempo agli ordini ed ai collegi professionali per adempiere agli obblighi Anticorruzione, trasparenza, inconferibilitá ed incompatibilità degli incarichi.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.