Condividi la notizia

TAR CALABRIA

Consigliere comunale: la decadenza dalla carica per assenza alle sedute

Le circostanze di fatto che consentono la decadenza vanno interpretate restrittivamente e con estremo rigore.

Un Consigliere di un Comune calabrese ha impugnato davanti al TAR la delibera dell’Ente con la quale lo dichiarava decaduto dalla carica, ex art 43 TUEL (oltre che per disposizione Statutaria) per mancata partecipazione alle sedute; con atto successivo si procedeva alla surroga con altro Consigliere.

Il ricorrente, a fronte della motivazione del provvedimento di tardività della documentazione medica prodotta a giustificazione delle singole assenze, di produzione di certificati in copia, considerati generici per patologia ed in due casi posteriori all’assenza, lamentava vizi di violazione di legge e di eccesso di potere (per carenza di istruttoria, contraddittorietà e sviamento e violazione dei principi di buona fede, ragionevolezza, dell’affidamento e del contraddittorio e proporzionalità).

Il Tar adito (Catanzaro, I Sez.), dopo aver affermato la giurisdizione del giudice amministrativo, con sentenza del 20 aprile 2018, ha accolto il ricorso, annullando i provvedimenti gravati.

E’ stato in linea di principio ribadito che la decadenza dalla carica di Consigliere comunale costituisce una limitazione all’esercizio di un munus publicum, sicché la valutazione delle circostanze cui è conseguente la decadenza vanno interpretate restrittivamente e con estremo rigore. Dunque, il carattere sanzionatorio del provvedimento, destinato ad incidere su una carica elettiva, impone la massima attenzione agli aspetti garantistici della procedura, anche per evitare un uso distorto dell’istituto come strumento di discriminazione nei confronti delle minoranze.

Secondo i giudici calabresi, più specificamente, nessuna norma stabilisce che le assenze per mancato intervento dei consiglieri dalle sedute del Consiglio comunale debbano essere giustificate preventivamente di volta in volta, potendo pertanto essere fornite successivamente, anche dopo la notificazione all’interessato della proposta di decadenza, ferma restando l’ampia facoltà di apprezzamento del Consiglio comunale in ordine alla fondatezza e serietà ed alla rilevanza delle circostanze addotte a giustificazione delle assenze: invero, per quanto riguarda propriamente la giustificabilità delle assenze dalle sedute del Consiglio comunale, esse possono dar luogo a revoca quando mostrano con ragionevole deduzione un atteggiamento di disinteresse per motivi futili o inadeguati rispetto agli impegni con l’incarico pubblico elettivo.

Ciò premesso il TAR ha osservato che era illegittimo il regolamento comunale applicato nella specie che, nel pretendere la giustificazione anticipata, violava la norma statutaria e costituzionale la quale si “accontenta”, invece, di giustificazioni postume.

Fondato poi è apparso anche il motivo di ricorso (di violazione dell’art 2719 c.c., di difetto di istruttoria e di irragionevolezza) relativo alla illegittimità dell’atto autoritativo nella parte in cui ha ritenuto insufficiente le copie dei certificati medici senza richiedere gli originali: di certo l’Amministrazione comunale, la quale non ha mosso specifiche contestazioni in ordine alle copie, in procedimento sanzionatorio involgente situazione soggettiva tutelata costituzionalmente avrebbe infatti dovuto richiedere il deposito degli originali.

Ma sono state ritenute fondate anche le doglianze di illegittimità per eccesso di potere della decadenza in punto di affermata incertezza, genericità dei certificati medici, due dei quali postumi, atteso che è risultato, nell’istruttoria espletata, che tutti i certificati, emessi da medico di base anche specializzato, riportavano la diagnosi ed il necessario periodo di riposo e ciascuno costituiva atto fidefaciente sino a querela di falso.

Fonte: Massimario G.A.R.I.

Rodolfo Murra

(30 aprile 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2015
Servizi Pubblici Locali | L'orientamento dell'Autorità Nazionale Anticorruzione n. 13 del 24.4.2015

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2015
Condono edilizio | La sentenza del TAR Potenza del 13.6.2015 sull'interpretazione della Legge n. 326/2003 alla luce della Legge regionale n. 18/2014.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
Consiglio di Stato | La scelta della percentuale di imposta nel limite stabilito dalla legge e l’adempimento del comune nell’iter procedimentale del bilancio chiariti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
TUEL | La risposta nella sentenza della Sezione Seconda del TAR Napoli.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2018
Corte dei Conti | Confermata in appello la tesi del Prof. Enrico Michetti, difensore del comune. Gli Enti Locali possono agire direttamente contro Equitalia grazie ad un Regio Decreto del 1933.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Consiglio di Stato | Parita' di armi nel processo. Il diniego di ostensione diventa quasi una confessione. I principi sanciti nella sentenza del 23 marzo 2015.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2018
Sezioni Unite | La Cassazione regola la contestata giurisdizione escludendo il TAR.

 
 
Condividi la notizia

9 ottobre 2016
Corte di Cassazione | La sentenza della Terza Sezione n. 19993 del 6.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

15 dicembre 2016
Corte di Cassazione | L'Amministrazione non può produrre successivamente nuovi documenti ad integrazione della motivazione. La sentenza della Quinta Sezione del 14.12.2016.

 
 
Condividi la notizia

6 febbraio 2015
Abusi edilizi | Il Comune, prima di pronunciarsi sulla domanda e solo all'esito negativo, può applicare le sanzioni previste per l'abuso edilizio. La sentenza del TAR Lazio, Sez. II bis del 6.2.2015.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Giustizia amministrativa | I nuovi strumenti di rilevamento non sono sufficienti per la decadenza dal permesso di costruire. La sentenza del TAR Campania del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

2 gennaio 2015
Corte dei Conti | Legittima la stipulazione in assenza di oneri a carico del Comune (che rimane proprietario dell'immobile) ed in presenza di un interesse pubblico, per ragioni di sicurezza, al mantenimento sul territorio della caserma.

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2015
Agenzia delle Entrate | Gli atti con i quali il Comune intende cedere, agli assegnatari degli alloggi, l'area inclusa nel piano di zona consortile sono soggetti all'imposta di registro in misura fissa ed esenzione dalle imposte ipotecaria e catastale.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
No a rimesse ballerine | Il Tar del Lazio si pronuncia sulla necessità di preservare la dimensione locale del servizio.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.