Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Equitalia condannata per aver negato l'accesso alle cartelle di pagamento

Illegittimo il silenzio-rifiuto sulla richiesta di accesso alle copie perché impedisce al contribuente quelle verifiche che evitano contenziosi in ipotesi di effettiva e regolare notifica della cartella.

Giornata nera per Equitalia che e' stata condannata oggi per ben due volte dal Consiglio di Stato.

Impedire al contribuente, anche solo con il silenzio-rifiuto, di ottenere copie delle cartelle di pagamento e delle relazioni di notificazione dei ruoli equivale ad impedirgli di effettuare quella verifica preliminare che consente di evitare inutili contenziosi in ipotesi di effettiva e regolare notifica della cartella. Questo il principio espresso dal Consiglio di Stato nella prima sentenza n. 4210 depositata in data odierna con la quale e' stata annullata la decisione del TAR che aveva ritenuto inammissibile la richiesta di accesso formulata da una società alla concessionaria Equitalia ed all’Amministrazione Finanziaria centrale e periferica per ottenete le cartelle di pagamento ed le rispettive relazioni di notificazione. 

Il TAR, infatti, non avrebbe tenuto conto della circostanza che in strutture imprenditoriali complesse possa in una stragrande maggioranza dei casi (e soprattutto quando si tratti di atti asseritamente recapitati in epoca risalente) essere particolarmente disagevole, per non dire impossibile, accertare il presupposto di fondo riposante nella effettività del detto recapito.

In simile situazione, è perfettamente logico che il destinatario di una intimazione chieda contezza di tale circostanza, rivolgendosi ai soggetti che, sulla base di tale presupposto, hanno intrapreso un’azione esecutiva nei propri confronti o stiano per intraprenderla.

Nella sentenza peraltro viene precisato, richiamandosi a principi già enunciati, come “la cartella di pagamento" e l' "estratto cartella" stampigliato come "copia conforme dell'estratto di ruolo", siano documenti diversi e, quindi, la consegna di quest'ultimo non può soddisfare la richiesta del contribuente.

Nella stessa giornata di oggi, inoltre, come anticipato in premessa, con sentenza n. 4209/2014 il Consiglio di Stato ha condannato Equitalia in una fattispecie analoga precisando che: "D’altro canto è ben noto che Equitalia (comma 4 dell'art. 26 D.P.R. n. 602 del 1973 ) deve conservare la relata e la cartella solo per 5 anni, ma la detta disposizione tributaria stabilisce che “il concessionario (119) deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notificazione o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione”: non si vede pertanto per qual ragione si dovrebbe negare al destinatario della intimazione il diritto ad accedere alla detta documentazione richiesta (ove ovviamente, come incontestato nel caso di specie, facente riferimento all’arco temporale quinquennale suindicato)."

I giudici di Palazzo Spada hanno, quindi, ordinato ad Equitalia in endrambe le sentenze di rilasciare copia della documentazione richiesta condannandola al pagamento delle spese del doppio grado di giudizio in favore del contribuente.

Enrico Michetti 

La Direzione

(6 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

13 aprile 2015
Giustizia Amministrativa | I principi sanciti nella sentenza del TAR Friuli Venezia Giulia del 10.4.2015 n. 176.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2015
Giustizia Amministrativa | Acquista valenza di documento e non è corrispondenza privata l'e-mail inviata al Presidente di un'Ente se il Presidente ha poi provveduto a rendere edotti gli uffici dell'amministrazione dell'esistenza di tale informativa.

 
 
Condividi la notizia

8 aprile 2016
Spese rappresentanza | Il TAR contempera il diritto di accesso di due consiglieri comunali - che hanno presentato istanza per ottenere tutte le spese sostenute dall'ex Sindaco - con le esigenze di non aggravamento dell'apparato amministrativo. Necessaria l'indicazione di quali tipo di spese assoggettare a richiesta.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2015
Giustizia Amministrativa | Decorso tale termine la parte, se ha ancora interesse ad ottenere una pronuncia dall'Amministrazione, può presentare una nuova istanza e impugnare tempestivamente il nuovo silenzio inadempimento formatosi.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
Giustizia amministrativa | Non è sufficiente il deposito in semplice copia degli estratti di ruolo, agli atti del fascicolo di causa, perché vanno esibiti gli atti in copia integrale e conforme all'originale. I principi ribaditi nella sentenza del TAR Campania, Sez. I del 9.2.2015, n. 308.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2015
Motivazione | I principi stabiliti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 20 marzo 2015. E' sufficiente che l'atto sia acquisibile utilizzando il procedimento di accesso ai documenti.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

22 marzo 2015
Pubblica Amministrazione | Per il TAR Lazio, dinanzi ad una mera istanza di riesame, non c'e' l'obbligo per la P.A. di concludere il procedimento e, quindi, non si configura alcun silenzio rifiuto.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Fisco | "Equitalia Servizi di riscossione SpA" dal 1 luglio ha sostituito Equitalia Nord, Sud e Centro.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Lotta all'evasione | Rinnovata la convenzione tra Equitalia e fiamme gialle. Accertamenti per debiti erariali sopra i 100.000 euro

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2016
Riscossione | La procedura per accedere alla definizione agevolata. Dopo la presentazione della domanda entro il 24 aprile 2017 Equitalia comunicherà al contribuente l'ammontare complessivo delle somme dovute.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2014
Equitalia | La rateizzazione si conferma lo strumento più utilizzato dai contribuenti per pagare le cartelle.

 
 
Condividi la notizia

6 maggio 2015
In Evidenza | Accolta la tesi di Enrico Michetti, avvocato per il Comune di Ciampino. Gli Enti Locali possono agire direttamente contro Equitalia, grazie ad un Regio Decreto del 1933, per inadempienze nella riscossione dei tributi comunali.

 
 
Condividi la notizia

21 maggio 2017
Lavoro | Istituzione di un elenco per l'affidamento di incarichi. Domande entro il 27 giugno 2017.

 
 
Condividi la notizia

20 dicembre 2016
Anac | Lo schema di linee guida poste in consultazione dall'Autorita Nazionale Anticorruzione. Le nuove indicazioni si applicano anche agli ordini professionali. On line anche i moduli di pubblicazione.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.