Condividi la notizia

Pubblica Amministrazione

Nessun obbligo di conclusione del procedimento sulle istanze di riesame

Per il TAR Lazio, dinanzi ad una mera istanza di riesame, non c'e' l'obbligo per la P.A. di concludere il procedimento e, quindi, non si configura alcun silenzio rifiuto.

Il titolare di un chiosco collocato su suolo pubblico adibito a rivendita di giornali e riviste ha chiesto al Comune l’ampliamento della struttura per poter ivi effettuare l’ulteriore attività di somministrazione di alimenti e bevande. Dopo una serie di vicende amministrative il Comune ha negato l’accoglimento dell’istanza.

L’esercente, in luogo dell’impugnativa del provvedimento negativo, ha riproposto la domanda, chiedendo in sostanza un riesame della propria posizione all’Amministrazione civica. Quest’ultima è rimasta silente sull’istanza di riesame, costringendo così il titolare del chiosco a rivolgersi al TAR Lazio al fine di ottenere l’accertamento dell'illegittimità del silenzio serbato dal Comune, in ordine appunto all’istanza presentata ai fini dell’ampliamento dell’oggetto della concessione d’uso del suolo pubblico, nonché il riconoscimento  del diritto al risarcimento dei danni subiti e subendi a causa del comportamento (ritenuto illegittimo) del Comune medesimo.

Con sentenza n 4401 del 20 marzo 2015 la Sezione II ter del Tar romano ha respinto il ricorso ritenendolo palesemente infondato. Il principio di diritto affermato dai giudici di Via Flaminia nella specie è stato quello in forza del quale la domanda con la quale il ricorrente aveva chiesto il rilascio dell’autorizzazione all’ampliamento della concessione di suolo pubblico con riferimento al chiosco – reiterando la medesima istanza sulla quale l’Amministrazione si era già pronunciata con atti rimasti inoppugnati – non era idonea ad avviare un procedimento rispetto al quale la medesima Amministrazione aveva l’obbligo di concludere ai sensi del comma 1 dell’articolo 2 della L. n. 241 del 1990.

In altri termini ritenere ammissibile la domanda di accertamento del silenzio-rifiuto in presenza di una istanza di mero riesame significherebbe consentire la riapertura dei procedimenti già definiti in sede amministrativa ovvero rimettere in discussione provvedimenti ormai divenuti inoppugnabili, non sussistendo l’obbligo dell’Amministrazione di provvedere – e di conseguenza, non configurandosi un’ipotesi di silenzio-rifiuto – allorquando l’interessato, mediante la procedura del silenzio-rifiuto, intenda provocare il riesercizio del potere dell’Amministrazione (stimolando come nella specie l’adozione di provvedimenti di riesame), rispetto al quale è ravvisabile una posizione non di interesse legittimo, ma di mero interesse di fatto; deve, quindi, escludersi che, in tale ipotesi, sussista l’obbligo dell’Amministrazione di rideterminarsi o che comunque lo stesso segua obbligatoriamente all’istanza, secondo quanto richiesto dall’art. 2 della L. n. 241 del 1990, attesa la natura discrezionale, anche nell’an, dell’esercizio del potere di riesame, in ragione anche della specifica valutazione già espressa in precedenza dall’Ente.

Rodolfo Murra

(22 marzo 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 marzo 2015
Giustizia Amministrativa | Decorso tale termine la parte, se ha ancora interesse ad ottenere una pronuncia dall'Amministrazione, può presentare una nuova istanza e impugnare tempestivamente il nuovo silenzio inadempimento formatosi.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Consiglio di Stato | Illegittimo il silenzio-rifiuto sulla richiesta di accesso alle copie perché impedisce al contribuente quelle verifiche che evitano contenziosi in ipotesi di effettiva e regolare notifica della cartella.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Fiscalità locale | La sentenza non definitiva del TAR Lazio del 4 agosto.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Fiscalità Locale | Caos generale e caos anche al TAR che rinvia all'udienza di merito.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2015
giustizia amministrativa | Con la sentenza della Sezione II del TAR Lazio del 23 febbraio 2015 viene definito ed "ampliato" il concetto di atto amministrativo ai fini dell'accesso ai documenti.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2014
Scuola | Non ammessa all'esame di Stato l'alunna per troppe assenze. Il Tar Piemonte interviene: violato il "principio di proporzione dell'azione amministrativa".

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Fiscalità Locale | In questo momento si sta celebrando davanti alla Sezione II del TAR di Roma l'udienza cautelare per ottenere la conferma della sospensione del pagamento previsto per il 26 gennaio p.v.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
OGM | Dopo il sabotaggio dell'azione del Corpo Forestale volta a distruggere coltivazioni illecite di mais ogm, l'imprenditore Fidenato dovrà vedersela contro la costituzione in giudizio della Regione Friuli presso il Tar onde annullare un suo ricorso pro ogm.

 
 
Condividi la notizia

3 gennaio 2015
Giustizia amministrativa | Nessuna situazione di estrema urgenza. Rigettata dal TAR Lazio con decreto del 2 gennaio 2015 la richiesta di misure presidenziali provvisorie contro la delibera n. 145/14. Sulla domanda cautelare fissata udienza al 28 gennaio 2015.

 
 
Condividi la notizia

5 marzo 2015
Giustizia amministrativa | L'Anci Lazio ed i Comuni del Lazio (vedi elenco) impugnano la classificazione ISTAT. Il TAR concede all'ISTAT venti giorni per depositare una dettagliata relazione in risposta alle contestazioni degli Enti Locali.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2016
Opportunità | Indetta la procedura per individuare 12 stagisti per il Tribunale Amministrativo Regionale Lazio per l'anno 2016. Scadenza domande ore 12 del 16 maggio 2016.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Fiscalità locale | Le prime indiscrezioni in attesa del provvedimento.

 
 
Condividi la notizia

15 gennaio 2015
Concorsi | Quattro prove scritte ed una orale, facoltativa la lingua straniera. Le domande dovranno pervenire entro 60 giorni dalla pubblicazione del bando.

 
 
Condividi la notizia

7 settembre 2014
CODICE DEGLI APPALTI | La natura italiana dell'impresa non rende italiano il prodotto realizzato altrove. I giudici campani chiariscono la portata dell'art. 234 del D.Lgs. 163/2006.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.