Condividi la notizia

Sicurezza Nazionale

Intelligence e Privacy
Convivenza difficile

I Garanti europei della privacy, riunitisi a Bruxelles, chiedono ai Governi maggiore trasparenza

“La lotta al terrorismo non può giustificare forme di sorveglianza massiva e indiscriminata delle comunicazioni dei cittadini europei”. Lo hanno ribadito i Garanti europei per la privacy nell'ultima riunione svoltasi a Bruxelles, nel corso della quale sono stati approvati una  serie di importanti pareri, tra i quali particolarmente significativi quello riguardante il controllo delle comunicazioni elettroniche per scopi di sicurezza nazionale e quello sulle tecniche di anonimizzazione.

Il primo parere nasce dalla necessità delle Autorità di protezione dati europee (Dpa) di dare una valutazione sul caso Datagate  e si sofferma, in particolare, sull'analisi degli strumenti elaborati finora in ambito Ue per consentire il trasferimento di dati personali verso gli Usa.

I Garanti Ue rilevano che nessuno di questi strumenti -"Safe Harbor", clausole contrattuali standard (Scc), regole vincolanti d'impresa (Bcr) - può essere usato per consentire alle autorità di un Paese terzo di accedere ai dati trasmessi per finalità di massiva ed indiscriminata sorveglianza. 

Ad avviso dei Garanti le possibilità di consentire l'accesso delle autorità pubbliche a tali dati devono essere interpretate in modo restrittivo, limitate quindi a casi specifici e specifiche indagini.

Le Dpa  hanno dunque sollecitato i governi ad assicurare  maggiore trasparenza sulle attività dei servizi di intelligence, assicurando un quadro legale coerente ed una supervisione efficiente, anche attraverso il coinvolgimento delle Autorità di protezione dei dati.

Hanno inoltre raccomandato di mettere in campo una serie di azioni: il rafforzamento degli obblighi, che già gravano sui Paesi dell'Ue, di proteggere il diritto alla riservatezza e alla tutela dei dati personali; la rapida approvazione del "pacchetto protezione dati", con particolare riguardo all'obbligo per le aziende, proposto dall'Europarlamento, di informare gli interessati sugli accessi ai loro dati consentiti alle autorità pubbliche competenti; l'adozione di un accordo internazionale che preveda forti garanzie per gli individui nel contesto delle attività di sorveglianza e costituisca uno strumento globale per garantire il diritto alla riservatezza ed alla tutela dei dati personali.

Le Autorità di protezione dati europee  hanno inoltre affrontato la questione dei cosiddetti  "metadati", cioè quei dati di contesto (tra cui numero chiamante e chiamato, indirizzo IP, luogo, ora, tipologia di terminale o servizio, durata della comunicazione ecc.) che descrivono il contenuto esterno (conversazione telefonica, sessione internet ecc.) di una comunicazione.

I Garanti hanno ribadito che i metadati  sono informazioni che consentono di identificare un individuo, e come tali sono soggetti alle regole in materia di protezione dei dati personali. In questa prospettiva, hanno pertanto rivolto alcune raccomandazioni anche alle imprese, a partire da quelle che forniscono servizi di comunicazione elettronica, affinché assicurino una maggiore trasparenza nella gestione dei dati degli utenti europei.

L'altro significativo parere, coordinato dal Garante italiano, riguarda l'anonimizzazione dei dati personali. Le Dpa  riconoscono il valore dell'anonimizzazione in quanto strategia utile a mitigare i rischi per la privacy e a assicurare benefici per gli individui e la società più in generale, specie nel caso dell'open data e del conseguente riutilizzo di informazioni anche personali.

Riguardo poi alla cosiddetta "pseudonimizzazione", inoltre, le Autorità europee sottolineano come essa possa rappresentare un'utile misura di sicurezza in grado di ridurre la diretta correlazione tra il dato e l'identità originale dell'interessato (attraverso la creazione appunto di uno "pseudonimo"), ma non certamente un metodo tale da impedire l'identificazione di un soggetto in modo irreversibile. Il dato pseudonimizzato resta, in ultima analisi, un dato personale.

Claudia De Vincenzi

(23 aprile 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 giugno 2014
Report di Vodafone | La relazione del colosso delle Telecomunicazioni sulla situazione delle norme a tutela della privacy nei 29 Paesi in cui opera ha provocato la reazione del Presidente dell'Autorita'.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2014
Elezioni europee | Le regole per un corretto uso dei dati personali dei cittadini.

 
 
Condividi la notizia

8 novembre 2014
Ufficio europeo di selezione del personale | I concorsi per lavorare nelle agenzie dell'Unione Europea mirano alla copertura di vari posti, con contratto permanente. Nell'articolo le posizioni ricercate.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Internet | Scaduto il termine per mettersi in regola, l'Autorità ha risposto a tutta una serie di quesiti.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2016
DIRETTIVA COMUNITARIA | I nuovi strumenti normativi europei imposti agli Stati membri per prevenire e contrastare il riciclaggio ed il terrorismo.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2014
Beni Culturali | Il Ministro Franceschini ha presentato il piano d'azione per l'accelerazione del "Grande Progetto Pompei".

 
 
Condividi la notizia

25 maggio 2014
Privacy | La guida del Garante Privacy per non rimanere intrappolati nelle 'reti sociali'

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2015
Opportunità | Le domande dovranno essere presentate entro il 16 novembre 2015. L'inizio è previsto per il mese di gennaio dell'anno prossimo, per una durata di 6 mesi.

 
 
Condividi la notizia

3 marzo 2016
Opportunità | Possono parteciparvi studenti di Università e Scuole di ogni ordine e grado di tutte le regioni italiane e dell'Unione Europea. Scadenza 26 marzo 2016.

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2015
trattamento dati personali | In Gazzetta Ufficiale n. 63 del 17.3.2015 l'avviso pubblico sulla bozza di Codice di deontologia e di buona condotta. Tempo 40 giorni per l'invio dei contributi.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Consumatori | Una guida ad hoc che illustra le regole per il corretto trattamento dei dati personali. Le garanzie per il debitore.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
9 luglio 2014 | Seminario di formazione promosso dal Garante privacy su protezione dei dati e trasparenza amministrativa.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Linee guida in materia di trasparenza e pubblicità | Obbligo di anonimizzare i dati identificativi oscurandoli in tutti i documenti, anche negli allegati, pubblicati su internet.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Garante per la protezione dei dati personali | L'Autorità in due casi su nove ha prescritto a Google di deindicizzare le url segnalate.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2015
Protezione dati personali | Il Presidente Soro paventa il pericolo che possa venir meno "l'equilibrio tra privacy e sicurezza".

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.