Condividi la notizia

Privatizzazioni

Padoan rassicura: "le privatizzazioni non vanno a rilento". Ma serviranno a qualcosa?

Interpellato dai giornalisti a margine del convegno Bei-Cdp il Ministro dell'Economia smentisce il bilancio pessimistico di Repubblica in tema di privatizzazioni. Ma i primi dati non sembrano dargli ragione.

Mentre in Grecia si preannuncia un'estate rovente, animata dalle proteste contro il massiccio piano di privatizzazioni - si legga pure svendita - di innumerevoli proprietà statali, in Italia, stando a Repubblica, le privatizzazioni annunciate dal governo Renzi andrebbero "a rilento". 

In un articolo pubblicato oggi a firma di Federico Fubini si paventa il rischio "flop" per il piano di privatizzazioni di Poste, Enel, Eni e Finmeccanica. L'opzione al vaglio del Ministero - sempre secondo Repubblica - sarebbe quella di cominciare a privatizzare già in autunno piccole quote (5%) di Enel ed Eni, cercando di attrarre investitori in vista delle future privatizzazioni di Poste e Finmeccanica.

In realtà le privatizzazioni non vanno a rilento secondo le dichiarazioni del ministro Padoan di questa mattina. Il titolare di via XX Settembre ha precisato di "non aver letto i giornali". Non serve infatti leggere i giornali per comprendere che i rendimenti di titoli del tesoro statunitensi o europei che siano sono ormai risicatissimi e che data l'ampia disponibilità di equity di numerosi fondi di investimento a livello globale, l'acquisizione a prezzi competitivi di quote di società da privatizzare può rappresentare una opportunità unica. Peccato però che l'appeal degli investitori sia concentrato tutto su pochi "gioielli di famiglia", ad esempio Poste Italiane. Seguono Eni ed Enel. Scarso interesse, invece, per Enav. Deludente la prima operazione, quella Fincantieri. 

Il caso Fincantieri

Il palese flop della prima quotazione, quella di Fincantieri, andrebbe inteso come un campanello d'allarme per il Governo. Se inizialmente si pensava di quotare 104 milioni di euro dell'azionista Cassa Depositi e Prestiti e 600 milioni come aumento di capitale, si è poi scoperto che dal 16 al 27 giugno i tanto "interessati" fondi internazionali d'investimento avevano mostrato interesse per soli 12 milioni di euro di azioni. Una goccia nel mare. Pertanto si è deciso di ridurre i titoli da collocare e mutare il rapporto fra azioni destinate ad investitori istituzionali (banche, fondi, etc.) e retail (piccoli azionisti, titolari di conti correnti bancari). Se inizialmente si prevedeva di dedicare 563 milioni agli investitori istituzionali e solo 141 al retail, adesso la situazione è mutata: 401 al retail e soli 49 agli istituzionali. Ad oggi sono stati collocati circa 350 milioni di euro. 

Insomma, se gli investitori non credono nel futuro di Fincantieri e non scommettono sul rendimento delle sue azioni, a Fincantieri e dunque anche allo Stato non resta altra soluzione se non quella di smollare le azioni agli ignari cittadini. Ecco dunque il senso delle entusiastiche pubblicità sulle reti nazionali.

 

Poste Italiane

Una frenata arriva anche dall'ad di Poste Italiane Francesco Caio, che in una nota del 2 luglio chiarisce: "vista la dimensione e la complessità del gruppo e i tempi che sono stati necessari per altre privatizzazioni, le scadenze rappresentano una grande sfida". Precisa però che si tratta di una sfida "a cui non intendiamo sottrarci", spiegando come sia stato "creato un team dedicato al coordinamento delle molte attività da completare prima della quotazione" e sia già pronta "una prima tabella di marcia per i prossimi mesi".  

La privatizzazione riguarderebbe circa il 40% di Poste Italiane che resterebbe così sotto il controllo dello Stato, garantendo circa 4-5 miliardi di euro. Anche qui una goccia nel mare del debito pubblico (2100 miliardi di euro). D'altra parte Poste riesce a fare profitti grazie all'allontanamento progressivo dal suo core business. Vale la pena ricordare, infatti, che esercita un'attività bancaria senza dover pagare ai propri dipendenti lo stipendio dei lavoratori bancari. Gestisce inoltre per conto dello stato la raccolta dei buoni fruttiferi e dei conti correnti postali, riceve poi circa 700 milioni di euro all'anno dallo Stato per il servizio di recapito della corrispondenza in aree remote. E ottiene più della metà dei ricavi del gruppo dai servizi assicurativi. 

Una volta quotata sarebbe difficile tenere lontana una sforbiciata al personale (145.000 dipendenti), specie tenendo conto dei precedenti internazionali. Royal Mail nel Regno Unito dopo una proficua privatizzazione ha subito recentemente un taglio di 1500 dipendenti su circa 150.000. 

Il paradosso della privatizzazione di Poste Italiana è tuttavia un altro. Cedendo il 40% agli investitori, Poste continuerebbe a rimanere saldamente nelle mani dello Stato, e continuerebbe a ricevere lauti contributi statali. Insomma, lo Stato manterrebbe il suo ruolo di monopolista, lasciando ai privati la possibilità di godere di questo privilegio. In cambio di cosa? Di 4-5, per i più ottimisti 8 miliardi di euro. Ossia circa 4-5 anni di utili (l'utile netto nel 2013 è stato pari ad 1 miliardo di euro). Cui prodest?

Il progetto del Governo

Il paradosso delle privatizzazioni è che i ricavi presunti dovrebbero coprire la crescita inesistente. Per Padoan, infatti, già nel 2014 dalle privatizzazioni si dovrebbero ricavare circa 0,7% di punti di crescita del PIL ossia 11 miliardi di euro. Difficile pensare che la crescita possa essere drogata dalle dismissioni. E' come se un lavoratore che ha perso il lavoro e non fa nulla per cercarne uno nuovo, non "riconverte" le proprie capacità, non viene ritenuto credibile dalle banche quando chiede loro un prestito per aprire una nuova attività, decidesse per produrre ricchezza di vendere i suoi beni. Il risultato? Dopo qualche mese sarà sempre senza lavoro, ma anche in una casa vuota, privo di macchina e computer, e i soldi incassati li avrà consumati in cibo gas luce e telefono. Insomma, visto che lo Stato non può svendere la zavorra, ossia le società prive di attrattive per gli investitori, le strutture burocratiche che pesano sul suo bilancio, decide di vendere quote azionarie delle uniche società che hanno un minimo di appeal, che producono e fanno profitti. Alla fine rischia di ritrovarsi più povero, con un debito pubblico sempre crescente e una frenetica ansia di tassazione per garantire la sopravvivenza al suo apparato. 

Francesco Colafemmina

(4 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 agosto 2014
Privatizzazioni | Dopo lo stop di Poste Italiane e il flop di Fincantieri, dopo la perdita delle commesse indiane per Finmeccanica, il governo punta su Enel ed Eni. Obiettivo: 5 miliardi di euro entro fine 2014.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2014
Privatizzazioni | Il ministro Padoan rassicura sull'interesse degli investitori istituzionali alle privatizzazioni che il governo lancerà nel prossimo semestre. Intanto in Grecia le privatizzazioni spinte dalla Troika rischiano di rendere privato il paradiso naturalistico di Elafonisos.

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | Il cittadino dovrà pagare il tributo attraverso bollettino postale o servizio telematico gestito da Poste Italiane.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2015
MEF | L'offerta pubblica di azioni corrispondenti a quasi il 40% del capitale sociale terminerà il 22 ottobre. Per i dipendenti del Gruppo Poste scadenza anticipata al 21 ottobre.

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2014
Privatizzazioni | Offerta pubblica di vendita per il 40% delle partecipazioni statali di Poste e del 49% di Enav.

 
 
Condividi la notizia

26 ottobre 2015
MEF | Il Ministero annuncia che si è registrata una domanda pari a tre volte l'offerta per l'operazione finalizzata alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario della Borsa Italiana.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2014
Inchieste | La procura di Milano ha disposto assieme alla Corte di Londra il sequestro di 190 milioni di euro che si ipotizzano essere parte di una tangente pagata dai vertici di Eni per l'acquisto di una concessione petrolifera in Nigeria.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2014
Economia | Missione istituzionale del ministro dell'Economia che rassicura il mondo finanziario statunitense sui progressi del governo e annuncia un "ambizioso piano di privatizzazioni".

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2015
Inps | Assegnazione di 800 contributi di importo pari a Euro 500,00 ciascuno, a sostegno delle famiglie che abbiano avuto un bambino nato nel 2014.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2014
Agcom | Nuove regole e sanzioni per Poste italiane. Comuni e isole minori tutelati dai nuovi criteri adottati dall'Autorità per le Comunicazioni.

 
 
Condividi la notizia

15 aprile 2014
Governo | Rese note dal Governo le nomine ai vertici delle società partecipate. Luisa Todini presidente delle Poste, Emma Marcegaglia dell'Eni, Patrizia Grieco dell'Enel, De Gennaro resta a Finmeccanica. Renzi annuncia tetti agli stipendi

 
 
Condividi la notizia

25 maggio 2015
Antitrust | Non ci possono essere discriminazioni nel mercato dei servizi postali. Segnalato lo svantaggio concorrenziale anche rispetto a Poste Italiane.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2014
Antitrust | L'Authority chiede di consentire ai cittadini di utilizzare accanto alla modalità storica del bollettino di Poste Italiane anche MAV, bonifici, lottomatica, SISAL, pagamenti on line con carte di credito.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2014
SEMPLIFICAZIONE | Firmata la convenzione Ministero dell'Interno - Poste Italiane, il servizio partirà dal 27 ottobre e costerà 8 euro e 20 centesimi

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | Il ministro Padoan afferma che, grazie al ddl di stabilità approvato al Senato ed ora al vaglio della Camera, nel 2015 i conti pubblici miglioreranno.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.