Condividi la notizia

Welfare

Maternità ...il congedo parentale si fraziona

In arrivo la Circolare esplicativa INPS con le istruzioni operative per la fruizione del beneficio a ore.

Pubblicato il Comunicato stampa, congiunto, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in accordo e unitamente all'Inps. Il contenuto ribadisce che la disposizione relativa alla possibilità di fruizione del congedo parentale, su base oraria, fino ad oggi previsto solo per l'anno 2015, sarà resa permanente con la prossima approvazione, in via definitiva, del decreto legislativo che va a modificare la materia degli Ammortizzatori sociali, con la quale viene prevista appunto la copertura permanente dei relativi oneri.

Con il d.lgs.81/2015 tutte le misure ivi contemplate saranno rese strutturali, andando oltre la data limitativa del 31 dicembre 2015 e non soltanto quelle riferite agli oneri sui congedi parentali.

Tale fattispecie, ossia il "congedo parentale a ore" inerisce l'estensione facoltativa del lavoratore/lavoratrice dipendente. Successivamente alla riforma, denominata del Jobs Act, per ogni infante/bambino, nei suoi primi dodici anni di vita, ciascun genitore, quale lavoratore dipendente, ha diritto ad astenersi, per un periodo cumulativo tra i due coniugi, non eccedente dieci mesi, che diventano però undici se il genitore padre ne fruisce per almeno tre mesi.

Il frazionamento a ore, per il vero, era stato già introdotto/previsto, con la legge di Stabilità 2013, ossia la n.228/2012, la possibilità del frazionamento a ore del congedo parentale. Tale facoltà era data, in via subordinata, alla previsione preventiva contemplata nella contrattazione collettiva di settore, delle modalità di fruizione, oltreche' dei criteri di calcolo e della equiparazione di un determinato monte ore, alla unitarietà della giornata lavorativa.

Con il d.lgs. n.80/2015 si è reso effettivo il diritto alla fruizione del congedo parentale orario, che,  in caso di mancata regolamentazione, da parte della contrattazione collettiva e/o con accordi aziendali di secondo livello, ogniuno dei genitori può decidere di optare se scegliere la fruizione dell'istituto in modalità giornaliera ovvero oraria.

In questo secondo caso la utilizzazione è consentita per la metà dell'orario medio giornaliero del periodo di retribuzione adottato e precedente a quello di inizio del congedo parentale.

Il comunicato stampa, in argomento, precisa che anche se il d.lgs.80/2015 non ha previsto i periodi transitori, la nuova disciplina rende necessario l'adeguamento delle procedure amministrative e di gestione sia a cura dell'Inps sia da parte dei datori di lavoro.

L'Inps, appena approvata la riforma, ha elaborato le linee di indirizzo amministrative e le opportune implementazioni telematiche, per la nuova domanda di congedo parentale e sul suo invito telematico, rese disponibili all'utenza anche se, per mero errore materiale, non avevano avuto il preventivo placet Ministeriale. Pertanto, coloro che hanno presentato le opportune istanze, non avranno ripercussioni alcune e riceveranno necessario riscontro, dall'Istituto, a stretto giro, risultando pertanto concretamente valide.

In conclusione, quindi, i genitori che lavorano entrambi devono pazientare, almeno coloro che hanno intenzione di richiedere il congedo parentale a ore. L'Inps predisporra' tra pochi giorni la specifica Circolare applicativa che deluciderà anche sulle restanti misure di conciliazione delle esigenze di cura di vita e di lavoro contemplate nel d.lgs. 81/2015, che risulteranno "permanenti" con il decreto sugli ammortizzatori sociali, prevedendo la copertura permanente dei relativi oneri.

ministero del lavoro

Stefano Olivieri Pennesi

(14 agosto 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

5 settembre 2014
Welfare | 300 euro mensili, per 6 mesi alle mamme lavoratrici che "rinunciano" al congedo parentale facoltativo, successivo al congedo obbligatorio. Questo il contributo per il quale tarda l'emissione del bando 2014 che assegna i fondi.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2015
Jobs Act | Pubblicata la circolare n. 152 del 18 agosto 2015. Nell'articolo il testo integrale con gli esempi pratici.

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2015
Legge di stabilità | I requisiti, gli importi, le modalità di presentazione della domanda ed esempi pratici nella circolare Inps n. 93 dell'8.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

9 settembre 2015
Inps | Le istanze in forma cartacea per ottenere il beneficio saranno accettate solo fino al 13 settembre 2015.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
INPS | Diramato il provvedimento n. 139 del 17 luglio 2015 contenente le istruzioni in materia di estensione dei limiti di fruizione per i lavoratori e lavoratrici dipendenti.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2015
INPS | Le precisazioni dell'Istituto riguardano anche la procedura da utilizzare nel periodo transitorio.

 
 
Condividi la notizia

31 gennaio 2017
biennio 2017-2018 | Il contributo può essere richiesto in alternativa al congedo parentale ed è rivolto alle madri lavoratrici dipendenti e iscritte alla gestione separata, nonché alle madri lavoratrici autonome.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2015
INPS | L'Istituto ha fornito ulteriori chiarimenti con il Messaggio n. 6704 del 3 novembre 2015.

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2015
Inps | L'Istituto si è occupato delle domande nel periodo transitorio, riguardanti i figli con disabilità in situazione di gravità.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2015
sostegno alle famiglie | Ulteriore intervento dell'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale sulla procedura di gestione delle domande.

 
 
Condividi la notizia

12 aprile 2015
Politiche sociali | Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che prevede un incentivo economico alla natalità annuo per ogni di figlio di 960 euro o di 1.920 euro.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Assegno di natalità | L'assegno può essere concesso a vantaggio di uno stesso nucleo familiare e per lo stesso figlio per un massimo di 36 mensilità.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2015
Inps | Assegnazione di 800 contributi di importo pari a Euro 500,00 ciascuno, a sostegno delle famiglie che abbiano avuto un bambino nato nel 2014.

 
 
Condividi la notizia

11 settembre 2014
Andamenti economici | Il Ministero del Welfare ha pubblicato i dati del secondo trimestre 2014 sull'andamento del mercato del lavoro.

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2016
Lavoratori autonomi | Pubblicata la circolare n. 128 dell'11 luglio 2016 sulle novità legislative.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.