Condividi la notizia

Ravvedimento operoso

Entrate: al via per i titolari di partita IVA la correzione di errori ed omissioni con sanzioni ridotte

Con "l'operazione zero controlli" è possibile consultare le informazioni inviate dai clienti su ricavi non dichiarati e anomalie per procedere alla regolarizzazione.

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione delle partite Iva le informazioni inviate dai loro clienti da cui risultano non dichiarati ricavi e le possibili anomalie nella dichiarazione dei redditi dovute alla mancata indicazione di compensi che sono stati invece certificati dai sostituti d’imposta nei modelli 770.

Grazie a queste segnalazioni che viaggeranno via posta elettronica certificata, il contribuente potrà rimediare per tempo a un eventuale errore commesso avvalendosi del nuovo ravvedimento e beneficiando, così, di una significativa riduzione delle sanzioni. Ciò anche nel caso in cui la violazione sia già stata constatata o siano iniziati accessi, ispezioni o verifiche.

Il Provvedimento del 13 luglio 2015 (prot. 94624) del direttore dell’Agenzia - che segue a stretto giro quello sulle anomalie nei dati dichiarati ai fini degli studi di settore - stabilisce le modalità con cui le Entrate mettono a disposizione dei contribuenti, in maniera preventiva, le informazioni utili ad adempiere correttamente ai propri doveri fiscali e ad evitare, quindi, controlli.

L’“operazione zero controlli” viaggia via mail - L’Agenzia è pronta a spedire le comunicazioni via e-mail agli indirizzi di posta elettronica certificata (Pec) dei contribuenti interessati. Le segnalazioni contengono informazioni derivanti dal confronto con i dati comunicati alle Entrate dai loro clienti o relative a possibili anomalie presenti nella dichiarazione dei redditi, relative alla corretta indicazione dei compensi certificati dai sostituti d’imposta nei modelli 770.

L’obiettivo è quello di informare “a monte” il contribuente della sua posizione fiscale, consentendogli di fornire per tempo elementi in grado di giustificare le presunte anomalie. Nel caso in cui l’interessato non risulti in possesso di un indirizzo Pec attivo, l’Agenzia provvede comunque ad inviare le informazioni in suo possesso tramite posta ordinaria.

I contribuenti potranno richiedere informazioni o fornire chiarimenti, anche tramite gli intermediari incaricati della trasmissione delle dichiarazioni, seguendo le modalità indicate nelle comunicazioni ricevute.

Condivisione e collaborazione alla base del ravvedimento - Nelle intenzioni dell'Agenzia, il rapporto tra Fisco e contribuenti, sempre più improntato alla trasparenza e supportato da forme di comunicazione sempre più avanzate, consente quindi ai titolari di partita Iva che ricevono le informazioni dall’Agenzia di regolarizzare gli errori e le omissioni eventualmente commessi, secondo le modalità previste dall’istituto del ravvedimento operoso (articolo 13 del Dlgs n.472/1997).

I contribuenti possono così beneficiare della riduzione delle sanzioni graduata in ragione della tempestività delle correzioni. Una chance che resta salva a prescindere dalla circostanza che la violazione sia già stata constatata o che siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di controllo, delle quali il contribuente abbia avuto formale conoscenza, salvo la formale notifica di un atto di liquidazione, di irrogazione delle sanzioni o, in generale, di accertamento e il ricevimento delle comunicazioni di irregolarità (articoli 36-bis Dpr 600/1973 e 54-bis Dpr 633/1972) e degli esiti del controllo formale (art. 36-ter Dpr 600/1973). 

Per avere maggiori informazioni: Provvedimento del 13 luglio 2015

Fonte: Agenzia delle Entrate

Moreno Morando

(14 luglio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 ottobre 2016
Agenzia delle Entrate | Gli ulteriori chiarimenti sulla panoramica dei vantaggi previsti in termini di riduzione delle sanzioni nella circolare n. 42/E del 12.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

20 dicembre 2015
Fisco | Il comunicato dell'Agenzia delle Entrate per mettersi in regola e usufruire delle sanzioni più favorevoli.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2014
dipartimento delle finanze | I dati dell'Osservatorio sulle partite Iva aggiornati ad agosto 2014

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
Agenzia delle entrate | Prorogata al 7 luglio la dichiarazione dei redditi. Interessati tutti i contribuenti con gli studi di settore.

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2015
Enti locali | L'Agenzia, con la Circolare n. 23E/2015, evidenzia l'ampliamento delle modalità e dei termini della sua applicazione.

 
 
Condividi la notizia

31 gennaio 2016
Agenzia delle entrate | Per il supporto nell'invio dei dati ai fini della precompilazione della dichiarazione dei redditi sono on line le FAQ, la normativa di riferimento e le specifiche tecniche.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Agenzia delle Entrate | Con la Circolare 17/E, l'Agenzia ha risposto ad una serie di quesiti su oneri detraibili e deducibili posti da Caf e operatori.

 
 
Condividi la notizia

13 gennaio 2016
Economia | 38.607 nuove partite IVA, 9.312 soggetti hanno aderito al regime fiscale di vantaggio.

 
 
Condividi la notizia

26 gennaio 2016
Agenzia delle Entrate | Prorogato il termine per la trasmissione dei dati riferiti all'anno 2015 al 9 febbraio 2016 e slitta al 10 febbraio fino al 9 marzo il periodo per l'opposizione all'utilizzo.

 
 
Condividi la notizia

24 maggio 2016
Legge di Stabilità | La punibilità della violazione relativa all'apposizione del visto di conformità su dichiarazione infedele nella circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 20/E/2016.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2016
Agenzia delle Entrate | Dal Bonus Irpef alle spese di frequenza scolastica nella circolare n. 18/E del 6.5.2016 le risposte a Caf e operatori su oneri e detrazioni.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2016
Agenzia delle Entrate | Le nuove istruzioni per accedere al beneficio a seguito di definizione per acquiescenza all'avviso di accertamento oppure di adesione all'avviso di accertamento.

 
 
Condividi la notizia

29 settembre 2016
tax compliance | Tutto quello che si devi sapere anche come utilizzare il ravvedimento operoso.

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2018
Privacy | Consultabili on line le spese per impedire all'Agenzia delle Entrate l'inserimento automatico.

 
 
Condividi la notizia

8 gennaio 2017
Agenzia delle Entrate | Da quest'anno più spazio per le agevolazioni. Le novità in sintesi.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.