Condividi la notizia

Giustizia amministrativa

Abusi edilizi: le esigenze abitative non bloccano l'acquisizione al patrimonio comunale

Le conseguenze dell'inottemperanza all'ordine di demolizione nei principi sanciti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 16 luglio 2015, n. 3555.

Forse non tutti sanno che non eseguire l’ordine di demolizione emesso dal Comune a fronte dell'abuso edilizio realizzato comporta l'acquisizione gratuita al patrimonio comunale non solo del bene e della relativa area di sedime, ma anche di quella necessaria, secondo le vigenti prescrizioni urbanistiche, alla realizzazione di opere analoghe a quelle abusive, purché l’area complessivamente acquisita non sia “superiore a dieci volte la complessiva superficie utile abusivamente costruita”. 

Sulla base di tale premessa il Consiglio di Stato Sezione VI nella sentenza del 16 luglio 2015 n. 3555 ha evidenziato come in tali casi sia inutile sollevare davanti al Giudice amministrativo le problematiche abitative familiari che hanno determinato la necessità di procedere a realizzare un immobile in assenza del permesso di costruire.

Ad avviso del Consiglio di Stato, infatti, non esistono presupposti per valutare tali esigenze abitative, in contrapposizione all’interesse pubblico per la tutela del territorio in quanto il bilanciamento tra l'interesse privato e quello pubblico è già stato effettuato dalla legge, che impone il rispetto delle regole dettate per la trasformazione edificatoria del territorio stesso e prevede misure sanzionatorie a carattere vincolato, in presenza di abusi edilizi. 

Il Comune, pertanto, non ha il potere di valutare le predette esigenze abitative, né le stesse possono essere prese in considerazione, come possibili cause invalidanti dell'ordinanza di demolizione e del provvedimento di accertamento dell'inottemperanza ed irrogazione della relativa sanzione.

Per approfondire leggi la sentenza

Enrico Michetti

La Direzione

(19 luglio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 aprile 2017
Rimessione all'Adunanza Plenaria | Il contrasto giurisprudenziale investe gli abusi edilizi repressi a notevole distanza di tempo.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2015
Giustizia amministrativa | Le condizioni che evitano l'acquisizione gratuita al patrimonio comunale nei principi sanciti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2016
Corte di Cassazione | Legittima la revoca del beneficio se non si adempie entro 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna contenente l'ordine. L'irrilevanza del mancato decorso del termine assegnato nell'ordinanza del Sindaco.

 
 
Condividi la notizia

10 febbraio 2015
Consiglio di Stato | I principi sanciti nella sentenza del 10 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

6 febbraio 2018
Consiglio di Stato | Secondo i giudici di Palazzo Spada non è neppure necessario acquisire il parere della Soprintendenza.

 
 
Condividi la notizia

6 gennaio 2015
Consiglio di Stato | La sentenza del 5 gennaio 2015 sull'insufficienza della dichiarazione sostitutiva di atto notorietà.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Efficacia temporalmente limitata del provvedimento adottato dall'Amministrazione. Le conseguenze nella sentenza del TAR Lazio del 2 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2014
Abusi edilizi | Nessuna sospensione del termine di 90 giorni per eseguire l'ordinanza di demolizione. L'inottemperanza comporta l'acquisizione al patrimonio comunale.

 
 
Condividi la notizia

1 novembre 2016
Corte di Cassazione | L'ordine di ripristino va eseguito dal nuovo proprietario dell'immobile anche se non ha commesso l'abuso, salva la sua facoltà di far valere, sul piano civile, la responsabilità, contrattuale o extracontrattuale, del proprio dante causa.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2014
Edilizia | Il principio e' contenuto nell'ultimo deposito di ieri della sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal TAR Basilicata, Sezione I, nella sentenza del 21 agosto 2015 n. 546.

 
 
Condividi la notizia

7 ottobre 2014
Consiglio di Stato | I Giudici di Palazzo Spada confermano che il provvedimento di demolizione di abusi edilizi é un atto vincolato per il quale non occorre alcun avviso di avvio del procedimento.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2014
Abusi Edilizi | A seguito dell'inottemperanza all'ordinanza di demolizione, l'acquisizione al patrimonio comunale non può essere superiore a dieci volte la complessiva superficie utile abusivamente costruita. Il Consiglio di Stato precisa le modalità.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.