Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Abusi edilizi: la sospensione condizionale della pena subordinata alla demolizione

Legittima la revoca del beneficio se non si adempie entro 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna contenente l'ordine. L'irrilevanza del mancato decorso del termine assegnato nell'ordinanza del Sindaco.

"Al fine dell'accertamento della inottemperanza all'ordine di demolizione delle opere abusive, cui consegue la revoca del beneficio della sospensione condizionale della pena che a tale adempimento sia stato subordinato, è sufficiente la verifica di tale omissione entro il termine di 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna contenente detto ordine, tale essendo il termine per adempiere all'obbligo di demolizione del manufatto abusivo (al quale sia stato subordinato il beneficio della sospensione condizionale della pena), nel caso in cui il giudice abbia omesso di provvedere alla sua indicazione, desumibile dai parametri della disciplina urbanistica prevista dal d.P.R. n. 380 del 2001, art. 31". 
 
È questo il principio ribadito dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nella sentenza n. 35204 pubblicata il 22.8.2016 (Presidente: Grillo - udienza 4.5.2016) sulla cui base è stata confermata l'ordinanza del Tribunale di revoca del beneficio della sospensione condizionale della pena che era stata concessa con sentenza divenuta irrevocabile subordinatamente alla demolizione delle opere. La revoca del beneficio veniva disposta in quanto il condannato aveva omesso di provvedere alla demolizione delle opere abusive cui era appunto subordinato il beneficio della sospensione.
 
I giudici di Palazzaccio, peraltro, non hanno mancato di evidenziare l'irrilevanza:
 
- sia della esistenza di un ordine di demolizione disposto dal Sindaco, in relazione al quale non sia ancora decorso il termine assegnato per provvedere alla demolizione in quanto l'ordine disposto dalla autorità amministrativa e quello impartito dal giudice penale possono coesistere, avendo, tra l'altro, finalità differenti, in quanto l'ordine disposto dal giudice costituisce atto dovuto, nell'esercizio di un potere autonomo e non attribuito in via di supplenza, seppure coordinabile con quello amministrativo, sicché lo stesso non si pone in rapporto alternativo con l'ordine di demolizione impartito dalla Pubblica Amministrazione;
 
- sia della eventuale richiesta di sanatoria successiva alla scadenza di detto termine, in quanto il beneficio della sospensione condizionale della pena, subordinato all'ordine di demolizione del manufatto abusivamente realizzato, deve essere comunque revocato in caso di inutile decorso del termine per l'adempimento, a nulla rilevando la sanatoria intervenuta successivamente alla scadenza del termine (diversamente, ove la sanatoria intervenga prima della scadenza, il giudice dell'esecuzione deve ritenere "inutiliter datum" l'ordine, atteso l'avveramento della condizione);
 
- sia del mancato decorso del termine di sessanta giorni assegnato dal Pubblico Ministero per provvedere spontaneamente alla demolizione, che ha il diverso scopo di consentire una esecuzione spontanea dell'ordine prima di quella forzata, essendo comunque decorso il suddetto termine di 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza.
 
Risulta, pertanto, irrilevante il mancato decorso del termine assegnato dal Sindaco per eseguire spontaneamente la demolizione, trattandosi di ordine diverso rispetto a quello impartito dai giudice penale, il cui termine di adempimento nella vicenda esaminata dalla Corte era invece ampiamente decorso.
 

La Direzione

(31 agosto 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 luglio 2016
Corte dei Cassazione | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale nella sentenza n. 30402 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2014
Anticorruzione | Nelle condanne per reati contro la P.A. la sospensione condizionale della pena non produce effetti sull'applicazione dell'art. 3 d.lgs n. 39/2013.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Corte di Cassazione | Lancio di fumogeni, razzi o corpi contundenti, l'eliminazione delle conseguenze dannose senza che il Giudice specifichi le modalità per l'esecuzione di tale adempimento.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2016
Diffamazione | La sentenza della Cassazione n. 32791 del 27 luglio 2016 sulle problematiche derivanti dall'utilizzo dei Social e sulla dichiarazione di non doversi procedere in caso di condotta riparatoria.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Corte di Cassazione | Il principio ribadito dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 19683 del 3.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2016
Corte di Cassazione | Non basta la DIA se la demolizione e ricostruzione di un edificio presistente dà luogo a "nuova costruzione". L'ordinanza della Settima Sezione Penale n. 32086 del 25 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Famiglia | È contraria all'ordine pubblico e, quindi, vietata la "surrogazione di maternità". Il principio espresso dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 24001/2014.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2015
Infiltrazioni mafiose | È sufficiente che sussista, per colpa dello stesso amministratore, una situazione di cattiva gestione della cosa pubblica, aperta alle ingerenze esterne e asservita alle pressioni delle associazioni criminali. La sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di Cassazione | La sentenza delle Sesta Sezione Penale del 20 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.