Condividi la notizia

Pubblico impiego

Rientro anticipato dalla missione all'estero? Ma quale mobbing...

La singolare vicenda di un Commissario di Polizia finita davanti al TAR Lazio

Un sostituto Commissario della Polizia di Stato, quando rivestiva il grado di Ispettore Capo, con decreto del Capo della Polizia viene inviato in missione a Parigi per l’espletamento dell’incarico di Ufficiale di Collegamento italiano in materia di cooperazione internazionale di polizia presso la Polizia Giudiziaria francese, per la durata di due anni, a decorrere dal giugno 2007.

Detto incarico è stato prorogato via via sino alla fine di agosto del  2012. Poi al dipendente vengono comunicati sia la cessazione dell’incarico conferitogli sia il suo rientro definitivo in Italia.

Il provvedimento viene impugnato dinanzi al TAR del Lazio con ricorso col quale si deduce che, dal punto di vista motivazionale, l’atto risulterebbe del tutto privo di qualsiasi elemento di fatto o di diritto che consenta di capire le ragioni per le quali l’Amministrazione sia giunta a determinarsi nel senso di far cessare la missione a Parigi del ricorrente e di farlo rientrare in Italia, senza neppure indicare presso quale ufficio andare a prestare servizio, né con quale incarico.

Nell’impugnativa si aggiunge che la prassi sarebbe nel senso di rinnovare anche per 10-15 anni l’incarico di Ufficiale di Collegamento a coloro che bene si sono inseriti presso le Polizie straniere e che da queste sono apprezzati e che anche le nuove norme in adozione per il futuro prevedrebbero rinnovi biennali, con un limite di sei anni: periodo ancora non raggiunto dalla missione del ricorrente a Parigi.

La sottovalutazione, poi, degli elementi di ottimo rendimento indurrebbe a ritenere sussistente un grave vizio e dal quadro complessivo del comportamento tenuto dall’Amministrazione nei confronti del ricorrente sarebbe stato tale da poter configurare la violazione del principio di tutela psico-fisica del proprio dipendente di cui all’art. 2087 c.c. ed anche un’ipotesi di mobbing, posto che i fatti e gli atti contestati avrebbero provocato confusione e stress al ricorrente, con ripercussioni gravi sulla sua salute e ne avrebbero sconvolto l’organizzazione di vita personale e relazionale.

Infatti la tesi del poliziotto poggiava sull’elemento morale: l’interruzione dell’esperienza all’estero senza motivazioni plausibili – ed in contrasto con le assicurazioni verbali che nel tempo aveva avuto dai responsabili del Servizio in trasferta in Francia – sarebbe stata vissuta come vessatoria e penalizzante, con gravi conseguenze psicologiche.

Senza contare che per rispettare l’improvviso ordine di rientro, il ricorrente si sarebbe dovuto sobbarcare oneri rilevanti, non avendo potuto trovare nell’imminenza e nel periodo delle ferie d’agosto una ditta di traslochi internazionali disponibile ed avendo dovuto subire penalizzazioni economiche per non aver potuto dare le disdette dei vari contratti, che aveva dovuto porre in essere a Parigi.

Il TAR con sentenza della Sezione I ter n. 7313 del 20 maggio 2015 ha rigettato il ricorso. Infatti l’Amministrazione, nell’esercizio di un potere ampiamente discrezionale, ha semplicemente stabilito di dar luogo all’avvicendamento del sostituto Commissario con altro dipendente appartenente al medesimo Servizio – quello per la Cooperazione Internazionale di Polizia – e di ciò dà contezza nel provvedimento. Risulta, pertanto, per i giudici laziali, del tutto assolto l’onere motivazionale.

D’altra parte il Collegio ha osservato che il ricorrente era stato inviato in missione a Parigi per l’espletamento dell’incarico di Ufficiale di Collegamento italiano in materia di cooperazione internazionale di polizia presso la Polizia Giudiziaria francese per la durata di soli due anni e che invece lo stesso ha continuato a svolgere il suddetto incarico anche dopo la scadenza di tale biennio solo in forza di ripetute proroghe, senza che ciò potesse mai conferirgli alcun diritto a proseguirvi.

I giudici hanno ribadito che di regola un incarico termina quando viene a completarsi il periodo per il quale esso viene affidato, mentre sono le eventuali proroghe a dover recare un’articolata motivazione idonea a giustificarle.

Perciò, pur non potendo disconoscere i meriti che funzionario erano stati attribuiti durante lo svolgimento dell’incarico de quo, non per questo lo stesso poteva vantare una posizione di preminenza, meritevole di particolare tutela giuridica, tale da consentirgli di continuare ad espletare l’incarico stesso anche successivamente. Nessun valore in contrario, infine, può assumere l’invocata prassi secondo cui, normalmente, la durata dell’incarico sarebbe ben superiore.

Rodolfo Murra

(21 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

3 ottobre 2016
Corte Costituzionale | Non fondate le questioni di legittimità costituzionale. La sintesi e il testo della sentenza n. 214 del 3 ottobre 2016.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2016
Statali | Firmata l'ipotesi di accordo quadro nazionale che ridefinisce i nuovi comparti e le nuove aree di contrattazione.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2018
Tar Veneto | Un'interpretazione innovativa dell'art. 42 bis del Testo Unico del pubblico impiego.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2018
CORTE DI CASSAZIONE | I giudici di legittimità escludono l'applicabilità degli istituti del pubblico impiego.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2017
Riforma della P.A. | Approvati dal Consiglio dei Ministri due decreti legislativi. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2015
Riforma della P.A. | La Camera ha approvato in seconda lettura il d.d.l. presentato dal Governo. Il provvedimento torna ora all'esame del Senato.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2015
INPS | La nuove modalità operative sono rese possibili dal livello raggiunto nel processo di integrazione, nonché dallo sviluppo delle procedure informatiche e dei sistemi di comunicazione telematica.

 
 
Condividi la notizia

9 giugno 2014
Governo Renzi | Missione strategica per il premier Renzi in estremo oriente e Kazakhstan. Temi politici ed economici al centro del viaggio.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2014
Economia | Missione istituzionale del ministro dell'Economia che rassicura il mondo finanziario statunitense sui progressi del governo e annuncia un "ambizioso piano di privatizzazioni".

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2018
CORTE DI CASSAZIONE | Nel pubblico impiego occorre fornire la prova che il mancato pagamento è dipeso da motivate esigenze di servizio o da cause di forza maggiore.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Consiglio di Stato | I principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 12 gennaio 2015.

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2017
Consiglio dei Ministri | Approvati in esame preliminare i decreti legislativi di riforma del testo unico del pubblico impiego, della disciplina della valutazione, del riordino delle forze di polizia, dei vigili del fuoco e dell’Aci/Pra.

 
 
Condividi la notizia

15 febbraio 2015
INPS | I lavoratori del pubblico impiego come i lavoratori del settore privato, possono costruirsi una trattamento di previdenza complementare aderendo ad un fondo negoziale o ad una delle forme di previdenza individuali.

 
 
Condividi la notizia

15 agosto 2014
Governo italiano sull'Iraq | I Ministri degli Esteri Federica Mogherini e della Difesa Roberta Pinotti (nella foto) hanno autorizzato le operazioni

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.