Condividi la notizia

Tar Veneto

Trasferimento per esigenze di genitorialità

Un'interpretazione innovativa dell'art. 42 bis del Testo Unico del pubblico impiego.

Un finanziere chiedeva, alla fine del 2016, il trasferimento temporaneo presso altra sede per esigenze di genitorialità. Il trasferimento temporaneo del genitore, per poter esercitare il proprio ruolo familiare, è previsto dall'art. 42 bis del D.Lgs. n. 151 del 2001, norma che è stata profondamente modificata dalla novella di tre anni or sono (c.d. “Legge Madia”, n. 124 del 2015).

Va premesso che la norma ante riforma prevedeva, infatti, che il dipendente pubblico genitore di un minore di tre anni potesse essere assegnato ad altra sede dell'Amministrazione nella cui Regione o Provincia l'altro genitore svolgesse la propria attività lavorativa, a condizione che sussistesse un posto vacante e previo assenso sia dell'Amministrazione di provenienza sia di quella di destinazione.

La norma prevedeva, inoltre, che il dissenso dovesse essere motivato.

L'art. 42 bis D.Lgs. n. 151/2001, a seguito della riforma del 2015, prevede ora che, sussistendo i  predetti requisiti di legge, l'eventuale dissenso dell'Amministrazione deve essere motivato e limitato a casi od esigenze eccezionali.

Tornando alla vicenda del finanziere, il Comando generale ad agosto 2017 opponeva un diniego alla richiesta di trasferimento, motivando il provvedimento sulla base di generiche ed evasive esigenze di servizio individuate nel “deficit di effettivi” (peraltro non tenendo neppure conto dell’ingresso di nuove unità di personale, avvenuto proprio nel corso del 2017).

Il finanziere impugnava l’atto davanti al TAR Veneto, il quale (Sez. I) con sentenza n. 316 del 21 marzo 2018 offriva una interpretazione innovativa della disposizione da applicare, stabilendo che essarientra tra le norme poste dal legislatore a tutela dei valori inerenti alla famiglia garantiti dagli art. 29, 30 e 31 Cost. che, sottolineando i doveri verso la prole, promuovono e valorizzano gli interventi legislativi volti a rendere effettivo l’esercizio di tale funzione.Il beneficio, pensato quindi nell’esclusivo interesse del minore, ha la finalità precipua di favorire il ricongiungimento di entrambi i genitori ai figli ancora in tenera età.

In presenza dei requisiti obiettivi, nel caso di specie tutti pacificamente sussistenti, l’interesse legittimo del ricorrente poteva non essere soddisfatto solo di fronte a riconosciute, superiori esigenze organizzative dell’Amministrazione. Orbene, a giudizio del TAR tali esigenze debbono congruamente e compiutamente esser motivate e, dopo l’aggiunta operata con la L. 124 del 2015, devono essere di natura eccezionale e non sono più quindi identificabili col mero disagio all’attività della Pubblica amministrazione, bensì con l’effettivo pregiudizio al buon andamento della stessa.

Alla stregua della pronuncia in commento, quindi, può affermarsi che il trasferimento temporaneo per le esigenze di genitorialità costituisce un vero e proprio diritto del lavoratore che può essere limitato esclusivamente in casi od esigenze eccezionali che l'Amministrazione dovrà adeguatamente rappresentare nel proprio diniego.

Rodolfo Murra

(25 marzo 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

3 ottobre 2016
Corte Costituzionale | Non fondate le questioni di legittimità costituzionale. La sintesi e il testo della sentenza n. 214 del 3 ottobre 2016.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2016
Statali | Firmata l'ipotesi di accordo quadro nazionale che ridefinisce i nuovi comparti e le nuove aree di contrattazione.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2017
Riforma della P.A. | Approvati dal Consiglio dei Ministri due decreti legislativi. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2015
Riforma della P.A. | La Camera ha approvato in seconda lettura il d.d.l. presentato dal Governo. Il provvedimento torna ora all'esame del Senato.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2015
INPS | La nuove modalità operative sono rese possibili dal livello raggiunto nel processo di integrazione, nonché dallo sviluppo delle procedure informatiche e dei sistemi di comunicazione telematica.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

29 maggio 2016
Suprema Corte | Sostituire una vecchia scala creando due gradini nuovi costituisce trasferimento della servitù? E cambiare una vetrata sul tetto con degli abbaini viola la regola delle distanze?

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2017
Consiglio dei Ministri | Approvati in esame preliminare i decreti legislativi di riforma del testo unico del pubblico impiego, della disciplina della valutazione, del riordino delle forze di polizia, dei vigili del fuoco e dell’Aci/Pra.

 
 
Condividi la notizia

15 febbraio 2015
INPS | I lavoratori del pubblico impiego come i lavoratori del settore privato, possono costruirsi una trattamento di previdenza complementare aderendo ad un fondo negoziale o ad una delle forme di previdenza individuali.

 
 
Condividi la notizia

22 aprile 2018
Corte di Cassazione | I giudici di legittimità  ribaltano i due verdetti di merito.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Università italiane | Il Consiglio di Stato blocca i tentativi di eludere i test d'ingresso alle Università italiane con corsi di studio avviati all'estero.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2015
Garante Privacy | L'Autorità presieduta da Antonello Soro comunica che ora le imprese dovranno mettere in campo altri strumenti per tutelare i cittadini.

 
 
Condividi la notizia

8 gennaio 2016
Corte di Cassazione | La Suprema Corte conferisce rilevanza ai fini penali anche alla titolarità di una sola quota del bene.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2017
Funzione Pubblica | Il contributo, fino a un importo massimo di 1.000 euro su base annua, può essere corrisposto, previa presentazione della domanda da parte del genitore.

 
 
Condividi la notizia

29 marzo 2017
Ministero del Lavoro | La comunicazione deve essere inviata, almeno trenta giorni prima del trasferimento.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.